Eure. Assassinio di Angélina: al processo, l’imputato tra pentimento e rinnegamento

Eure. Assassinio di Angélina: al processo, l’imputato tra pentimento e rinnegamento
Eure. Assassinio di Angélina: al processo, l’imputato tra pentimento e rinnegamento
-

Di

Emma Grivotte

pubblicato su

25 maggio 2024 alle 10:37

Vedi le mie notizie
Segui Il risveglio di Pont-Audemer

Domanda dopo domanda, silenzio dopo silenzio, la presidente della Corte d’assise, Julie Arzuffi, confronta gli imputati con il loro operato. Nel secondo giorno del processo per l’assassinio di Angélina Dorléans a Morainville-Jouveaux, il tribunale di Évreux (Eure) è tornato dettagliatamente, venerdì 24 maggio 2024, sui fatti per approfondire le responsabilità e le motivazioni dei tre imputati : Tiphanie Van Steen, 25 anni all’epoca, diciamo Jérémie Lecomte e Jérôme Boucher, 37 anni allora.

“Ci sono voluti due”

Il sabato prima della fatidica data di martedì 27 aprile 2021, Tiphanie Van Steen ha chiesto aiuto a Jérémie Lecomte, un ex compagno:

Mi ha raccontato che aveva dei problemi con qualcuno e che voleva eliminarli, che aveva dei lividi sulle cosce a causa sua, che si prendeva gioco dei suoceri per toglierle l’affidamento di sua figlia… Doveva sapevo che provavo dei sentimenti per lei e che avrei fatto qualsiasi cosa.

Jérémie Lecomte

Tiphanie Van Steen dice di essersi rivolta a lui perché “Era l’unica persona che io parlato.” Su sua richiesta, secondo lui, Jérémie Lecomte ha fatto visita al suo amico Jérôme Boucher. “Ce ne sono voluti due, perché sapeva che la signora Dorléans aveva molta forza. »

Uno sguardo “terrorizzato”.

Martedì 27 aprile 2021, mentre gli uomini sono nascosti in silenzio nel bagno, all’ultimo momento, Jérôme Boucher che doveva colpire Angélina con una bitta di legno non se ne sente capace e consegna l’arma all’amico.

“Mi ha detto Titi, temo”, dice Jérémie Lecomte. Anch’io tremavo. Arrivo con il pezzo di legno, la signora Dorléans gira la testa. Non saprei dirti se la toccassi con il pezzo di legno, se gli toccassi il viso. »

Il suo compagno rimane solo, in “panico” per “tre o quattro minuti” in bagno. “L’ho sentita urlare, poco prima dei due boom. Era un grido di paura.”lui ricorda.

La vittima cade a terra e Jérémie Lecomte lo immobilizza, a cavalcioni del suo stomaco. “Mentre urlava, le ho messo una mano sulla bocca e con l’altra le ho strangolato il collo. » La giovane si dibatte, si gratta il volto. Ricorda il suo sguardo, “terrorizzato”.

Video: attualmente su -

Chiede la sanzione più forte

Concentrato sul suo compito, Jérémie Lecomte pensa che Tiphanie Van Steen gli tenesse le gambe prima che Jérôme Boucher subentrasse.

Aspettammo che la signora Dorléans smettesse del tutto di muoversi. Mi è sembrato molto lungo, ma direi che è stato molto veloce.

Jérémie Lecomte

Una volta morta la vittima, Jérémie Lecomte si rende conto: “Sono paralizzato perché ho appena commesso un atto irreparabile. » Dicendo che in tribunale era pieno di rimpianti, chiede la sanzione più forte.

Quello che segue è il viaggio in macchina verso la foresta, la tanica di benzina rovesciata sul veicolo di Angélina Dorléans, l’incendio scoppiato e il ritorno a Morainville-Jouveaux attorno a un bicchiere di whisky. “In macchina, Tiphanie si sentiva sollevata, non aveva rimorsi”, ricorda Jérémie Lecomte.

” Quando ha detto davanti ai gendarmi che non mi aveva chiesto di uccidere, Ho capito che ero stato manipolato”, dice l’uomo.

