Trump tornerà nell’aula del tribunale di New York per un processo criminale con denaro segreto

Trump tornerà nell’aula del tribunale di New York per un processo criminale con denaro segreto
Trump tornerà nell’aula del tribunale di New York per un processo criminale con denaro segreto
-

Donald Trump tornerà lunedì in un’aula di tribunale di New York, dove sarà costretto a sedersi in silenzio mentre altri testimonieranno sui suoi sforzi durante le elezioni presidenziali del 2016 per nascondere la notizia di un presunto tentativo con una porno star.

Il processo criminale di Trump, entrato nel suo dodicesimo giorno, ha visto la testimonianza di un suo assistente e di un ex editore di tabloid sugli sforzi compiuti durante la sua prima candidatura presidenziale per reprimere storie di comportamenti sessuali poco lusinghieri.

La procura di New York ha accusato Trump di aver falsificato documenti aziendali per coprire un pagamento di 130.000 dollari alla porno star Stormy Daniels, che afferma di aver avuto un incontro sessuale con lui nel 2006. Trump si è dichiarato non colpevole e nega di aver mai fatto sesso con Daniels.

Trump si lamenta spesso del fatto che il primo processo penale contro un ex presidente degli Stati Uniti lo ha tenuto rinchiuso in una fredda aula di tribunale di Manhattan mentre dovrebbe essere fuori a corteggiare gli elettori mentre prepara un tentativo di ritorno alla Casa Bianca.

Durante il fine settimana, ha ospitato uno stuolo di potenziali candidati alla vicepresidenza a un evento del Partito Repubblicano in Florida.

Il caso presenta sordide accuse di adulterio e guadagni segreti, ma è ampiamente considerato meno consequenziale di altri tre procedimenti penali che Trump deve affrontare. È l’unico certo che andrà a processo prima delle elezioni presidenziali del 5 novembre.

Gli altri casi lo accusano di aver tentato di ribaltare la sua sconfitta presidenziale del 2020 e di aver gestito male documenti riservati dopo aver lasciato l’incarico. Trump si è dichiarato non colpevole di tutti e tre.

Non è chiaro chi testimonierà lunedì. I pubblici ministeri hanno mantenuto segreta la lista dei testimoni per paura che Trump potesse tentare di influenzare gli attori chiave del processo.

Trump è stato multato di 9.000 dollari dal giudice Juan Merchan per aver violato un ordine di silenzio che gli impediva di fare commenti pubblici su giurati, testimoni e famiglie del giudice e dei pubblici ministeri se le dichiarazioni intendevano interferire con il caso.

Merchan sta valutando se imporre un’altra multa per ulteriori presunte violazioni, come richiesto dai pubblici ministeri.

I principali attori del caso devono ancora testimoniare, tra cui Daniels e l’ex avvocato di Trump Michael Cohen, che ha gestito il pagamento a Daniels, il cui vero nome è Stephanie Clifford.

La settimana scorsa i 12 giurati e i sei supplenti che decideranno sulla colpevolezza o sull’innocenza di Trump hanno ascoltato la testimonianza di Hope Hicks, la sua ex assistente di lunga data, che ha descritto gli sforzi frenetici per rispondere alle storie di presunte relazioni e molestie sessuali emerse nelle ultime settimane della campagna del 2016. .

Hicks si è emozionato quando ha testimoniato che Trump le aveva detto di negare di aver fatto sesso con Daniels e voleva impedire a sua moglie Melania di venire a conoscenza dell’accusa. Ciò potrebbe aiutare la difesa di Trump, che sostiene di aver effettuato il pagamento per proteggere la sua famiglia piuttosto che per ingannare gli elettori.

I pubblici ministeri affermano che il pagamento di Trump a Daniels ha corrotto le elezioni nascondendo la notizia agli elettori, in un momento in cui il trattamento delle donne da parte del repubblicano Trump era una questione centrale nella sua campagna contro la candidata democratica Hillary Clinton.

Lo accusano di aver falsificato i documenti per coprire violazioni della legge elettorale e della legge fiscale che elevano i 34 capi d’imputazione che deve affrontare da reati minori a crimini punibili fino a quattro anni di prigione.

I giurati hanno anche ascoltato l’ex avvocato di Daniels, Keith Davidson, che ha contribuito a garantire il pagamento, e l’ex editore del National Enquirer David Pecker, che ha testimoniato di aver collaborato con Trump per sopprimere storie che avrebbero potuto danneggiare la sua candidatura presidenziale.

-

PREV Mbappé, atmosfera al Park, fastidio… Cosa ricordare della conferenza stampa di Luis Enrique prima di PSG-Dortmund
NEXT quali conseguenze sui prezzi in Francia?