Perché Mohamed Amra non è stato monitorato di più in carcere?

Perché Mohamed Amra non è stato monitorato di più in carcere?
Perché Mohamed Amra non è stato monitorato di più in carcere?
-

Stupore in Place Vendôme. Mercoledì sera i consiglieri del ministro della Giustizia sono rimasti un po’ sorpresi quando hanno scoperto le rivelazioni del parigino e BFM TV riguardo a Mohamed Amra. Secondo i due media, la cella da lui occupata per un anno e mezzo nel carcere di La Santé era stata intercettata dalla polizia. Gli investigatori del PJ sospettavano allora che questo trentenne recidivo, fuggito il 14 maggio a Eure, avesse ordinato, dal centro di custodia cautelare, l’omicidio di un uomo ad Aubagne (Bouches-du-Rhône) a scopo di furto circa cento chili di cannabis.

Ascoltandolo, si sono resi conto che “La Mosca”, come a volte viene soprannominato, continuava a gestire il suo traffico di droga con il pugno di ferro grazie ai telefoni che aveva ottenuto durante la detenzione. Tra gennaio e maggio 2023 sono stati sequestrati ben nove dispositivi.

Chi circonda Éric Dupond-Moretti riconosce che questa informazione è “intrigante”. “Prendiamo la questione sul serio. Attualmente stiamo esaminando esattamente cosa sta succedendo. Abbiamo chiesto dettagli”, ha detto una fonte vicina alla questione 20 minuti.

“Spetta al magistrato avvisare l’amministrazione penitenziaria”

Come spiegare il fatto che Mohamed Arma non sia stato più monitorato durante la sua permanenza dietro le sbarre a Parigi? Fino ad allora era stato condannato dai tribunali solo per casi di minore importanza: rodei motorizzati, furto aggravato, associazione a delinquere, estorsione, violenza con armi. Ma era ben lungi dall’essere un semplice delinquente. Il trentenne al suo arrivo alla Sanità era già incriminato per un altro caso di tentato omicidio.

Tuttavia, il capo dell’istituto non ha mai pensato di registrarlo come DPS, o “detenuto particolarmente importante”. Una misura che permette, in sostanza, di indicare al personale penitenziario che è necessario essere più vigili nei confronti di questi detenuti. Si applica in particolare se appartengono “alla criminalità organizzata locale, regionale, nazionale o internazionale”, e se sono “suscettibili di atti di grande violenza”, indica una circolare del 15 ottobre 2012.

Mohamed Amra soddisfa quasi tutte le aspettative. Le registrazioni sonore della sua cella effettuate dalla polizia mostrano che aveva allacciato legami con i trafficanti di tutto il Paese. Il boss non ha esitato ad organizzare rapimenti violenti per ottenere riscatti, per rubare la merce dei suoi concorrenti. E ha anche cercato di procurarsi delle armi. Il direttore sanitario lo sapeva? “Si tratta di un fascicolo che era sotto indagine, sotto l’autorità di un magistrato, spetta anche a lui comunicarlo all’amministrazione penitenziaria”, sussurra una fonte della polizia 20 minuti.

La difficile lotta ai cellulari in carcere

Per quanto riguarda i cellulari, sembra abbastanza facile per i detenuti di diritto comune procurarseli in detenzione, secondo chi li mostra su TikTok. “Ci sono diversi modi per portare i telefoni in detenzione: i parlatori, la complicità di persone che lavorano in carcere, i lanciatori, i droni…”, spiega a 20 minuti una fonte giudiziaria.

Su TikTok alcuni detenuti non esitano a spiegare come ottengono i telefoni in carcere e come li nascondono– immagine dello schermo

Talvolta negli istituti penitenziari vengono installati dei disturbatori. “Ma è complicato da allestire, è costoso e crea problemi agli stabilimenti situati nelle città. Perché questi dispositivi bloccano anche le comunicazioni in tutto il quartiere e i vicini si lamentano. Preferiamo allora predisporre un disturbo parziale, in alcune zone della detenzione», continua la nostra fonte, aggiungendo che è difficile per le guardie, a corto di personale, monitorare permanentemente le 77.750 persone detenute in Francia.

Un precedente tentativo di fuga

Nel settembre 2023, Mohamed Amra è stato nuovamente incriminato, in particolare per omicidio da parte di una banda organizzata, rapimento e sequestro di ostaggi. Il detenuto è stato poi trasferito a Baumettes, a Marsiglia e poi, lo scorso aprile, al carcere di Evreux. Recentemente era stato messo in isolamento perché sospettato di aver tentato di segare le sbarre della sua cella. Lo aveva riferito una fonte giudiziaria 20 minutis che “questo caso era troppo recente perché il suo status potesse essere rivalutato”.

Alla fine è riuscito a fuggire la settimana scorsa grazie all’aiuto di un commando che non ha esitato ad aprire il fuoco sul furgone a bordo. Due dei cinque agenti penitenziari che componevano la scorta sono rimasti uccisi nell’attacco.

“Il suo status richiedeva una scorta rinforzata di livello 3”, ha detto il procuratore di Parigi Laure Beccuau in un comunicato stampa. Se Amra fosse stata registrata come DPS, la polizia o la gendarmeria gli avrebbero dato una mano o avrebbero effettuato questo trasferimento dal carcere al tribunale. Nulla dice, però, che questo avrebbe dissuaso i suoi complici dall’agire.

-

PREV Nei pressi di Vitré scoppia un incendio al piano superiore della casa, gli abitanti si trasferiscono
NEXT Il pastore della Gateway Church, Robert Morris, si dimette dopo le accuse di abusi sessuali