Mentre il Canada si riscalda, i rischi di malattie infettive si estendono al nord

Mentre il Canada si riscalda, i rischi di malattie infettive si estendono al nord
Mentre il Canada si riscalda, i rischi di malattie infettive si estendono al nord
-

Popolazioni di specie di zanzare esotiche che possono portare malattie come la dengue e la febbre gialla si sono stabilite in alcune parti dell’Ontario, dicono i ricercatori. Gli scienziati temono inoltre che il cambiamento climatico aumenterà i rischi di malattie microbiche associate alla contaminazione degli alimenti e al clima caldo.

DA VEDERE | Morte di Amélie Champagne: il bellissimo gesto degli anziani di un RPA

Quindici anni fa Justin Wood, uno studente dell’Ontario, iniziò a sentirsi male. Ha detto che “ci sono voluti circa quattro o cinque anni per ottenere una diagnosi”.

Quando arrivò, la diagnosi era rara: malattia di Lyme. All’epoca, secondo le statistiche del governo, la malattia trasmessa dalle zecche era responsabile solo di poche centinaia di infezioni all’anno in Canada.

L’esperienza del signor Wood ha almeno un punto positivo. Ciò lo ha avviato sulla strada della carriera e oggi gestisce un laboratorio privato in Ontario chiamato Geneticks, dedicato a testare le malattie delle zecche.

Ha detto che il suo lavoro gli permette di incontrare molte persone che sono “gravemente, gravemente disabili” a causa della malattia di Lyme. “È molto, molto serio e i sintomi possono essere molto, molto diversi ma molto, molto debilitanti.”

Health Canada afferma che i sintomi vanno da eruzioni cutanee e mal di testa a forti dolori articolari e perdita di memoria. In rari casi, può portare alla morte per infezione cardiaca.

Wood ha affermato che il numero di rilevamenti di Borrelia burgdorferi, il batterio che causa la malattia di Lyme, è recentemente aumentato nel suo laboratorio di circa lo 0,5%-1% all’anno.

Potrebbe non sembrare molto, ma la gamma di zecche dalle zampe nere che trasportano i batteri si sta espandendo; diventano più attivi e vivono più a lungo, ha detto.

“Ciò significa che ogni anno nascono sempre più zecche e il numero di zecche in Canada continuerà ad aumentare”, ha affermato Wood.

Secondo lui, ogni primavera in Canada arrivano tra i 50 e i 175 milioni di zecche trasportate dagli uccelli canori migratori.

“Quindi sommi tutto e hai più zecche, hai zecche in posti nuovi, hai più zecche che trasportano batteri pericolosi, e diventa una sorta di problema crescente ogni anno”, ha spiegato il signor Wood .

I dati di sorveglianza lo supportano. Un rapporto federale afferma che nel 2021 in Canada sono stati segnalati 3.147 casi di malattia di Lyme, rispetto ai 266 del 2011.

“Questo (aumento) è avvenuto in parte a causa del cambiamento climatico, che ha contribuito all’aumento dell’abbondanza e della distribuzione geografica delle popolazioni di zecche dalle zampe nere nel Canada centrale e orientale”, precisa il rapporto, aggiungendo che circa l’1% dei casi di Lyme la malattia in Canada è stata contratta all’estero.

Le condizioni meteorologiche del Canada hanno già costituito una barriera contro molte malattie dei climi caldi, come la febbre dengue, il virus Zika, la malaria e la febbre gialla, tutte trasmesse da alcune specie di zanzare.

Ma le condizioni stanno cambiando, ha affermato Victoria Ng, valutatrice scientifica senior presso l’Agenzia per la sanità pubblica del Canada.

“Con il cambiamento climatico, il tempo sarà più umido, con eventi meteorologici più estremi, che potrebbero essere piogge estreme, e le zanzare hanno bisogno di acqua per poter sopravvivere”, ha detto la signora Ng.

Ng ha osservato che a Windsor, in Ontario, dove vive, ora c’è un “piccolo numero” di popolazioni di Aedes albopictus, conosciuta come zanzara tigre, originaria delle regioni tropicali e subtropicali dell’Asia.

L’Ontario Public Health ha annunciato il rilevamento della prima popolazione riproduttiva di Aedes albopictus nell’autunno 2016 a Windsor. È stata rilevata per la prima volta anche un’altra specie esotica, Aedes a Egypti, originaria dell’Africa.

“Queste specie di zanzare pungono aggressivamente gli esseri umani e potenziali vettori di dengue, chikungunya, febbre gialla e virus Zika nelle regioni più calde del mondo”, ha affermato l’agenzia.

