Vienna European Green Days 2024 dedicati alla conservazione, trasmissione e consapevolezza

Vienna European Green Days 2024 dedicati alla conservazione, trasmissione e consapevolezza
Vienna European Green Days 2024 dedicati alla conservazione, trasmissione e consapevolezza
-

Il mese di giugno è stato caratterizzato da la 3a edizione degli European Green Days a Viennaveri e propri punti salienti della cooperazione bilaterale franco-austriaca, riunendo ad ogni edizione esperti francesi e austriaci sulle questioni chiave di domani legate alla preservazione dell’ambiente. Guidato dal servizio scientifico e accademico dell’Ambasciata di Francia, l’edizione 2023 si è svolta dal 10 al 25 giugno 2024, con gli obiettivi di comprendere, trasmettere e sensibilizzare meglio le sfide di domaniriaffermando così l’impegno dell’IFA e dell’Ambasciata francese in Austria a favore della protezione del clima.

Lanciato il programma delle Giornate Verdi Europee di Vienna il 10 giugno nel convegno “Preservare la montagna: fauna e flora di fronte ai cambiamenti climatici” al Museo di Storia Naturale di Vienna. Questa conferenza ha riunito ricercatori francesi e austriaci sulle questioni climatiche, in particolare nella regione alpina, ma anche a livello globale, affrontando in particolare le emissioni di carbonio nell’atmosfera. Questo evento ha così messo in dialogo il signor Werner Kutsch, direttore generale dell’ICOS (Integrated Carbon Observation System), un sistema che permette di analizzare il tasso di carbonio a livello globale, il signor Wolfgang Gürgiser, coordinatore del Centro Alpino della dell’Università di ‘Innsbruck e Sabine Pahl, ricercatrice in psicologia urbana e ambientale e co-direttrice dell’Environmental and Climate Research Hub presso l’Università di Vienna, e Nicolas Roux, ricercatore specializzato sugli impatti dell’uso del territorio, dell’agricoltura e silvicoltura presso l’Università delle risorse naturali e delle scienze della vita di Vienna (BOKU). Il pubblico ha poi potuto scoprire l’azienda francese “Wild immersion”, che offre soluzioni tecnologiche per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla tutela della biodiversità, con la trasmissione di uno dei loro progetti in realtà virtuale.

Conferenza “Preservare la montagna: fauna e flora di fronte al cambiamento climatico” ©Istituto Francese d’Austria

Il 12 giugno è stato dedicato ai bambini, con il pomeriggio dei giovani “Mercoledì della natura” nella mediateca dell’Istituto Francese d’Austria. I bambini hanno potuto assistere alla proiezione di sei storie animate dal titolo “All’aria aperta” dal catalogo IF cinema e vi ha partecipato un concorso di disegno sul tema “Disegna il tuo animale preferito”. La giuria, composta in particolare dalla signora Corinne Walter, facilitatrice artistica dell’Albertina, ha assegnato tre premi per il miglior disegno, suddivisi per categoria di età. La Camera di Commercio franco-austriaca e il Museo Albertina hanno contribuito all’organizzazione di questo pomeriggio.

Immagini dei vincitori del concorso di disegno “Disegna il tuo animale preferito” del pomeriggio “Mercoledì Natura”©Istituto Francese d’Austria

Poi, il 13 giugno, è stata organizzata una simulazione di negoziazione sul clima all’interno dell’Istituto francese, in collaborazione con l’associazione francofona Le Cercle e l’associazione francese Albedo Climat. Questo esercizio di simulazione interattiva ha permesso ai presenti di apprendere e comprendere meglio le problematiche del cambiamento climatico e della transizione energetica, mettendosi nei panni dei delegati del mondo intero, per cercare di trovare un accordo globale sul clima, come durante i negoziati alle Nazioni Unite. Allo stesso tempo, è stata inaugurata la 7a edizione del festival di mostre fotografiche all’aperto più grande d’Europa La Gacilly Badena, che celebra la più importante cooperazione culturale tra Francia e Austria e sostenuto dall’Ambasciata francese. Quest’anno la fotografia ambientale è al centro dell’attenzione, con la mostra “Patrimonio naturale” aperta al pubblico fino al 10 ottobre.

Simulazione climatica ©Istituto Francese d’Austria

La tavola rotonda “Addressing Environmental Challenges through Education”, organizzata il 25 giugno alla Kunst Haus Wien nell’ambito della prima edizione della Klima Biennale di Vienna, e il vertice viennese sul clima (Klimagipfel), hanno chiuso questo ciclo. La signora Christina Raab, rappresentante dell’Università di La Rochelle, membro dell’Università europea EU-CONEXUS, e la signora Isabelle Bär-Eiselt, rappresentante dell’Università di Innsbruck, membro dell’Università europea AURORA hanno parlato del ruolo delle università europee nell’affrontare il cambiamento climatico , presentando progetti didattici volti a sensibilizzare l’ecologia a tutti i livelli nelle università: attraverso corsi di laurea, azioni basate sul principio del “challedge based learning”, scambi interamministrativi o anche con bandi di finanziamento per i ricercatori (seedfunding).

Tavola rotonda “Rispondere alle sfide ambientali attraverso l’educazione”©Istituto Francese d’Austria

Lanciato nell’ambito della Presidenza francese del Consiglio dell’Unione Europea, L’obiettivo principale dell’iniziativa “Vienna Green European Days” è quello di avviare dibattiti ricchi di idee sulle questioni ambientali, invitando esperti francesi, austriaci ed europei provenienti da diversi ambiti della società: scientifico, economico, politico. Il gruppo L’Oréal ha fornito il suo sostegno all’organizzazione di questa terza edizione.

Editore: Emeline Ogereau, emeline.ogereau[at]diplomatie.gouv.fr – http://at.ambafrance.org

-

PREV Lione. “Macron deve sottomettersi”: domenica manifestazione per un governo NFP
NEXT Marsiglia. Cos’è questa statua del Buddha nei distretti settentrionali?