Donovan Mitchell e i Cavaliers portano a casa il vantaggio! • Pallacanestro statunitense

Donovan Mitchell e i Cavaliers portano a casa il vantaggio! • Pallacanestro statunitense
Donovan Mitchell e i Cavaliers portano a casa il vantaggio! • Pallacanestro statunitense
-

Siamo estremamente fiduciosi, anche dopo Gara-1. ” Stasera, Donovan Mitchell e i Cavalieri ebbero tutto il tempo per dimostrare questa fiducia. Sconfitti ampiamente al primo turno, i giocatori dell’Ohio hanno restituito il favore ai Celtics, vincendo con 24 punti a Boston (94-118)!

La guardia dei Cavs è stata l’uomo chiave in questa gara-2 che si è decisa nel secondo tempo. Dopo un primo tempo perfettamente equilibrato (54-54), il cinque volte All-Star ha deciso di uscire dalle sue riserve e dalla sua goffaggine (6 punti a 2/6 ai tiri dopo due quarti) per fare la differenza.

La sua prima tripla “passo indietro” dopo essere entrato negli spogliatoi ha dato il tono e ha aperto lo spazio per un attacco dei Cavs molto più ritmato di quello opposto. Ben coadiuvato da Darius Garland, autore di tre canestri pluripremiati nel terzo quarto, Donovan Mitchell non ha dimenticato di servire nell’“alley-oop” di transizione l’uomo che poco prima aveva portato i Cavs, Evan Mobley.

Evan Mobley fa dimenticare Jarrett Allen

Nonostante le sue pessime preoccupazioni, l’interno si è dimostrato corretto per tutta la serata e si è offerto un record in carriera nei playoff sotto gli occhi dell’uomo di cui deve compensare l’assenza, Jarrett Allen. Con i suoi leader, Cleveland ha iniziato a flirtare con un vantaggio di dieci punti.

Donovan Mitchell ha aggiunto un piccolo artificio “crossando” Jayson Tatum prima di trasformare sulla sirena un nuovo canestro dietro l’arco sull’ultimo possesso del periodo (78-90). 16 punti in questo terzo quarto per la guardia che ha potuto permettersi di fermarsi qualche secondo a guardare il pubblico del Garden.

Il difensore si è permesso di aggiungere uno strato qualche secondo dopo, con un tiro da 3 punti convertito in asse… con il tabellone. Il simbolo di una buona serata che continuerà perché i Celtics, imbavagliati offensivamente, non riescono a reagire nei minuti successivi. Il divario è salito addirittura a 29 unità mentre Joe Mazzulla ha mandato le sue riserve un minuto prima di JB Bickerstaff.

COSA DEVI RICORDARE

Più sostegno per Donovan Mitchell. La guardia non ha avuto bisogno di sparare 25 volte come nel primo round. Altruista nel primo periodo, il leader dei Cavs, che per due volte ha mancato l’obiettivo dei 3 punti su airball (!), si è fatto avanti quando necessario dopo l’intervallo. Darius Garland lo ha accompagnato bene, così come Evan Mobley, di cui ha elogiato i meriti dopo la partita. E quando i Celtics hanno deciso di raddoppiare nel quarto, Max Strus e Caris LeVert hanno colto l’occasione per punire grazie agli spazi aperti.

I Celtics crollano a 3 punti. Con la sua squadra già sotto di 22 punti nel quarto quarto, Jaylen Brown ha deciso di tirare davanti a Evan Mobley senza troppa convinzione e senza che la palla si fosse spostata dalla parte dei Celtics. Mancato, come il suo tiro precedente nell’angolo spalancato. Un doppio fallimento come la serata infernale vissuta dai locali di questa zona. Nel terzo quarto, Derrick White e gli altri sono andati fuori strada mancando tutti gli otto tentativi. Hanno dovuto aspettare a lungo prima di vedere arrivare, dopo la pausa, il cesto della vincita. C’entra molto la difesa dei Cavs, aggressiva dietro l’arco anche a costo di aprire vie di penetrazione. Maldestri come sempre (23%), i Celtics non sono riusciti per la prima volta in questi playoff a raggiungere i 10 canestri vincenti messi a segno.

