Calcio: l’FC Sion fa il suo dovere ad Aarau e punta verso la Superlega

Calcio: l’FC Sion fa il suo dovere ad Aarau e punta verso la Superlega
Calcio: l’FC Sion fa il suo dovere ad Aarau e punta verso la Superlega
-

Il Sion e la Superlega si separano solo da poche formalità. I vallesani potrebbero dover fare l’impresa tra una settimana a Bellinzona o addirittura tre giorni dopo contro lo Sciaffusa. Non c’è dubbio che ci riusciranno. La vera ultima tappa da percorrere è stata giovedì ad Aarau. E i Sédunois sono andati a raccogliere la più preziosa delle vittorie (1-2).

L’FC Sion aveva tutto per fare bene. Il sostegno dei vallesani accorsi numerosi al Brügglifeld, avversario che in questa stagione non gioca più nulla, il vantaggio del primo gol e addirittura un uomo in più in campo per tutto il secondo tempo. In questi tempi in cui il Sion ha ripreso l’abitudine di lamentarsi del suo trattamento arbitrale, possiamo aggiungere alla lista anche Lionel Tschudi, molto bravo a fischiare giovedì.

Per molto tempo ciò non è bastato a far pendere la bilancia nella giusta direzione. Più per goffaggine e mancanza di concentrazione che altro. Molto serio in Argovia, il Sion si è semplicemente dimenticato in un momento fastidioso: subito dopo che Théo Bouchlarhem ha aperto le marcature (33esimo). L’esterno francese è saltato più in alto di tutti su calcio d’angolo, segnando in un’area dove non te lo aspetteresti necessariamente. Solo che appena tre minuti dopo, Shkelqim Demhasaj è riuscito a pareggiare su una delle rare possibilità della FCA. Non ci sarebbe stato molto di più, Isaac Pappoe ha commesso un grosso fallo a centrocampo che gli è valso un cartellino rosso poco prima dell’intervallo.

L’FC Sion si è poi trovato a mettere alla prova la propria pazienza. Probabilmente l’ultima sfida che ha dovuto affrontare per tornare in Superlega. Per mezz’ora i vallesani non hanno trovato difetti. Aspettavano semplicemente l’arrivo dell’uomo provvidenziale. Al 70esimo, Georgi Rusev è uscito dalla panchina. Sei minuti dopo, l’attaccante bulgaro ha segnato il suo secondo gol per il Sion, molto più importante del gol aneddotico nel 4-1 contro il Baden di febbraio.

Sion lo aveva fatto. Aarau fu sconfitto e non sarebbe mai tornato. Adesso ci vorrebbe un cataclisma perché la promozione gli sfugga. Potrebbe addirittura festeggiare la promozione sabato sera, se il Thun perdesse contro lo Sciaffusa. Sarebbe sicuramente triste vivere un momento simile a distanza. Possiamo immaginare che Sion ne sarebbe felicemente soddisfatto.

-

PREV un automobilista muore investito da un treno a Dampremy, l’alluvione aveva abbattuto il passaggio a livello!
NEXT L’oro di Quimbaya rivendicato dalla Colombia