Il speranzoso vicepresidente di Trump, Tim Scott, rifiuta ripetutamente di dire che accetterebbe una perdita nel 2024

Il speranzoso vicepresidente di Trump, Tim Scott, rifiuta ripetutamente di dire che accetterebbe una perdita nel 2024
Il speranzoso vicepresidente di Trump, Tim Scott, rifiuta ripetutamente di dire che accetterebbe una perdita nel 2024
-

Sen. Tim Scott (R-SC) vuole chiaramente essere il candidato alla vicepresidenza di Donald Trump, tanto da essere disposto a scartare le elezioni del 2024 se Trump perde, nonostante abbia votato per certificare la sua sconfitta nel 2020.

Incontra la stampa La moderatrice Kristen Welker domenica ha insistito su Scott chiedendogli se avrebbe accettato i risultati delle elezioni del 2024 se il biglietto repubblicano avesse perso, sottolineando che Trump ha continuato a fare false affermazioni sulle elezioni del 2020 fino alla settimana scorsa.

“Perché vorresti avere un biglietto con qualcuno in cui c’è una differenza così fondamentale?” chiese Welker.

Scott ha cercato di fingere che la questione dell’accettazione dei risultati elettorali non fosse un problema, poiché Trump ha affermato che si aspetta che i risultati elettorali siano giusti e onesti. “Mi aspetto esattamente la stessa cosa e, francamente, il popolo americano è d’accordo con lui”, ha detto Scott. “Questo è un problema che non è un problema, quindi non lo renderò un problema.”

Trump ha detto al Sentinella del giornale di Milwaukee mercoledì che accetterebbe “volentieri” i risultati elettorali “se tutto fosse onesto”. Altrimenti, ha detto, “devi lottare per il diritto del Paese”. I funzionari governativi nominati da Trump hanno definito i risultati delle elezioni del 2020 giusti e onesti, ma Trump non ha accettato tali risultati.

Quando gli è stato chiesto se lui stesso avrebbe accettato i risultati del 2024, Scott ha ripetutamente evitato di rispondere direttamente alla domanda, insistendo invece sul fatto che Trump vincerà.

“Alla fine, il 47esimo presidente degli Stati Uniti sarà il presidente Donald Trump, e sono entusiasta di tornare a un’inflazione bassa e a un basso tasso di disoccupazione”, ha detto Scott, aggiungendo: “Questa è la mia dichiarazione”.

Quando Welker ha continuato a interrogare Scott sulla questione, chiedendo un semplice sì o no, il senatore si è concentrato su un punto fermo del GOP: attaccare i media.

“Questo è il motivo per cui così tanti americani credono che la NBC sia un’estensione del Partito Democratico”, ha detto Scott. “Alla fine del giorno. Ho detto quello che ho detto, so che la voce del popolo americano sarà ascoltata e credo che il presidente Trump sarà il nostro prossimo presidente. È così semplice.”

Maggiori informazioni su The Daily Beast.

Ricevi i più grandi scoop e scandali del Daily Beast direttamente nella tua casella di posta. Iscriviti ora.

Rimani informato e ottieni accesso illimitato ai report senza eguali di Daily Beast. Iscriviti ora.

-

PREV Itinerari, concerti, traffico… Cosa nasconde il passaggio della fiamma olimpica a Les Sables-d’Olonne?
NEXT Calcio – Ligue 2. Possibile proseguimento, Thomas Callens titolare, Lucas Buades assente…: cosa sapere prima di Rodez