Politica perinatale: ancora troppi morti prima e dopo la nascita

Politica perinatale: ancora troppi morti prima e dopo la nascita
Descriptive text here
-

Risultati in calo a fronte di costi in aumento, è questo il tipo di constatazione che fa rabbrividire la Corte dei Conti. “Mentre le risorse destinate alle politiche perinatali aumentano (9,3 miliardi di euro nel 2021, ovvero +9% rispetto al 2016) e il tasso di natalità diminuisce (-5,3% nello stesso periodo), i risultati osservati sul piano sanitario sollevano la questione dell’efficienza delle risorse stanziate”indica subito nel suo ultimo rapporto pubblicato il 6 maggio 2024. Il periodo, che va dalla fine della gravidanza ai primi mesi del bambino, rappresenta tuttavia “un periodo delicato per lo sviluppo del bambino”, ricorda l’istituzione. Ci sono elementi del suo sviluppo cognitivo psicologico e fisico in gioco che possono continuare a farlo “si esprimono lungo tutto l’arco della vita dell’individuo, ed hanno notevoli conseguenze sul livello della spesa sanitaria”.

Gli indicatori disponibili in effetti non sono eccezionali. Il numero di bambini nati morti rispetto al totale delle nascite “è da vent’anni tra i più alti d’Europa (3,8% nel periodo 2015-2020)” e Francia “è uno dei pochi paesi in cui la situazione non è migliorata dal 2000”. Con il 2,7% di morti nei primi mesi, la Francia è di più «alle 22e classifica su 34 paesi europei. Un semplice livellamento dei nostri vicini avrebbe potuto evitare 2.079 di queste morti solo tra il 2015 e il 2017, hanno calcolato gli esperti di rue Cambon. Infine, in termini di mortalità materna, la Francia si colloca nella media europea, con 8,5 decessi ogni 100.000 nati. Tuttavia, la maggior parte di questi decessi sono considerati prevenibili e si sono verificati “dopo cure non ottimali, in particolare a causa di disfunzioni nel sistema di assistenza e nei percorsi di assistenza perinatale”.

Inadeguatezze del sistema di monitoraggio e assistenza

Fattori strutturali spiegano questi scarsi risultati, come l’aumento del sovrappeso e dell’obesità tra le donne, il mantenimento “ad alto livello” consumo rischioso durante la gestazione o la percentuale crescente di gravidanze tardive. Ancora più importante, il peso delle disuguaglianze sociali e territoriali sulle morbilità durante il periodo, e che colpisce principalmente “madri nate all’estero” e quelli dei Territori d’Oltremare Ma la Corte sottolinea anche le inadeguatezze del sistema di monitoraggio e di assistenza.

In termini di prevenzione, la Corte esamina il calo di attività delle PMI, che tuttavia “svolge un ruolo particolarmente importante per i più vulnerabili”. Lei chiama “rafforzare la considerazione delle situazioni individuali delle madri” e ad a “maggiore utilizzo delle interviste prenatali e postnatali”. Ma soprattutto evidenzia lo stato dei reparti maternità, in particolare quelli che non rispettano lo standard dei 3000 parti all’anno e che, in un contesto di carenza, stentano a “Attrarre e trattenere personale qualificato”.

Prima di partire, un’ultima cosa…

A differenza del 90% dei media francesi di oggi, L’umanità non dipende da grandi gruppi o miliardari. Significa che :

  • ti portiamo noi informazioni imparziali e senza compromessi. Ma anche quello
  • non abbiamo non i mezzi finanziari di cui beneficiano gli altri media.

L’informazione indipendente e di qualità ha un costo. Pagalo.

Voglio saperne di più (metti il ​​link qui)

-

PREV Anni difficili dopo la morte del fratello Karim Ouellet, ritorno alla musica: Sarahmée pubblica un video toccante su Instagram
NEXT Calcio – Ligue 2. Possibile proseguimento, Thomas Callens titolare, Lucas Buades assente…: cosa sapere prima di Rodez