Computer quantistico, Godot della tecnologia?

Computer quantistico, Godot della tecnologia?
Computer quantistico, Godot della tecnologia?
-

Aspettando Godot… la migliore analogia con l’informatica quantistica, che continua ad essere annunciata e attesa. Una sfumatura importante, però: il personaggio di Samuel Beckett rimane un eroe spettrale, mentre il quantico comincia a materializzarsi.

Era tempo. Dopo 50 miliardi di euro investiti dalle autorità pubbliche mondiali, con la Cina in testa, non siamo mai stati così vicini a realizzare i 500-1.000 miliardi di guadagni promessi alle imprese nei prossimi quindici anni. Il mercato quantistico vale già 1 miliardo di euro nel 2024.

In Europa, la Germania ha lanciato un piano di investimenti da 3 miliardi di euro entro il 2026, e la Francia ha annunciato di investire 1,8 miliardi di euro con, come risultato, la formazione di 5.000 talenti e la creazione di 30.000 posti di lavoro. Sebbene nel 2023 gli investimenti siano diminuiti a livello globale, in Europa sono cresciuti del 47%. Non è da meno la Francia: sotto la guida del premio Nobel Alain Aspect, Pasqal, leader francese del settore, è valutato oltre 500 milioni di euro.

Un miliardo di volte più veloce

Di cosa stiamo parlando ? Computer che potrebbero essere un miliardo di volte più veloci dei computer convenzionali nel risolvere alcuni problemi complessi. L’unità di informazione che manipolano è il qubit, e ciascuno può assumere un numero infinito di valori, mentre i bit dei computer convenzionali manipolano solo 0 e 1.

Capaci di comprendere, nella materia fisica dei chip, una quantità incommensurabilmente maggiore di informazioni, sono incomparabilmente più veloci. Nel campo “quantistico” competono diverse tecnologie ai limiti della fisica attuale: superconduttività, atomi neutri, ioni intrappolati e fotonica.

Controllare che una matrice non sia caricata

Sono utilizzati oggi nelle aziende? Non proprio. Allo stato attuale, la supremazia quantistica, cioè il fatto che un computer quantistico sia più efficiente di un computer convenzionale, è stata stabilita solo per algoritmi senza applicazioni realmente utili, ad esempio il fatto di poter verificare che un dado non sia caricato (Google, 2019).

Nel prossimo futuro questo primato si concretizzerà innanzitutto per i problemi quantistici “nativi”, vale a dire la cui struttura si presta particolarmente bene alla modellizzazione quantistica.

Sono di quattro tipologie: modellare reazioni fisico-chimiche per scoprire materiali innovativi, nuove proteine, i farmaci di domani; l’ottimizzazione di sistemi complessi per migliorare la gestione dei flussi o la progettazione e ingegnerizzazione di sistemi complessi; la generazione di dati sintetici per addestrare modelli di intelligenza artificiale e, infine, la crittografia.

Non aspettare

È urgente aspettare? Soprattutto no. Oggi le banche, gli hedge fund e i produttori di automobili stanno reclutando team specializzati nel settore quantistico. Stanno lavorando alla costruzione di algoritmi codificati in qubit per le loro applicazioni strategiche.

Ciò comporta moltiplicare per mille la potenza dei migliori prototipi attuali. Questo orizzonte non è lontano, probabilmente tra il 2027 e il 2030.

Stanno formando partenariati con produttori di computer quantistici – IBM, ATOS, Pasqal, ecc. – e con centri di ricerca accademica. Queste aziende saranno pronte per il giorno in cui i produttori offriranno macchine sufficientemente potenti, l’equivalente di 50 qubit di “buona qualità”, rispetto ai 42 di oggi…

Sfida alla sicurezza informatica

Si tratta quindi di moltiplicare per mille la potenza dei migliori prototipi attuali. Questo orizzonte non è lontano, probabilmente tra il 2027 e il 2030. La prima sfida sarà quella della cybersecurity: con la supremazia quantistica, tutti i nostri dispositivi di sicurezza saranno subito obsoleti. Inoltre, l’American National Institute of Standardization and Technology (NIST) prevede di imporre un calendario per l’uso di soluzioni di crittografia in grado di resistere ai quanti.

E se il quanto non arrivasse? Anche in questo caso, rileggiamo l’opera di Samuel Beckett. Quando Estragon pone questa domanda a Vladimir, il saggio viandante risponde: “Torneremo domani. » Le aziende faranno lo stesso e rimarranno impegnate nell’intelligenza artificiale generativa.

Sylvain Durantonè direttore globale di BCG X, l’entità tecnologica di BCG.

-

PREV L’assassino del martinicano Andy Brigitte sospettato di aver ferito con un coltello un soldato a Parigi
NEXT Bimbo morto a La Ferté-Macé: c’è stata anche violenza contro il bambino?