Trovare acqua sugli esopianeti… un sogno ancora irraggiungibile

Trovare acqua sugli esopianeti… un sogno ancora irraggiungibile
Descriptive text here
-

Dovremo aspettare molto tempo prima di sapere se gli esopianeti, o i pianeti extrasolari, hanno oceani. Perché su questo punto le cose sono chiare, “nessuno strumento è in grado di rilevare la presenza di acqua liquida su mondi così lontani”, spiega Franck Selsis, direttore della ricerca del CNRS presso il Laboratorio di Astrofisica di Bordeaux. Al massimo, forse, un giorno riusciremo a sviluppare telescopi abbastanza potenti da catturare la luce delle stelle riflessa dai mari… Ma nessuno strumento di questo tipo è in programma.

Fino ad allora dovremo accontentarci degli indizi. E lì le cose si complicano. Perché per sperare di dedurre che un pianeta contenga quantità apprezzabili di acqua liquida, dobbiamo essere in grado di raccogliere quante più informazioni possibili (massa, dimensione, orbita, temperatura, luce solare, caratteristiche e composizione dell’atmosfera) per testare i modelli. Tuttavia, ogni informazione raccolta ha un prezzo elevato, ricorda Alain Lecavelier des Etangs, direttore della ricerca del CNRS presso l’Istituto di Astrofisica di Parigi. “Tutti vorrebbero sapere se è probabile che gli exoterres ospitino oceani o forme di vita. Purtroppo, lui spiega, questi pianeti di dimensioni e massa vicine a quella della Terra sono stati finora rilevati solo attorno a piccole stelle nane che si sono rivelate molto attive. Ciò pone problemi alle squadre che li osservano, utilizzando il telescopio spaziale James Webb, in particolare nel sistema “Trappist 1”, famoso per averne sette. »

Le teorie prevedono l’esistenza di “pianeti oceanici” con una massa da cinque a dieci volte maggiore della nostra, in grado, in determinate condizioni, di conservare il 50% di acqua. Ma queste versioni liquefatte della “Super Terra” o del “Mini-Nettuno” esistono solo sulla carta. L’ultimo annuncio di questo tipo, relativo a una stella chiamata K2-18b, sta facendo discutere, tra annunci trionfanti sulla firma delle molecole di carbonio individuate nella sua atmosfera grazie allo spettrometro James Webb e le interpretazioni divergenti di queste misurazioni.

Leggi anche | Articolo riservato ai nostri abbonati Dove è andata a finire l’acqua che scorreva su Marte, più di quattro miliardi di anni fa?

Aggiungi alle tue selezioni

-

PREV Gran Premio settimanale 2024: Gravité Média si distingue con tre primi posti
NEXT La megacorrente marina Amoc si sta indebolendo e le sue conseguenze sono già visibili