Parigi 2024. Perché il Limosino non è compreso nel percorso delle fiamme olimpiche?

Parigi 2024. Perché il Limosino non è compreso nel percorso delle fiamme olimpiche?
Parigi 2024. Perché il Limosino non è compreso nel percorso delle fiamme olimpiche?
-

Dall’8 maggio al 26 luglio 2024, percorrendo oltre 12.000 chilometri e grazie al supporto di 11.000 tedofori, la fiamma viaggerà in più di 64 territori, di cui cinque d’oltremare e 400 città. Da Olympia, passa attraverso luoghi emblematici della Francia. Tuttavia, nella Haute-Vienne, nella Creuse e nella Corrèze, nessuna traccia della fiamma. Spieghiamo perché.

La fiamma olimpica ha iniziato il suo viaggio in Nuova Aquitania con la Dordogna questo mercoledì 22 maggio, prima di dirigersi a Bordeaux dove è attesa giovedì pomeriggio. Ma sulla mappa del percorso della fiamma, né l’Haute-Vienne, né la Corrèze, né la Creuse appaiono come tappe.

>>

Torcia Olimpica dall’8 maggio al 26 luglio 2024.

© Parigi 2024

Gli abitanti del Creusois, dei Corrézien e dell’Haut-Viennois non hanno nulla contro l’evento, ma per vedere la fiamma passare attraverso le loro case i dipartimenti hanno dovuto pagare la somma di 180.000 euro, tasse incluse. Si tratta di una somma forfettaria, uguale per tutti i dipartimenti. In confronto, il costo per iniziare una tappa del Tour de France è di 65.000 euro e per arrivare a 110.000 euro.

Mi dispiace davvero che non siamo riusciti ad adattare questo importo ai dipartimenti rurali come il nostro.“, spiega Marie-Christine Bunlon, vicepresidente del consiglio dipartimentale della Creuse responsabile delle politiche, della vita universitaria, della vita studentesca e dello sport. “Le Olimpiadi sono un’ambizione nazionale, ma le zone rurali sono state dimenticate, la mappa del passaggio della fiamma lo dimostra bene”, indica.

“Le Olimpiadi sono un’ambizione nazionale ma le aree rurali sono state dimenticate, la mappa del passaggio della fiamma lo dimostra bene”

Marie-Christine Bunlon

Vicepresidente del consiglio dipartimentale della Creuse

All’inizio del 2022, Valérie Simonet, presidente del consiglio dipartimentale della Creuse, LR, aveva già fatto sapere che era fuori questione pagare 180.000 euro per vedere passare la fiamma per un giorno: “Guarda i commenti sui social. Il 99,99% delle persone capisce. Nessuno avrebbe accettato di pagare una somma del genere per poche ore e solo per alcune.”

In Haute-Vienne, Jean-Claude Leblois fa lo stesso discorso: “Preferisco finanziare società e associazioni sportive. La ricompensa per questi 180.000 euro è solo avere la fiamma per un giorno che non conosciamo tra aprile e luglio 2024. Il matrimonio tra olimpismo e denaro è difficile da realizzare“.

In totale, poco più di un dipartimento su tre ha rifiutato di far passare la fiamma attraverso la Francia. I limougeaud che vogliono vederlo dovranno recarsi a Périgueux, Bordeaux o Angoulême.

Il Comitato organizzatore dei Giochi Olimpici e Paralimpici (Cojop) di Parigi 2024, però, assicura di non trarre alcun profitto dal passaggio della fiaccola: “Questa partecipazione di 180.000 euro contribuirà notevolmente al finanziamento dell’organizzazione, della mobilità della fiamma, della comunicazione attorno alla staffetta, della promozione dei territori e di tutti i tedofori.”, spiegano gli organizzatori.

Dall’annuncio della scelta di non ospitare la fiamma, l’Alta Vienne, la Creuse e la Corrèze hanno organizzato numerosi altri eventi sul loro territorio. I tre dipartimenti sono anche etichettati come “Terre de jeux”. Accoglieranno le squadre che verranno ad allenarsi durante la competizione.

Abbiamo scelto di sviluppare i Giochi Olimpici sul nostro territorio attraverso noi, attraverso altri eventi”, precisa Marie-Christine Bunlon, vicepresidente del consiglio dipartimentale della Creuse responsabile delle politiche, della vita universitaria, della vita studentesca e dello sport. Nella Creuse, in particolare, sono state organizzate giornate sportive che hanno riunito quasi 3.000 bambini, per scoprire diverse discipline sportive e condividere i valori dell’Olimpismo.

-

NEXT Memorial Cup: Owen Beck e gli Spirit si dirigono verso la finale, dominando Moose Jaw 7 a 1