Calcio: il giocatore del Monaco Mohamed Camara nasconde sulla sua maglia gli stemmi della giornata contro l’omofobia e crea polemiche

Calcio: il giocatore del Monaco Mohamed Camara nasconde sulla sua maglia gli stemmi della giornata contro l’omofobia e crea polemiche
Calcio: il giocatore del Monaco Mohamed Camara nasconde sulla sua maglia gli stemmi della giornata contro l’omofobia e crea polemiche
-

l’essenziale
Il centrocampista monegasco ha rifiutato di lasciare visibili gli elementi visivi della giornata in difesa dei diritti LGBT+ durante la partita contro il Nantes di domenica 19 maggio. Si è rifiutato anche di prendere parte alla foto durante il protocollo pre-partita.

La giornata della lotta contro l’omofobia cristallizza definitivamente molte tensioni nella Ligue 1. La Lega Calcio Professionistica (LFP) ha pensato di aver trovato la soluzione affinché anche i giocatori più riluttanti potessero esporre simboli a favore dei diritti LGBT+.

Il giocatore dell’AS Monaco Mohamed Camara ha tuttavia nascosto la toppa neutra, senza i colori dell’arcobaleno della comunità, sulla sua maglia durante la vittoria per 4-0 contro il Nantes nella 34esima e ultima giornata della 1a divisione.

Leggi anche:
Calcio: l’attaccante dell’FC Nantes Mostafa Mohamed si rifiuta di giocare in occasione della giornata contro l’omofobia

Il centrocampista non si è presentato alla foto pre-partita in cui le due squadre posavano davanti a un pannello e dietro un grande telone su cui era cancellata la stessa parola “omofobia”. È poi sceso in campo con una maglia decisamente diversa da quella degli altri giocatori in campo, visto che sulla patch anti-omofobia e sullo stemma della Ligue 1 decorato con i colori LGBT è stato applicato del nastro adesivo.

?Buonasera @AS_Monaco lo lasci giocare #MohamedCamara che pubblicamente e apparentemente invia un messaggio di#omofobia ?@LFPfr Ti interessa sanzionare questi comportamenti ogni tanto? https://t.co/lvenSu4cqy pic.twitter.com/iy1GUCmlvd

— Rouge Direct (@RougeDirect) https://twitter.com/RougeDirect/status/1792285300141457467?ref_src=twsrc%5Etfw

I collettivi contrari a questa discriminazione, come “Rouge direct”, hanno immediatamente reagito condannando la manovra di Mohamed Camara e chiedendo sanzioni contro il giocatore e il suo club. Altri resoconti ironizzavano ancora sulla mentalità del maliano che si rifiutava di stare al gioco.

Ahi, purtroppo, nonostante il nastro adesivo per nascondere il logo della lotta contro l’omofobia, i colori dell’arcobaleno hanno comunque fatto effetto su Mohamed Camara, che è diventato subito omosessuale quando ha indossato la maglia. pic.twitter.com/kheT10IeYt

— COSÌ PIEDE (@sofoot) https://twitter.com/sofoot/status/1792286841690837252?ref_src=twsrc%5Etfw

Questo episodio riecheggia numerose polemiche sulla giornata contro l’omofobia. Il giocatore dell’FC Nantes Mostafa Mohamed era assente all’incontro di stasera nel Principato, una defezione che si era già notata l’anno precedente.

Le associazioni LGBT si interrogano sulle motivazioni alla base di questi pacchetti e chiedono già la responsabilità dei club dei giocatori interessati.

-

PREV “Uno shock di estrema violenza”: in Gironda, quattro giovani tra i 17 e i 20 anni muoiono in un incidente stradale, aperta un’inchiesta
NEXT Il dollaro si indebolisce contro l’euro mentre le tensioni politiche si allentano in Europa