L’inflazione core norvegese ha rallentato meno del previsto ad aprile

L’inflazione core norvegese ha rallentato meno del previsto ad aprile
L’inflazione core norvegese ha rallentato meno del previsto ad aprile
-

(Bloomberg) – Il tasso di inflazione sottostante della Norvegia è sceso meno di quanto previsto dagli analisti il ​​mese scorso, riducendo probabilmente le aspettative che la banca centrale effettuerà il suo primo taglio dei tassi di interesse quest’anno.

Il tasso di inflazione di fondo, che esclude voci volatili come l’energia, è sceso al 4,4% in aprile, secondo una dichiarazione dell’ufficio statistico di venerdì. Si tratta di un valore appena inferiore alla proiezione della Norges Bank del 4,5%, mentre la previsione mediana in un sondaggio degli analisti di Bloomberg era per un ritmo del 4,2%.

I dati suggeriscono che la pressione sui prezzi nella nazione nordica ricca di combustibili fossili rimane più ostinata rispetto ai suoi omologhi europei, in un momento in cui una rinnovata debolezza della corona minaccia di alimentare l’inflazione importata. Ciò significa anche che ci sono ancora meno fattori che distolgono i politici norvegesi dal loro orientamento al rialzo per un periodo più lungo.

“La Norges Bank deve essere convinta che l’inflazione core raggiungerà il 2% e crediamo che la strada sia ancora lunga con una corona debole, un’elevata crescita dei salari nominali e con aumenti degli affitti ancora elevati per qualche tempo”, ha affermato lo stratega senior di Nordea Bank Abp. Dane Cekov, ha detto in una nota ai clienti. “Crediamo ancora che la Norges Bank non taglierà il tasso di riferimento fino al prossimo anno e vedrà solo due tagli al 4% fino alla fine del 2025.”

La valuta norvegese, tra le valute più deboli nell’ambito del G-10 quest’anno, si è rafforzata dello 0,2% dopo la notizia, scambiando a 11,6716 per euro alle 9:19 a Oslo.

La settimana scorsa, il governatore Ida Wolden Bache e altri decisori dei tassi hanno affermato che i recenti sviluppi della corona, insieme ai dati sulla crescita dei salari e su un’economia più resiliente, suggeriscono che il primo taglio dei tassi di interesse potrebbe dover essere ritardato oltre l’autunno.

Per saperne di più: La Norvegia apre le porte a un ritardo nel taglio dei tassi a causa della debolezza della corona

Si prevede che quest’anno la crescita media dei prezzi in Norvegia rimarrà la più rapida tra i membri del G-10, secondo i dati compilati da Bloomberg.

L’inflazione complessiva è scesa al minimo di sette mesi, pari al 3,6% in aprile, superando leggermente anche la previsione mediana degli analisti. Il calo è stato sostenuto principalmente dal calo dei prezzi dell’elettricità, che non sono inclusi nei dati sull’inflazione core, ha affermato l’ufficio statistico.

“L’aumento dei prezzi dei beni e dei servizi prodotti in Norvegia è ancora difficile da contenere”, ha detto Marius Gonsholt Hov, capo economista con sede a Oslo presso Svenska Handelsbanken AB, in un commento via email. “Ci aspettiamo che la Norges Bank mantenga i tassi di interesse invariati almeno fino a dicembre”.

Nella vicina Danimarca, l’inflazione è scesa allo 0,8% in aprile, aiutata principalmente dalla riduzione dei costi di mobili e attrezzature domestiche, secondo una dichiarazione dell’Ufficio statistico danese.

–Con l’assistenza di Joel Rinneby.

(Aggiornamenti con dettagli, commenti degli analisti dal quarto paragrafo.)

©2024 Bloomberg LP

-

PREV Cos’è il Progetto Alimentare Territoriale su cui sta lavorando l’Agglo Pays d’Issoire?
NEXT Calcio – Ligue 2. Possibile proseguimento, Thomas Callens titolare, Lucas Buades assente…: cosa sapere prima di Rodez