LEGISLATIVA 2024 Scopri tutti i candidati per circoscrizione elettorale del Gard

LEGISLATIVA 2024 Scopri tutti i candidati per circoscrizione elettorale del Gard
LEGISLATIVA 2024 Scopri tutti i candidati per circoscrizione elettorale del Gard
-

Questa domenica alle 18 si conclude il periodo di presentazione delle candidature per il primo turno delle elezioni legislative del 30 giugno. Ecco i nomi completi dei 36 candidati nelle sei circoscrizioni del Gard. Erano 68 due anni fa, durante le precedenti elezioni legislative.

1° distretto

Questo territorio elettorale comprende 11 comuni tra cui parte di Nîmes e località periurbane come Milhaud, Caissargues, Bouillargues fino a Beaucaire. Due anni fa fu il frontista Yoann Gillet a vincere contro la deputata uscente, membro della maggioranza presidenziale, Françoise Dumas.

1 – Valérie Rouvérand, candidata del Rinascimento – Maggioranza presidenziale

2 – Isabelle Leclerc, candidata a Lutte Ouvrière

3 – Charles Ménard, candidato LFI – Fronte Popolare

4 – Yoann Gillet, candidato RN

5 – Loumy Bourghol, candidato LR

2° distretto

A sud del Gard, la 2a circoscrizione comprende la piccola Camargue e si estende fino a Sommières. Il deputato uscente Nicolas Meizonnet è incluso nel Raduno nazionale. Alle elezioni europee la RN ha ottenuto il suo miglior risultato con il 46,46% dei voti ovvero 24.390 voti.

1 – Stéphane Mansson, candidato a Lutte Ouvrière

2 – Nicolas Meizonnet, candidato RN

3 – Véronique Jullian, candidata ecologica al centro

4 – Sophie Pellegrin Sophie, candidata Horizo ​​​​- Maggioranza presidenziale

5 – Kathy Guyot, popolare candidata del PS-Front

6 – Bolle Catherine, candidata LR

3° distretto

Nel Rodano Gard, la terza circoscrizione riunisce 50 comuni tra cui Bagnols/Cèze, capoluogo, Roquemaure, Villeneuve-les-Avignon e Remoulins. Due anni fa, con sorpresa di tutti, il deputato della maggioranza presidenziale fu picchiato dall’avvocato e membro della RN, Pascale Bordes.

1- Valéry Fourmi, candidato della Lotta Operaia

2 – Christophe Prévost, candidato senza etichetta

3 – Florent Grau, candidato LR

4- Christian Baume, candidato Orizzonti – Maggioranza presidenziale

5- Pascale Bordes, candidata RN

6 – Daniel Jean, vari candidati di destra

7 – Sabine Orami, candidata PCF – Fronte Popolare

4° distretto

Situato nel nord del dipartimento, questo comprensorio è vasto e comprende 95 comuni tra cui parte di Alès e le località delle Cévennes a nord. Nelle ultime elezioni legislative, il territorio è caduto nelle mani della RN con l’elezione del deputato Pierre Meurin.

1 – Pierre Martin, candidato dei Républicains

2 – Arnaurd Bord, candidato del Fronte Popolare

3 – Jérome Garcia, candidato Lutte Ouvière

4 – Nadia El Okki, candidata della maggioranza presidenziale

5 – Pierre Meurin, candidato RN

5° distretto

A ovest del Gard, questo distretto è il più grande con 139 comuni di cui una parte è Alès. Durante le ultime elezioni legislative, la deputata uscente della maggioranza presidenziale, Catherine Daufès-Roux, è stata picchiata dal sindaco di Saint-Félix-de-Pallières e dal candidato di Nupes, della Sinistra Unita, Michel Sala.

1 – Emmanuel Espanol, candidato LR-RN

2 – Léa Boyer, candidata LR

3 – Alexandre Allegret-Pilota, candidato

4 – Michel Sala, candidato del Fronte Popolare

5 – Agnès Olinet, candidata

6 – Nordine Tria, candidato

7 – Catherine Daufès-Roux, candidata del Rinascimento – Maggioranza presidenziale

6° distretto

Questo territorio elettorale comprende 24 comuni, tra cui parte di Nîmes e le località rurali di Marguerittes, Uzès o Manduel. Nelle elezioni legislative del 2022, il deputato uscente del MoDem, Philippe Berta, è stato rieletto per un secondo mandato. Questa volta non si candiderà più, lasciando a combattere il suo sostituto, Aurélien Colson.

1 – Laura Affortit, candidata varia della destra

2 – Aurélien Colson, candidato moderno – Maggioranza presidenziale

3 – Clément Stevant, candidato LR

4 – Aïcha Terbèche, candidata, Lutte Ouvrière

5 – Nicolas Cadene, EELV – Fronte Popolare

6 – Sylvie Josseand, candidata RN

-

PREV i grandi progetti della città
NEXT “Se eliminiamo la nomina degli insegnanti raggiungeremo la completa anarchia”