un ultimo stress da evacuare e una Villeneuve-d’Ascq da frenare

un ultimo stress da evacuare e una Villeneuve-d’Ascq da frenare
un ultimo stress da evacuare e una Villeneuve-d’Ascq da frenare
-

Soprattutto, niente panico. Più facile a dirsi che a farsi quando ci apprestiamo a giocare, potrebbe sembrare la partita più importante della storia del Basket Landes. Ovvero l’andata casalinga di una finale di campionato nella storia del club. E contro l’orco Villeneuve-d’Ascq, che ha corso durante la stagione della LFB. Solo quello. Ma le donne delle Landes hanno dimostrato più di una volta di poter abbattere le montagne, soprattutto nel Mitterrand.

“Abbiamo cercato di affrontarla come una partita normale, se passi la settimana a ripeterti che hai una finale, aumenta lo stress, il nervosismo”, spiega la pivot Luisa Geiselsöder. Quindi abbiamo cercato di rimanere concentrati, allenarci bene come ogni settimana, avere lo stesso ritmo. Alla fine è una partita normale, con conseguenze più grandi, ma non ha senso ammalarsi per questo. E andrà tutto bene. Dobbiamo restare sul nostro piano di gioco e rispettarlo. »

Attacco-difesa

In semifinale, Lattes-Montpellier è stata la vittima espiatoria e il primo testimone di una dimostrazione di forza offensiva dell’ESBVA (64-95, 103-67). I giocatori di Rachid Meziane hanno chiuso la stagione anche con il miglior attacco. “Se danno 100 punti noi dovremmo darne 110… dura! » scherza l’allenatore delle Landes Julie Barennes. “Cercheremo di continuare a fare quello che abbiamo fatto meglio. Loro hanno finito meglio in attacco, noi meglio in difesa. Se lasciamo giocare Villeneuve, sappiamo che ha una forza offensiva molto violenta. Non dobbiamo lasciare che facciano quello che vogliono. »

#French

-

PREV Un preparatore di automobili fonda la sua impresa di pulizie nella Somme
NEXT Europei: Bardella lancia il conto alla rovescia per la vittoria annunciata a Perpignan: News