È urgente accelerare gli Obiettivi di sviluppo sostenibile, avverte la regina Mathilde

È urgente accelerare gli Obiettivi di sviluppo sostenibile, avverte la regina Mathilde
È urgente accelerare gli Obiettivi di sviluppo sostenibile, avverte la regina Mathilde
-

“È urgente accelerare l’attuazione degli obiettivi di sviluppo sostenibile” in Europa e nel mondo, ha avvertito la regina Matilde nel preambolo di una conferenza sullo stato di avanzamento di tali obiettivi tenutasi martedì. Se non si interviene, questi obiettivi non saranno raggiunti entro il 2030 come previsto.

Gli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) delle Nazioni Unite sono 17, ciascuno suddiviso in diversi target, per un totale di 169. Sradicare la povertà, proteggere l’ambiente e garantire prosperità per tutti sono i tre temi principali che li attraversano.

Martedì l’ufficio statistico europeo Eurostat ha pubblicato il suo rapporto 2024 sullo sviluppo sostenibile nell’Unione europea (UE). Questo documento esamina i progressi dei diversi obiettivi di sviluppo sostenibile all’interno dell’UE negli ultimi cinque anni.

Se diversi obiettivi hanno visto un netto miglioramento, come l’8 (lavoro dignitoso e crescita economica) e il 10 (riduzione delle disuguaglianze), altri sono tuttavia regrediti. In questo caso rientrano i punti 3 (salute e benessere), 6 (acqua pulita e servizi igienico-sanitari), 7 (energia pulita a prezzi accessibili) e 15 (vita sulla terra).

“Sono stati fatti progressi nel mondo, ma resta ancora molto da fare”, ha osservato la Regina durante il suo discorso di apertura alla conferenza organizzata attorno al rapporto Eurostat. “È fondamentale che i paesi attuino gli SDG. I paesi membri e l’UE stanno lavorando fianco a fianco verso questo obiettivo. Durante i miei recenti viaggi (in paesi extraeuropei, ndr), ho avuto l’opportunità di vedere cosa stanno facendo i paesi in via di sviluppo per raggiungere gli Obiettivi di sviluppo sostenibile. È necessario aiutarli a continuare su questa strada”.

“Non c’è spazio per l’autocompiacimento, ci restano appena sei anni per raggiungere questi obiettivi. Abbiamo una pesante responsabilità nei confronti dei nostri figli e delle generazioni future, ma possiamo ancora costruire un futuro migliore”, ha aggiunto il monarca.

“Alcuni obiettivi hanno risentito delle crisi che abbiamo vissuto e stiamo vivendo come la pandemia di Covid-19 e l’invasione russa dell’Ucraina”, ha poi spiegato il commissario europeo all’Economia, Paolo Gentiloni. L’italiano, invece, ha citato diversi progressi compiuti negli ultimi cinque anni dalla Commissione europea uscente. Ha citato in particolare il Green Deal, la legge europea sul clima e il piano d’azione sul pilastro europeo dei diritti sociali.

“L’Europa sembra essere sulla strada giusta, ma il mondo nel suo insieme non lo è. I problemi geopolitici complicano la situazione”, ha aggiunto Gentiloni. “Ribadisco tuttavia la nostra determinazione a raggiungere questi obiettivi. Per questo abbiamo bisogno di un approccio comune tra tutti i governi, ma anche con tutta la società in generale”.

“Spetterà alla prossima Commissione portare avanti questi obiettivi”, ha aggiunto.

Infine, il ministro federale del clima, dell’ambiente, dello sviluppo sostenibile e del Green Deal, Zakia Khattabi, è intervenuto per ricordare che il cambiamento climatico non è “una questione di credenze, ma una questione di scienza, fatti e cifre”. “Non possiamo arrenderci per il bene dei nostri figli e nipoti. Abbiamo bisogno di una trasformazione basata sulla scienza. Non c’è alcun pulsante di pausa”, ha premuto. “Ora è necessario chiedersi in che misura una decisione può far avanzare gli Obiettivi di sviluppo sostenibile”.

-

NEXT Per abbassare i prezzi dell’elettricità, il prossimo governo dovrà cambiare le regole