All’epoca, l’organizzazione disse che non si aspettava che nessuna delle due specie sopravvivesse all’inverno dell’Ontario.

Tuttavia, la Ng ha affermato che gli scienziati non solo hanno visto le Aedes albopictus ritornare nella zona tutto l’anno, ma le hanno anche osservate in diversi stadi di vita.

“Vediamo le uova di questa particolare specie diventare adulte, il che significa che hanno un ciclo di vita completo e si riproducono anno dopo anno in questa regione del Canada”, ha detto la signora Ng.

Ha detto che si tratta di un esempio di popolazione di zanzare, “in particolare quelle portatrici di virus esotici”, che hanno “il potenziale per continuare a rimanere stabilite, ma anche per espandersi geograficamente a causa del riscaldamento globale.

La preoccupazione delle malattie di origine alimentare

Il dottor Joe Vipond, medico d’urgenza ed ex presidente dell’Associazione canadese dei medici per l’ambiente, ha affermato che il numero di casi di malattie trasmesse dalle zanzare è “lentamente aumentato” negli ultimi 20 anni.

“Ciò che è preoccupante è che prima o poi ci troveremo di fronte a malattie come la dengue o la malaria che potrebbero diffondersi in Canada”, ha affermato il dottor Vipond.

Ha citato l’esempio della Florida, dove in passato non esisteva la febbre dengue. Ma l’anno scorso, il Dipartimento della Salute dello stato americano ha messo in allerta due contee per le malattie trasmesse dalle zanzare dopo che erano stati segnalati cinque casi di febbre dengue in meno di un mese.

Ci vorrebbero “cambiamenti radicali” affinché la dengue diventi una preoccupazione per i canadesi, ha detto, aggiungendo che non si tratta di una “preoccupazione attuale” ma “di qui a qualche decennio”.

Un articolo del 2019 sulla rivista Canadian Communicable Disease Report osservava che, sebbene non vi fossero prove di diffusione della malattia in Canada attraverso nuove popolazioni di zanzare esotiche, il problema richiedeva “una risposta clinica e sanitaria da parte di un pubblico prudente”.

“Sebbene il rischio a breve termine di incursione e insediamento di malattie esotiche (trasmesse dalle zanzare) in Canada, facilitato o esacerbato dal cambiamento climatico, sia molto basso, è fattibile”.

Ha detto che la malaria è “particolarmente preoccupante” perché una volta la malattia era endemica in Canada.

Una minaccia più attuale è rappresentata dalle malattie di origine alimentare associate al clima caldo.

“Man mano che il cambiamento climatico continua e/o si intensifica, aumenterà il rischio di effetti negativi sulla sicurezza alimentare in Canada, che vanno da un maggiore onere per la salute pubblica all’emergere di rischi attualmente invisibili nella nostra catena alimentare”, afferma un articolo del 2019 su il Canadian Communicable Disease Report, redatto dagli scienziati del National Microbiology Laboratory di Guelph, Ontario.

Cita studi che mostrano una “forte associazione” tra l’aumento della temperatura dell’aria e varie infezioni da batteri E. coli, salmonella e batteri Vibrio.

“La crescita, la sopravvivenza, l’abbondanza e la diversità degli agenti patogeni saranno influenzate dai cambiamenti climatici lungo tutta la catena alimentare”, afferma il rapporto.

Gli eventi meteorologici estremi e il riscaldamento degli oceani complicherebbero anche gli effetti sulla catena alimentare e, in definitiva, porterebbero a più malattie di origine alimentare, afferma il rapporto.

La malattia di Lyme non è l’unico agente patogeno trasmesso dalle zecche che preoccupa gli scienziati, poiché il cambiamento climatico amplia la gamma dei portatori.

Un rapporto pubblicato dal British Columbia Center for Disease Control nel 2023 ha indicato che due tipi di parassiti trasmessi dalle zecche, Babesia odocoilei e Babesia microti, sono stati recentemente agenti patogeni emergenti nella provincia. Causano la babesiosi, una malattia con sintomi simil-influenzali.

“Si prevede che il cambiamento climatico faciliterà la presenza di queste malattie trasmesse dalle zecche”, si legge nel rapporto.

-

PREV l’ARS avvia un’operazione di controllo delle zanzare
NEXT “Inaudito in 40 anni”: dobbiamo preoccuparci dell’esplosione di casi di pertosse in Francia nelle ultime settimane?