miliardi promessi per la ricostruzione, nuove forti piogge attese

miliardi promessi per la ricostruzione, nuove forti piogge attese
miliardi promessi per la ricostruzione, nuove forti piogge attese
-

Almeno 107 persone sono morte in Brasile, 754 sono rimaste ferite e 134 sono disperse in seguito alle piogge torrenziali che si sono abbattute sullo stato del Rio Grande do Sul la scorsa settimana, secondo l’ultimo rapporto della Protezione Civile. Circa 1,7 milioni di persone sono state colpite e più di 327.000 sono state evacuate a causa del maltempo, un disastro naturale che gli esperti e il governo collegano al cambiamento climatico.

Mentre le squadre di soccorso stanno ancora lottando per salvare i residenti e gli animali intrappolati nelle acque in un ambiente desolato, il capo di Stato Luiz Inacio Lula da Silva ha presieduto un incontro a Brasilia per discutere le risposte alla tragedia. Il governo federale ha deciso di iniettare “risorse dell’ordine di 50 miliardi di reais (circa 9 miliardi di euro) nel Rio Grande do Sul”, ha annunciato il ministro delle Finanze Fernando Haddad.

La ricerca è ripresa

Le misure adottate danno priorità alla concessione di prestiti per aiutare i lavoratori, le imprese e i comuni colpiti. La Banca interamericana di sviluppo (BID) stanzierà circa un miliardo di euro di risorse “per la tutela dell’occupazione, il sostegno alle imprese e progetti di ricostruzione delle infrastrutture”, ha annunciato il presidente brasiliano dell’istituzione, Ilan Goldfajn.

Queste inondazioni hanno colpito la capitale dello stato, Porto Alegre, e i suoi 1,4 milioni di abitanti, ma anche più di 400 località della regione. Circa 60.000 case furono danneggiate o distrutte.

Le squadre di soccorso hanno ripreso giovedì la ricerca delle persone intrappolate nelle loro case o riluttanti a partire per paura di saccheggi. I soccorritori si stanno mobilitando anche per salvare gli animali, come questo cavallo che i media locali hanno mostrato da solo sul tetto di una casa sommersa, a Canoas, un sobborgo di Porto Alegre, e salvato utilizzando gommoni.

Consegna di aiuti umanitari

Un altro compito gigantesco per le autorità locali è quello di rafforzare la logistica per accelerare la distribuzione dei beni di prima necessità alle vittime del disastro, mentre da venerdì è prevista altra pioggia. “L’attenzione è sempre rivolta ai soccorsi […] ma stiamo lavorando molto intensamente alla fornitura di aiuti umanitari”, ha detto Sabrina Ribas, portavoce della Protezione civile.

Si prevede che questi sforzi saranno ostacolati “in una certa misura” nei prossimi giorni, date le previsioni di “forte pioggia” a partire da venerdì, ha avvertito.

CARLOS FABAL/AFP

In un complesso sportivo nel centro del capoluogo regionale, un rifugio accoglie circa 450 vittime, oltre a una quarantina di cani e un maialino. Le vittime hanno trascorso la notte su materassi posti sul pavimento di una palestra. I volontari smistano sul posto piumini, vestiti caldi e persino pannolini per bambini. “Non ho perso nulla, ma non mi sentivo bene a stare a casa. Aiutare è una cosa umana”, dice Tauane Bassoler, 26 anni, mentre piega i vestiti.

Il muschio contribuisce

Secondo la ONG Criminal Justice Network, l’acqua è aumentata anche nelle carceri statali, che hanno richiesto aiuti federali dopo essere rimaste senza acqua potabile. Nel carcere di Charqueadas un gruppo di detenuti ha dovuto essere trasferito ai piani superiori.

Gesti di solidarietà sono arrivati ​​anche dall’estero. Papa Francesco ha inviato 100.000 euro per aiutare le persone sfollate, secondo il sito web di Vatican News.

Elon Musk ha annunciato sulla sua rete X che la sua azienda Starlink donerà mille terminali Internet alle squadre di soccorso. “Spero il meglio per il popolo brasiliano”, ha aggiunto il miliardario, recentemente coinvolto in una situazione di stallo con la giustizia brasiliana.

-

PREV Torna la pioggia, Alizé Cornet è un’impresa? Segui con noi la fine del primo round…
NEXT La sterlina britannica raggiunge il nuovo massimo di due mesi contro il dollaro in vista dei dati sull’inflazione