Tiphanie Van Steen nega

Durante gli interrogatori dei suoi accoliti, vediamo solo la parte superiore della testa di Tiphanie Van Steen che sporge dal palco dell’imputato.

Quando arriva il suo turno, lei sostiene di non aver tenuto le gambe di Angélina Dorléans, contrariamente a quanto dicono i suoi soci. Indica di essere poi salita nella sua stanza con il telefono di Angélina (preso dalla sua tasca mentre veniva strangolata). Nega anche di aver chiesto a Jérémie di portare la benzina.

Le sue dichiarazioni sono variate nel tempo. Interrogata dal presidente del tribunale, la giovane ignora gran parte delle domande, minimizzando le sue intenzioni omicide.

Volevo eliminarlo. Ma non avrei mai pensato che sarebbe andata a finire così. Non pensavo che sarebbe morta. Conoscendo un po’ Jérémy, non pensavo che l’avrebbe uccisa.

Tiphanie Van Steen

Secondo il suo psicologo, l’ex dipendente di un macello di pollame sperimenterebbe la “negazione” : “È il cervello che si protegge per cercare di farci dimenticare le cose”, definisce.

Tiphanie Van Steen, però, ammette di aver desiderato, dal 23 aprile, la morte del nuovo compagno del suo ex compagno, con il quale aveva avuto un alterco il 15 aprile. La ragione :

Era insopportabile vivere senza il padre di mia figlia, perché per me quando abbiamo figli l’obiettivo è vivere tutta la vita insieme.

Tiphanie Van Steen

Suoi Le ricerche su Internet sono eloquenti : mazza da baseball, colpo alla tempia, alla testa, acido, calce… Al processo, ammette di aver chiesto a Jérémie Lecomte di uccidere Angélina.

Jérôme Boucher, seguace o partecipante coinvolto?

Per quanto riguarda Jérôme Boucher, persistono ancora zone grigie attorno al suo ruolo. Il suo amico Jérémie Lecomte gli confidò le loro intenzioni criminali domenica 25 aprile o lunedì 26 aprile, il giorno prima dell’assassinio.

Lunedì sera si scambiano messaggi in linguaggio codificato : ” Tagliare un albero ” ; “la nipote del cliente”; “se non ti senti capace dell’albero, guidami dal basso e io lo farò”…

Jérôme Boucher afferma nonostante queste discussioni: “Il giorno prima non pensavo che avrebbero preso provvedimenti. »

Per l’avvocato generale Philippe Coindeau, il quarantenne era perfettamente consapevole dell’atto che stava per commettere:

Lunedì alle 16:30 dici a tuo cognato che devi andare all’Eure. Nella prima udienza lei dice che lunedì sera pensava che fosse un delitto e che potesse essere drammatico.

Philippe Coindeau, Consigliere generale

“Ho seguito Jérémie”, spiega l’imputato. Ma per il procuratore generale, Jérôme Boucher ha avuto forse solo un ruolo di seguace. “Cosa c’è nel tuo armadietto al lavoro alla Super U?” 45 numeri di Nuovo detective, che leggi durante la pausa pranzo. Tiphanie Van Steen diceva che se ti chiamava era perché sapevi come farlo”, sottolinea.

Ha tenuto le gambe per 3 secondi o 10 minuti?

Dopo la sua esitazione nel bagno, perché Jérôme Boucher ha preso il posto di tenere le gambe della vittima?

Ero nel panico, non avevo pensieri. Succede automaticamente, non mi faccio domande.

Girolamo Boucher

L’auto e il corpo bruciarono, l’uomo si addormenta senza alcun problema. “Come fai ad addormentarti subito dopo aver ucciso qualcuno e dato fuoco al suo corpo?” », chiede l’avvocato parte civile, Karine Alexandri.

La sera stessa, la famiglia di Angélina Dorléans venne a sapere che la sua auto era stata ritrovata bruciata con un corpo sul sedile del conducente.

Segui tutte le notizie dalle tue città e media preferiti iscrivendoti a Mon -.

-

NEXT La Grosse Journe Recycleries (ex sito di segheria) Moustey