L’estate culturale del 1964: il periodo d’oro dei cinema di quartiere

-

Basta scansionare gli articoli e le pubblicità cinematografiche nelle pagine del Giornale nell’estate del 1964 da vedere gli spettatori di Montreal avevano solo l’imbarazzo della scelta quando volevano regalarsi una serata “di vedute”. A quel tempo i cinema locali erano ancora numerosissimi e frequentati più che mai.

“Quelli furono anni fantastici per gli appassionati di cinema”, ricorda il professore di cinema in pensione Pierre Pageau, autore del libro Cinema in Québec e programmatore di Station Vu, un cinema situato a Pointe-aux-Trembles.

• Leggi anche: L’estate culturale del 1964: il periodo in cui l’attore americano James Stewart si nascondeva a Montreal

“All’epoca avevo 18 anni e sono stato molto fortunato a poter vivere questa esperienza. Alcuni teatri, come l’Eliseo, cominciano a proporre cinema di repertorio. Nel frattempo, i “palazzi di quartiere” come il Rivoli, lo Château e il Papineau e i cinema della catena Odéon, tra cui il Mercier, il Champlain e il Crémazie, riempivano le loro sale di film americani doppiati in francese. Ha funzionato bene perché c’era un grande pubblico”.

ARCHIVIO fotografico DELLA CITTÀ DI MONTRÉAL

All’inizio degli anni ’60 a Montreal c’erano una sessantina di cinema, la maggior parte dei quali “monoschermi” (una sola sala). Le sedi più grandi, i palazzi come Loew’s (2.800 posti) e il Campidoglio (2.600 posti), erano situati in centro e funzionavano a piena capacità. Ma ogni quartiere aveva i suoi cinema.

“C’è un fenomeno molto importante per la vita o la sopravvivenza di un teatro, ed è il suo inserimento nel suo ambiente umano”, spiega Pierre Pageau citando il film come esempio. Cinéma Paradiso.

“Allora la gente poteva andare a vedere un film in un cinema vicino a loro. Era il concetto di cinema di quartiere che nacque con la nascita dei cinema [au début du 20e siècle] e che era ancora mantenuto all’inizio degli anni ’60.

“Oggi a Montreal è rimasto un solo cinema di quartiere: il Beaubien, unico nel suo genere. I grandi complessi cinematografici si trovano principalmente nel centro o nella periferia di Montreal.


Foto tratta dall’account Facebook Les Cinémas de Montréal

L’inizio della fine

Se i cinema di quartiere erano ancora molto popolari all’inizio degli anni ’60, l’arrivo della televisione nelle famiglie del Quebec cominciò a scuotere i proprietari di sale all’inizio degli anni ’60. Questa rivoluzione iniziò lentamente con la creazione di Radio-Canada, nel 1952, e aumentò nel 1961 con l’arrivo di Télé-Métropole e CTV.

“Da lì si è creata una spirale inevitabile”, sottolinea Pierre Pageau. Il numero delle presenze nei cinema cominciò a diminuire intorno al 1954 e il declino continuò così per diversi anni. I cinema “a schermo unico” durarono fino agli anni ’70, ma fu un periodo cruciale durante il quale diverse sale chiusero i battenti o furono trasformate in cinema erotici”.


Taccuino 1964 Cinema di Montreal

Foto tratta dall’account Facebook Les cinémas de Montréal

Cinema nel 1964

Il prezzo di un biglietto del cinema


Taccuino 1964 Cinema di Montreal

Foto da ARCHIVIO – LE JOURNAL

Fin dalla comparsa dei primi locali commerciali, alla fine del 19e secolo, il cinema è sempre stato considerato un’attività culturale poco costosa. Ciò era particolarmente vero nel 1964, quando il costo di un biglietto del cinema oscillava tra 50 centesimi e 2,50 dollari, a seconda del giorno e dell’ora del giorno. Per far fronte alla concorrenza delle chiese e della televisione, alcuni locali proponevano regolarmente anche due film al prezzo di uno.

Un’estate di successi al botteghino


Taccuino 1964 Cinema di Montreal

Foto tratta dall’account X FilmPostersCom

Commedia musicale Mary Poppins è stato di gran lunga il film più popolare al botteghino nel 1964. Uscito a fine estate, il classico di Walt Disney con Julie Andrews ha attirato quasi 110 milioni di spettatori nelle sale e ha incassato al botteghino quasi 103 milioni di dollari, secondo i dati compilati dal sito I numeri. Altri film che andarono bene al botteghino quell’estate includevano quelli drammatici L’ambizioso (28 milioni di dollari) il film di James Bond Buoni baci dalla Russia ($ 25 milioni) e commedia La Pantera Rosa ($ 11 milioni).

Un Oscar storico


Taccuino 1964 Cinema di Montreal

Foto tratta dall’account X della Cinémathèque française

Presentato il 13 aprile 1964 al Civic Auditorium di Santa Monica, Los Angeles, il 36e La cerimonia degli Oscar ha incoronato il film Tom Jones del regista britannico Tony Richardson, adattamento di un romanzo di Henry Fielding pubblicato nel 1749. Ma la serata è stata segnata soprattutto dallo storico trionfo di Sidney Poitier, che quell’anno divenne il primo uomo di colore a vincere l’Oscar come miglior attore grazie a la sua interpretazione nel film Il giglio dei campi.

-

PREV Che tempo è previsto a Cannes e aree circostanti lunedì 15 luglio 2024?
NEXT Che tempo è previsto a Cannes e aree circostanti lunedì 15 luglio 2024?