Finalmente bel tempo questo lunedì dopo gli episodi temporaleschi: perché è questo il periodo che preferisce anche la zanzara tigre?

Finalmente bel tempo questo lunedì dopo gli episodi temporaleschi: perché è questo il periodo che preferisce anche la zanzara tigre?
Finalmente bel tempo questo lunedì dopo gli episodi temporaleschi: perché è questo il periodo che preferisce anche la zanzara tigre?
-

Anche la zanzara tigre, che ama stabilirsi vicino all’acqua stagnante, accoglie con favore il ritorno del bel tempo. Ecco gli accorgimenti che potete intraprendere in casa per rallentare la proliferazione dell’insetto.

Dopo successivi episodi di pioggia, a partire da lunedì 24 giugno 2024 dovrebbe finalmente tornare il bel tempo ovunque in Francia. Si prevede una breve ondata di caldo almeno fino a mercoledì. Finalmente l’estate sta iniziando, ma è anche quello che aspettava la zanzara tigre.

Se la pioggia difficilmente è adatta all’insetto, l’acqua è invece la sua migliore alleata. La zanzara tigre prolifera in prossimità di acque stagnanti, lì le uova si sviluppano ad alta velocità e l’insetto può raggiungere la forma adulta nel giro di una settimana. “Senza acqua non si schiudono le uova, quindi non c’è nuova generazione di zanzare!”, ricorda l’Azienda sanitaria regionale.

Dopo il maltempo e con l’avvicinarsi della stagione più secca, ecco le giuste azioni da adottare per evitare di essere invasi dalle zanzare nei prossimi giorni:

  • contenitori esterni vuoti che possano contenere acqua stagnante almeno una volta alla settimana (ciotole, annaffiatoi, secchi, vasi, basi per ombrelloni, ecc.)
  • conservare gli attrezzi da giardinaggio (secchi, annaffiatoi, ecc.), bidoni della spazzatura, pneumatici o giocattoli per bambini lontano dalla pioggia e/o dall’irrigazione
  • coprire i collettori dell’acqua piovana, i serbatoi o altri botti vari ermeticamente o con una zanzariera
  • pulire gli scarichi di grondaie, grondaie, acqua di sifoni, fontanelle, scarichi esterni o grondaie aperte con griglie

“La zanzara tigre vive solo in un raggio di 150 metri attorno a sé. Se ne hai una in casa è perché è nata lì vicino: sul balcone di casa tua, nel tuo giardino o a casa del vicino. Preferisce piccole quantità di acqua per deporre le uova e svilupparsi. Si sviluppa in tutti i tipi di contenitori e bacini artificiali dove l’acqua può ristagnare”, specifica l’Agenzia regionale della sanità.

Già quasi 3.000 casi di dengue importati in Francia nel 2024

Si consiglia cautela con la zanzara tigre perché l’insetto può trasmettere malattie tropicali come Zika, chikungunya o dengue. I casi importati dai territori d’oltremare sono esplosi nel 2024: 2.166 casi importati di dengue tra il 1 gennaio e il 30 aprile, mentre nel 2023 furono “solo” 128 nello stesso periodo.

Public Health France riferisce inoltre che tra il 1° maggio e il 18 giugno sono stati segnalati nel Paese 601 ulteriori casi importati di febbre dengue. Il 60% dei casi è tornato dalla Guadalupa e dalla Martinica. La regione più colpita è l’Alvernia-Rodano-Alpi con 94 casi, davanti all’Île-de-France con 85 casi e alla Provenza-Alpi-Costa Azzurra con 76 casi. Dal 1° maggio in Occitania sono stati registrati 39 casi importati di dengue.

Nel 2024 in Francia, 78 dipartimenti su 96 sono considerati colonizzati dalla zanzara tigre. Nel sud del paese, in particolare sulla sponda mediterranea, oltre il 40% dei comuni sono colonizzati dall’insetto.

-

PREV La Corea inventa uno strumento in grado di controllare le emozioni umane utilizzando i campi magnetici: dovremmo preoccuparci delle possibili ripercussioni?
NEXT Posta letteraria KS. EP 12. “Islam e libertà fondamentali”, di Asma Lamrabet, ovvero l’etica universale del Corano