Jeanfi Janssens, presidente del Festival della Risata di Villeneuve-sur-Lot, rimette in scena la sua vita

Jeanfi Janssens, presidente del Festival della Risata di Villeneuve-sur-Lot, rimette in scena la sua vita
Jeanfi Janssens, presidente del Festival della Risata di Villeneuve-sur-Lot, rimette in scena la sua vita
-

Il tuo nuovo spettacolo “Fallen from the Sky” è ancora una volta autobiografico. La tua vita ti ispira sempre…

Lì racconto la mia seconda vita, nel mondo dello spettacolo, un mondo per il quale non avevo codici. E poi ne affronto cinquanta, un tema che parla a tutti, e ovviamente alla mia famiglia. Questo spettacolo è un grido d’amore ai miei genitori.

Dopo aver recitato in un film…

Il tuo nuovo spettacolo “Fallen from the Sky” è ancora una volta autobiografico. La tua vita ti ispira sempre…

Lì racconto la mia seconda vita, nel mondo dello spettacolo, un mondo per il quale non avevo codici. E poi ne affronto cinquanta, un tema che parla a tutti, e ovviamente alla mia famiglia. Questo spettacolo è un grido d’amore ai miei genitori.

Dopo aver recitato in un film, in uno spettacolo teatrale e alla radio, hai provato nervosismo all’idea di tornare sul palco o alla fine ti è sembrato più comodo stare da solo davanti al pubblico?

Un mix di entrambi, direi. Quando mettiamo in scena uno spettacolo siamo un gruppo di amici su cui possiamo contare se necessario. Lì mi mostro, con me stesso, davanti al pubblico. La mia ansia più grande era sapere se ero ancora atteso sul palco. Se fossi ancora nello spirito dei tempi e in contatto con le persone, anche se avevo cambiato radicalmente la mia vita. Ma ciò che mi ha impedito di staccarmi è che ho avuto successo a 40 anni… avevo già esperienza di vita. A 20 anni non sarebbe stato lo stesso.

Dopo più di cento date, “Tombé du ciel” si è evoluto sul palco?

SÌ. Soprattutto perché ho riservato una parte all’improvvisazione, esercizio che avevo messo in atto durante il rodaggio a Parigi e che ho mantenuto. Questo è un falso intervallo, durante il quale scendo nella sala per parlare con la gente del pubblico. Un dialogo che poi utilizzo nello spettacolo.

Quando hai sentito parlare per la prima volta del Festival della Risata?

Anni fa, quando io stesso facevo tanti trampolini di risate per farmi conoscere. Ma non ho mai avuto l’opportunità di partecipare… E poi, Villeneuve-sur-Lot, lo so bene. La mia ex assistente di volo dell’Air France aveva una residenza qui, dove venivo molte volte a trascorrere le vacanze. Successivamente sono tornato a trovare Roger Louret, che avevo conosciuto ad Avignone.

Come presidente del festival, che consigli daresti ai sei candidati in gara per il concorso comici?

Soprattutto, non competere con gli altri. Ognuno ha un mondo diverso e il suo posto. Devi tenere presente che ciò che conta non è l’opinione dei professionisti che ti giudicano, ma delle persone nella stanza. Sono loro che hanno bisogno di essere fatti ridere.

E tu, cosa ti fa ridere?

Tutto quello che non so fare. Umorismo nero o assurdo.

Informazioni utili

Il Festival della Risata si svolge da martedì 25 giugno a sabato 29 giugno, tutte le sere. Prezzi: da 20 a 32 euro. Martedì 25 giugno, alle 20,30, Vincent Seroussi, al centro culturale (ingresso gratuito). Mercoledì 26 giugno, alle 20,30, serata Carlos Flinnroi, partner, al teatro Georges-Leygues. Giovedì 27 giugno, inizio del concorso comico, poi alle 20,30 Jeanfi Janssens, al teatro Georges-Leygues. Venerdì 28 giugno, alle 20,30, Laurie Peret, al teatro Georges-Leygues. Sabato 29 giugno, alle 20,30, Waly Dia, al teatro Georges-Leygues (tutto). Prenotazioni tramite il sito https://rirevilleneuve.fr o allo 05 53 40 49 49.

-

PREV Il tempo di lunedì 15 luglio 2024 a Saint-Nazaire e dintorni
NEXT a Seine-Saint-Denis, i Giochi Olimpici accelerano la gentrificazione