Con il suo mulino centenario, questa azienda dell’Orne scrive la sua storia familiare

Con il suo mulino centenario, questa azienda dell’Orne scrive la sua storia familiare
Con il suo mulino centenario, questa azienda dell’Orne scrive la sua storia familiare
-

Di

Romain Michel

pubblicato su

25 maggio 2024 alle 17:00

Vedi le mie notizie
Segui L’Orne Combattante

A Pont-Erambourg (Orne), il mulino Deslandes è un affare di famiglia. Nascosto nel fondo della valle della Vère, questo antico filatoio di cotone è stato trasformato in un mulino. la fine del 19° secolo. Fondato nel 1890 dall’ex fornaio Adolphe Deslandes, il mulino ha attraversato generazioni.

“In sostanza, è stato acquistato da un fornaio per fabbricare la farina”, spiega Amélie Garnier, la direttrice. “Allora, il mulino in cattiva forma, aveva bisogno di un mugnaio per dare una svolta all’attività. »

Gérard Guicheteau entra nel mulino nel 1976 come capo mugnaio, per poi diventare socio due anni dopo.

Una storia di famiglia

Oggi continua a investire. “Sono nato a Un mulino“, sorride l’interessato, direttore del mulino Deslandes. “Mio nonno e mio padre erano mugnai, questo me lo hanno insegnato. » Con le figlie, ora in gestione, la trasmissione è assicurata.

È un know-how che deve continuare. Mio padre ha rilevato questa attività e vi ha dedicato tutta la sua vita. Va bene fare il passo successivo.

Amelie Garnier

” Era importante continuare con mia sorella», insiste Amélie Garnier, sua figlia.

Sedici dipendenti all’interno dell’azienda

L’azienda di famiglia produce farina per i panifici vicini. “Cerchiamo di essere abbastanza locali in un raggio di 350 chilometri attorno al mulino”, spiega Amélie Garnier. Cosa è il mulino ? “Il grano viene schiacciato per fare la farina per il pane. »

Ogni anno circolano dalle 9.000 alle 10.000 tonnellate di grano, “questo equivale a 8.000 tonnellate di farina. » All’interno dell’azienda lavorano sedici dipendenti.

Video: attualmente su -

Il processo di produzione della farina

Cosa succede all’interno del mulino? Come viene prodotta la farina? Prima di tutto dovete ricevere il grano. In tal modo, 13 silos di stoccaggio sono presenti sul sito.

“Per produrre la farina sono necessarie diverse varietà di grano. » Esistono sei diverse farine per pane e quasi 25 tipi di farine speciali. “Cerchiamo di cambiare un po’ per variare le miscele. »

Non è così facile fare la farina, non è solo schiacciare il grano.

Amelie Garnier

Dal 1989 nel mulino è presente un laboratorio di analisi. Ogni grano che arriva e ogni farina che esce lo è analisi. “Questo è essenziale per garantire la qualità. »

Un panificio di prova ti consente di controllare le farine e preparare il tuo pane da testare. “Tre dei nostri venditori erano già panettieri”, precisa il direttore. “È importante per dare consigli ai clienti. »

Nel mulino il grano segue un percorso ben preciso prima di essere trasformato in farina. ©L’Orne combattente

Approfitta della gravità

Prima della frantumazione del grano avviene la pulitura del grano tre passi : “eliminiamo i residui leggeri, poi la polvere piccola e pesante e, infine, una spazzola verticale completa il lavoro rimuovendo lo sporco”, precisa Amélie Garnier. Sono necessarie dalle 24 alle 48 ore di riposo prima della pigiatura.

Lo inumidiamo un po’ prima di schiacciarlo, perché questo lo ammorbidisce. Questo per evitare che esploda. Infatti il ​​grano quando arriva è secco, quindi non germina.

Amelie Garnier

Quindi, il grano subisce dodici passaggi schiacciamento. “Si alza per aspirazione e scende per gravità, questo è il principio del mulino”, dichiara Gérard Guicheteau.

La farina poi va nell’impastatrice. “Bisogna mescolare per diverse ore per ottenere una farina omogenea”, spiega il direttore. In uscita il prodotto può infine transitare nella seconda parte del mulino, dedicata all’insacco. “Percorre 350 metri al massimo”, attraverso le numerose tubazioni presenti all’interno dell’edificio.

Un luogo che si evolve con i tempi

Se le macchine si sono evolute, la tecnica rimane la stessa. “I dispositivi ti permettono di guadagnare velocemente“, sottolinea il nostro interlocutore. “47 anni fa c’era una lavanderia di legno, poi una seconda. Prima che entrambi venissero sostituiti da uno più efficiente, ormai da dieci anni. »

Le macchine sono in funzione dalle 6:00 alle 22:00, “o anche tutto il giorno a seconda della domanda. » Il Mugnaio supervisiona tutto e si assicura che tutto vada bene. Anche se la tecnologia avanza, l’artigiano rimane l’ingranaggio più essenziale.

Segui tutte le notizie dalle tue città e media preferiti iscrivendoti a Mon -.

-

PREV Euro 24: Murat Yakin: “Shaqiri vive per questo tipo di partite”
NEXT La “Regina del Canada” continua a dividere la popolazione di Richmound