“Ci sentiamo più valorizzati dal discorso politico”

“Ci sentiamo più valorizzati dal discorso politico”
“Ci sentiamo più valorizzati dal discorso politico”
-

È uno dei dati eclatanti del Barometro dell’attrattiva della Francia pubblicato dalla società EY all’inizio di maggio: con 183 progetti completati nel 2023, la Germania è il secondo investitore straniero in Francia, subito dietro agli Stati Uniti (215 progetti ) e molto più avanti del Belgio (83 progetti). Daniel Hager, presidente del consiglio di sorveglianza dell’omonimo gruppo familiare, è uno di quei leader tedeschi che credono nel potenziale della Francia.

Originario del Saarland, Hager è uno specialista in apparecchiature elettriche. Si tratta di un’azienda tipica del Mittelstand tedesco, questa rete di aziende esportatrici di medie dimensioni e spesso a conduzione familiare. Il gruppo, che ha realizzato 3,2 miliardi di euro di fatturato nel 2023, per 13.000 dipendenti distribuiti in dieci paesi, prevede di investire nei prossimi anni diverse decine di milioni di euro nei suoi due siti produttivi francesi. L’importo esatto sarà annunciato lunedì 13 maggio, durante il vertice Choose France.

“Il nostro sito di Obernai, nel Basso Reno, è il più grande del grupposottolinea il signor Hager. È qui che risiede l’abilità del taglio ad arco, essenziale nei nostri prodotti. Poiché la domanda continua a crescere, desideriamo sviluppare contemporaneamente ad altre sedi aziendali in Europa un’altra sede affiliata a Bischwiller. »

Leggi il rapporto | Articolo riservato ai nostri abbonati Nella Germania in recessione, i piccoli produttori tradizionali vacillano

Aggiungi alle tue selezioni

Hager, fondata nel 1955, è presente in Alsazia dal 1959, epoca in cui il Saarland era economicamente attaccato alla Francia. Le sue scatole di fusibili equipaggiano ormai quattro case su dieci in Francia. Daniel Hager, francofono, conosce perfettamente il paese. Sottolinea che il tono accogliente nei confronti delle imprese industriali adottato negli ultimi anni costituisce un fattore favorevole agli investimenti: “Ci sentiamo più valorizzati dal discorso politico. C’è una dinamica. Riteniamo che la reindustrializzazione sia un tema reale. »

Lo vede a livello locale: “In Alsazia, l’Agenzia per lo sviluppo economico fa molto per aiutare le imprese a svilupparsi, eliminando il più possibile le barriere amministrative, con persone molto ben inserite nel tessuto industriale. Le autorizzazioni sono spesso molto più veloci che in Germania. » A ciò si aggiunge il fattore fiscale: l’imposta sulle società ridotta al 25% è considerata dal gestore un importante fattore di attrattività.

Sovvenzioni per la revoca delle auto elettriche

L’ascesa del Rassemblement National nei sondaggi non preoccupa particolarmente il leader della Saar. È piuttosto allarmato dalla situazione in Germania. “L’instabilità politica a Berlino è qualcosa di cui non parliamo abbastanza. Abbiamo un governo tripartito che non sa dove sta andando, che non è in grado di concordare le riforme da attuare o prende decisioni irregolari. È molto dannoso per gli investimenti”continua Hager, citando l’esempio dei sussidi per le auto elettriche, improvvisamente revocati nel dicembre 2023, quando la domanda di questi veicoli era in aumento.

Ti resta il 31,3% di questo articolo da leggere. Il resto è riservato agli abbonati.

-

PREV Esplosione di casi di pertosse in Europa: il Marocco deve preoccuparsi?
NEXT “Mainvilliers hier”, una mostra sulle orme dei suoi abitanti negli anni ’50