Casa – trasferta: la fine di una serie attesa. Il terzo turno si svolge domenica in Ohio, dove i Cavs non perdono dall’inizio dei playoff. Cleveland ha vinto le sue quattro partite al primo turno contro i Magic. I Celtics, che hanno perso anche Gara 2 in casa contro gli Heat, hanno vinto le due partite giocate a Miami.

Boston / 94 Scatti Rimbalzi
Giocatori minimo Scatti 3 punti L.F. O D T Pd Festa interno Bp Ct +/- Pt Val
J. Tatum 38 7/17 2/5 11 settembre 0 7 7 6 3 1 1 0 -22 25 26
A. Horford 29 4/9 3/7 0/0 1 1 2 1 3 0 1 1 -6 11 9
J.Holiday 35 2/7 0/2 0/0 1 1 2 3 2 2 0 0 -21 4 6
D.Bianco 30 3/11 1/8 3/4 0 4 4 5 3 0 1 1 -27 10 10
J.Brown 31 7/17 0/6 5/5 0 4 4 1 2 0 1 0 -29 19 13
X. Tillmann 11 0/0 0/0 0/0 0 2 2 1 0 1 0 0 +6 0 4
S. Hauser 9 1/2 0/1 0/0 0 1 1 0 2 0 0 0 -10 2 2
O. Brissett 5 1/2 1/1 0/0 0 1 1 0 0 0 1 0 +1 3 2
L. Kornet 12 0/1 0/0 3/4 2 1 3 0 0 0 0 0 -12 3 4
N. Queta 5 0/1 0/0 0/0 0 1 1 0 0 0 0 0 +1 0 0
P. Pritchard 20 6/10 1/4 0/0 2 0 2 4 0 1 0 0 -4 13 16
S. Mykhailiuk 5 0/1 0/1 0/0 0 1 1 0 0 0 1 0 +1 0 -1
J. Springer 5 1/1 0/0 0/0 0 0 0 1 0 0 1 1 +1 2 3
J.Walsh 5 1/1 0/0 0/0 0 1 1 0 0 0 0 0 +1 2 3
Totale 33/80 8/35 20/24 6 25 31 22 15 5 7 3 94 97
Cleveland / 118 Scatti Rimbalzi
Giocatori minimo Scatti 3 punti L.F. O D T Pd Festa interno Bp Ct +/- Pt Val
E.Mobley 33 15/9 1/2 2/2 1 9 10 5 4 1 0 2 +35 21 33
I. Okoro 21 5/6 1/1 1/2 0 1 1 0 4 1 3 0 +15 12 9
D.Garland 34 5/8 4/5 0/0 0 7 7 4 2 1 2 0 +20 14 21
D.Mitchell 39 19/10 5/7 4/6 0 7 7 8 2 0 1 0 +38 29 32
Signor Strus 40 5/10 2/7 0/0 2 4 6 1 3 0 0 0 +23 12 14
Il signor Morris Sr. 16 2/4 0/1 0/0 0 0 0 0 1 1 0 0 -14 4 3
G. Niang 14 2/4 0/1 0/0 1 2 3 1 2 0 1 0 -5 4 5
T. Thompson 10 0/2 0/0 1/2 1 2 3 2 0 0 0 1 0 1 4
D.Jones 2 0/0 0/0 0/0 0 0 0 0 0 0 0 0 -3 0 0
C. LeVert 27 17/9 0/3 3/4 2 4 6 3 2 0 3 0 +14 21 18
S.Merrill 3 0/1 0/1 0/0 0 1 1 0 0 0 0 0 -3 0 0
47/86 28/13 16/11 7 37 44 24 20 4 10 3 118 139

Come leggere le statistiche? Min = Minuti; Tiri = Tiri riusciti / Tiri tentati; 3 punti = 3 punti / 3 punti tentati; LF = tiri liberi effettuati/tiri liberi tentati; O = rimbalzo offensivo; D=rimbalzo difensivo; T = Rimbalzi totali; Pd = assist; Fte: Falli personali; Int = Intercetta; Bp = Palle perse; Ct: Contro; +/- = Differenza di punti quando il giocatore è in campo; Pti = Punti; Eval: valutazione del giocatore calcolata da azioni positive – azioni negative.

-

PREV Dopo la Coppa dei Campioni, l’HBC Nantes si riprende contro lo Chambéry
NEXT Guingamp – Saint-Étienne: gli abitanti di Guingamp spinti dal piacere