Faye e Doumbouya per il rafforzamento del partenariato tra Guinea e Senegal | APAnews

Faye e Doumbouya per il rafforzamento del partenariato tra Guinea e Senegal | APAnews
Faye e Doumbouya per il rafforzamento del partenariato tra Guinea e Senegal | APAnews
-

In Senegal c’è una forte comunità guineana, i due paesi condividono legami culturali e geografici che risalgono a diversi decenni.

Il nuovo presidente senegalese continua le sue visite ravvicinate nei paesi dell’Africa occidentale. Dopo Mauritania, Gambia e Costa d’Avorio, Bassirou Diomaye Faye si è recato in Guinea la sera di venerdì 24 maggio dopo aver trascorso la giornata a Praia, Capo Verde. A Conakry, il 44enne capo di Stato ha fatto la sua prima visita all’omologo del colpo di stato militare, il generale Mamadi Doumbouya.

Quest’ultimo ha partecipato alla sua inaugurazione a Dakar il 2 aprile con una folta delegazione.

Nella terra panafricana della Guinea », il leader senegalese “panafricanista” e “sovranista” ha parlato a lungo con le autorità di questo paese. Al termine dei colloqui di sabato, i due capi di Stato hanno dichiarato, in un comunicato stampa congiunto ricevuto dall’APA, di aver ” hanno esaminato questioni di interesse comune a livello bilaterale, subregionale, regionale e internazionale “.

In Senegal è presente una forte comunità guineana, i due paesi sono legati da legami culturali e geografici da diversi decenni. I presidenti Faye e Doumbouya hanno così ricordato “ bisogno di rafforzarsi ulteriormente » Rapporti di cooperazione senegalese-guineana nei settori della difesa e sicurezza, dell’amministrazione territoriale, delle miniere, dell’energia, del commercio, dell’industria, dei trasporti, delle infrastrutture, degli idrocarburi e di qualsiasi altro settore rilevante.

Hanno deplorato il mancato svolgimento, dal 2008, delle sessioni della Grande Commissione Mista di Cooperazione tra i due paesi e hanno deciso, a tal fine, di organizzare la sesta sessione a Conakry nel novembre 2024.

UN ” collaborazione strategica » dovrebbe anche consentire di rafforzare le relazioni economiche e commerciali tra Conakry e Dakar, secondo i due capi di Stato che promettono di collaborare con i loro colleghi per la realizzazione di progetti e programmi nell’ambito dell’Organizzazione per la valorizzazione del fiume Senegal (OMVS).

Creato nel 1972, riunisce quattro paesi: Guinea, Mali, Mauritania e Senegal. Nei mesi scorsi, però, Conakry aveva sospeso la propria partecipazione all’OMVS, lamentando una sottorappresentanza e una mancata presa in considerazione” i suoi interessi strategici “.

Oltre a promuovere lo scambio di esperienze e buone pratiche nella ricerca e a rafforzare le “partenariati” tra i settori privati ​​dei rispettivi Paesi, le due autorità avevano punti di vista convergenti sul tema della gestione delle frontiere. In particolare “ apprezzato i progressi compiuti nel processo di delimitazione e demarcazione della linea di confine tra » Senegal e Guinea. Hanno dato istruzioni a “ la materializzazione consensuale e definitiva del confine comune, nell’interesse delle popolazioni confinanti dei due Paesi “.

Sul fronte della sicurezza, senegalesi e guineani hanno deciso di “ unire i loro sforzi rafforzando i pattugliamenti congiunti lungo i confini comuni “. Questa strategia dovrebbe consentire di garantire “ un migliore coordinamento di fronte alla minaccia dei gruppi terroristici e alla piaga della circolazione illecita di armi leggere e di piccolo calibro, nonché dei vari traffici e della criminalità organizzata transnazionale “, hanno spiegato.

Negli ultimi giorni la dogana senegalese ha aumentato il numero degli arresti di trafficanti di banconote nere a Kolda, cittadina situata nel sud del Paese e non lontano dal confine con la Guinea.

ODL/ac/APA

-

PREV Thunder Bay lancia un bando per progetti di artisti canadesi
NEXT Rinegoziazione dei contratti petroliferi e del gas: Woodside rivela i suoi primi contatti con le autorità!