Elezioni presidenziali americane 2024: la condanna di Trump conta poco per gli elettori

Elezioni presidenziali americane 2024: la condanna di Trump conta poco per gli elettori
Elezioni presidenziali americane 2024: la condanna di Trump conta poco per gli elettori
-

Non è cambiato nulla, o molto poco. Da quando Donald Trump è stato condannato da una giuria di un tribunale penale di Manhattan, i sondaggi sono rimasti stabili. Tutto fa pensare che agli elettori non interessi il nuovo status penale del candidato alla presidenza, che ovviamente potrebbe cambiare l’11 luglio, data in cui verrà pronunciata la sua sentenza.

Nei sette Stati chiave in cui si disputeranno le elezioni di novembre, l’ex presidente resta leggermente in testa con poco più di 3 punti di vantaggio sul suo seguace Joe Biden, secondo la media di RealClearPolitics. Se, invece di competere in un duello, competono cinque candidati, questo vantaggio si riduce a poco più di 2 punti. Queste differenze restano nel margine di errore, ma sono costanti da mesi, e in particolare dalla sentenza del 31 maggio.

In realtà, sono relativamente pochi gli elettori che prendono in considerazione questo verdetto come “criterio principale” per il loro voto di novembre: solo il 28% lo fa, secondo un sondaggio CBS-Yougov condotto dal 5 al 7 giugno. Meno di un elettore su tre.

E questa preoccupazione è solo al settimo posto nella lista dei “criteri principali”, dietro all’economia, all’inflazione, allo stato della democrazia, alla criminalità, ai migranti, alle armi da fuoco. Basti dire che a loro non interessa il verdetto di “colpevolezza”.

Per quanto riguarda gli elettori che si preparano a votare per Trump, la maggior parte (71%) afferma di non essere a conoscenza di questo verdetto, e il 14% voterà Trump “per sostenerlo dopo la sua condanna”. Solo il 15% si sente a disagio: vuole eleggerlo “malgrado la sua convinzione”.

Guerra culturale

Nel 2016, l’ex presidente si vantava di poter sparare a uno sconosciuto nel mezzo della Fifth Avenue a New York senza perdere un solo elettore. “È semplicemente incredibile”, disse all’epoca, durante la campagna in Iowa. I suoi fan lo adorano così tanto.

Al di là di questa passione per il leader populista, la stabilità dei sondaggi testimonia una società polarizzata. Molti americani hanno scelto da che parte stare e non si muoveranno più.

Tutti pensano di conoscere la verità: il 94% degli elettori democratici sostiene che la condanna di Trump sia dovuta alle decisioni della procura di New York (non si trattava infatti di un tribunale federale), mentre l’80% dei repubblicani ritiene che sia opera dei Biden amministrazione.

Un sondaggio Pew Research di aprile mostra che esiste un abisso tra le opinioni dei sostenitori di Joe Biden e di Donald Trump sulle questioni che stanno dando origine a una “guerra culturale”.

Annegare il pesce

Più di otto trumpisti su dieci ritengono che armare i cittadini aumenti la sicurezza, 63 punti in più rispetto agli elettori pro-Biden. La stessa proporzione dichiara che la giustizia non è abbastanza severa con i criminali (tranne che con Trump), 41 punti in più.

Su altre tre questioni sociali le posizioni sono invertite, con differenze di 50 punti o più. I democratici credono che l’eredità della schiavitù influenzi l’attuale posizione dei neri nella società americana; che l’America deve essere aperta al mondo; che si può avere un genere diverso da quello assegnato alla nascita. Gli elettori pro-Trump sono convinti del contrario.

In questo contesto, la condanna del leader populista “passa” tanto più facilmente in quanto i repubblicani fanno di tutto per soffocare il pesce. La condanna di Hunter Biden questo lunedì per possesso illegale di un’arma è stata un’opportunità per cercare di screditare suo padre Joe Biden. I legislatori si sono anche mossi per condannare il procuratore generale Merrick Garland per “disprezzo” per essersi rifiutato di rilasciare gli interrogatori audio di Joe Biden sulla questione dei suoi archivi presidenziali smarriti. In questa valanga di infamia, a chi credere? Gli americani fanno affidamento sul loro leader.

-

PREV Labrador City evacuata mentre si avvicina l’incendio | Incendi boschivi in ​​Canada
NEXT Per abbassare i prezzi dell’elettricità, il prossimo governo dovrà cambiare le regole