Legault sta valutando la possibilità di fissare un’età minima per gli “spacciatori virtuali”

Legault sta valutando la possibilità di fissare un’età minima per gli “spacciatori virtuali”
Legault sta valutando la possibilità di fissare un’età minima per gli “spacciatori virtuali”
-

Sabato si terrà a Saint-Hyacinthe il consiglio generale della Coalizione Avenir Québec (CAQ).

Tra le 21 proposte inserite nel taccuino del congresso, l’ala giovanile del partito propone la costituzione di una maggioranza virtuale a 16 anni per poter accedere ai social network.

In una conferenza stampa mattutina con i giornalisti sul posto, il Primo Ministro si è mostrato aperto a una simile possibilità.

“Il modo in cui funzionano i social media è quello di rendere i lettori dipendenti. È un po’ come se lo fossero spacciatori virtuale, come la droga, come le altre sostanze ed è preoccupante. Questo mi spaventa! “Crea notevoli problemi di salute mentale tra i giovani”, ha commentato.

Il signor Legault riconosce immediatamente che l’uso dei social network può creare dipendenza quanto quello dell’alcol, della cannabis o dei giochi d’azzardo.

Tre ambiti in cui il governo del Quebec impone un’età minima di legalità, ovvero 18 anni per alcol e giochi e addirittura 21 anni per la cannabis.

“Sono disponibile a intraprendere azioni importanti per i social media”, ha affermato il primo ministro Legault, senza specificare di quali azioni si stia parlando.

“Avremo dei dibattiti. Ci sono pro e contro. Se prendiamo questa decisione, valuteremo come possiamo farlo legalmente”, ha detto.

Ancora immigrati temporanei

Il signor Legault ancora una volta ha ribadito il suo messaggio sull’eccesso di immigrati temporanei.

Secondo il Primo Ministro, la presenza di 560.000 immigrati temporanei in Quebec impedisce il miglioramento dei nostri servizi pubblici in materia di alloggi, istruzione e sanità.

Stessa cosa per proteggere il francese, quando un terzo non parla francese. Le regioni di Montreal e Outaouais sono particolarmente colpite, ha spiegato.

Il signor Legault ora si prefigge la missione di far sì che i cittadini del Quebec comprendano “l’urgenza della situazione”.

Chiede agli elettori del Quebec di farne una questione centrale nella prossima campagna elettorale federale, prevista per il prossimo anno.

“Tutti devono capire e inviare un messaggio molto chiaro al signor Trudeau [premier ministre au Canada] : Signor Trudeau, dobbiamo agire rapidamente. […] Indipendentemente dal governo eletto a Ottawa, dobbiamo poter dire: non siamo più capaci”, ha riassunto Legault.

-

PREV Cantal Cup: la Vallée de l’Authre vince contro lo Sporting Châtaigneraie
NEXT Apicoltori del Territorio di Belfort in guerra contro il calabrone asiatico