Il CEO di CBC/Radio-Canada rifiuta l’idea di un direttore unico per entrambe le reti

Il CEO di CBC/Radio-Canada rifiuta l’idea di un direttore unico per entrambe le reti
Il CEO di CBC/Radio-Canada rifiuta l’idea di un direttore unico per entrambe le reti
-

“No, mai”, ha risposto martedì Catherine Tait durante una breve conferenza stampa al termine della sua audizione davanti al Comitato permanente per il patrimonio canadese, dove è stata più volte chiamata a far luce sul “piano di trasformazione” dell’ente statale.

Pochi minuti prima, durante il suo incontro con il comitato, il portavoce del patrimonio del Bloc Québécois, Martin Champoux, le aveva spiegato che non doveva aspettarsi che i quebecchesi venissero rassicurati mentre i conservatori di Pierre Poilievre minacciavano di “tagliare i fondi” alla rete inglese.

“Avete spiegato che CBC/Radio-Canada condividevano infrastrutture, edifici, tecnologia, attrezzature, amministrazione, finanze”, ha elencato. In realtà hai detto che CBC/Radio-Canada è un’unica compagnia, fatta eccezione per la programmazione e le notizie. […] Ti avvicinerai dove, se tutto ciò che resta da avvicinare è la programmazione e le novità?

La sig.ra Tait ha risposto parlando delle attrezzature e degli strumenti di produzione e distribuzione. Ma sostiene di “giurare” che la sua squadra mantiene “al centro di tutte le nostre riflessioni” l’importanza di Radio-Canada per la realtà francese e che non si tratta di incidere sull’indipendenza editoriale, “ principio fondamentale dei nostri servizi.

“Sì… un principio”, ripeteva allo stesso tempo il signor Champoux. L’eletto ha poi spiegato in un’intervista a La Presse Canadienne di essere “molto, molto preoccupato”, tanto da ritenere che “è certo” che l’indipendenza, l’influenza e l’identità di Radio-Canada saranno “sfregiate Là”.

Inoltre, l’eletto ha sostenuto che la “proposta” del Blocco di separare la CBC da Radio-Canada in due società statali separate non deve essere interpretata come un sostegno ai conservatori, i quali sono lieti di constatare che ciò semplificherebbe il loro progetto di “definanziamento”. Secondo lui si tratta più di un meccanismo di protezione.

Durante la sua testimonianza, la signora Tait ha anche affermato categoricamente che una fusione dei contenuti di CBC e Radio-Canada non è sul tavolo, ma mira piuttosto ad “armonizzare” i servizi.

VEDI ANCHE | Una commissione del 2% sull’acquisto del cellulare per aiutare i media?

“Per me la fusione significa mettere in comune i nostri servizi. Armonizzare significa lavorare insieme, trovare soluzioni insieme”, ha poi chiarito ai giornalisti.

Il deputato conservatore di Lévis-Lotbinière, Jacques Gourde, le ha chiesto se utilizza Radio-Canada come “ancora di salvezza per salvare la CBC” che, secondo lui, “sta vivendo il suo ultimo respiro”. La signora Tait ha poi elogiato i successi della rete inglese senza rispondere direttamente alla domanda.

Al contrario, la presidente e amministratore delegato (CEO) ha affermato che il progetto di fusione è allo studio di sua iniziativa e che né lei né il suo consiglio di amministrazione hanno subito pressioni politiche per intraprendere questa strada.

Evocando il suo attaccamento all’emittente pubblica, il liberale Marc Serré, che l’ha interrogata, ha detto che suo padre, quando era seduto a Ottawa nel 1971, aveva portato da Sudbury una petizione con 21.000 firme chiedendo di avere una stazione radio in Canada Ontario settentrionale.

La signora Tait gli ha detto che sarebbe “molto difficile, quasi impossibile” mantenere una forte Radio-Canada dove i francesi sono in minoranza se i conservatori tagliassero completamente il budget della CBC.

“Loro [les conservateurs] parlano di un miliardo, ha osservato. È più della metà del nostro budget. Se tagliassimo, sarebbe un disastro per i media francofoni fuori dal Quebec, questo è certo”.

Chiamato a reagire a questa dichiarazione, il conservatore Jacques Gourde ha giudicato che “nulla a questo mondo è legato all’impossibile”. Il mandato della signora Tait scade tra pochi mesi e il suo sostituto “forse troverà soluzioni per renderlo possibile”, ha detto.

Bonus

Durante la sua testimonianza, durata più di due ore, Catherine Tait ha dovuto affrontare una valanga di domande da parte dei deputati conservatori anglofoni sui bonus corrisposti ai dirigenti e ai direttori.

L’emittente aveva aperto il tavolo alla discussione rendendo pubblica una lettera inviata a marzo al presidente del comitato del patrimonio in cui accusava i membri conservatori del comitato di aver deliberatamente diffuso falsità riguardo all’ente statale e alla signora Tait.

Questa lettera è stata consegnata ai media da uno dei suoi compagni prima dell’incontro. I deputati Kevin Waugh e Rachael Thomas vengono denunciati per le loro “false accuse”. Entrambi avevano accusato la signora Tait di aver mentito e di aver ingannato la commissione sui bonus in una riunione precedente.

L’amministratore delegato ha respinto le accuse oggi in uno scambio con la signora Thomas su quando sarà o sarà presa una decisione sulla possibilità o meno di ricevere bonus ai dirigenti quest’anno.

“O hai mentito il 30 gennaio, o stai mentendo adesso”, ha detto il critico conservatore del patrimonio culturale canadese.

La sig.ra Tait aveva precedentemente detto alla commissione che una decisione sui bonus sarebbe stata presa a partire da marzo, la fine dell’anno finanziario. Ma durante l’incontro di martedì, la signora Thomas si è offesa per il fatto che il grande capo non avesse avuto aggiornamenti.

“Sono davvero contrario a essere definito bugiardo, cosa che è accaduta in diverse occasioni”, ha detto l’amministratore delegato rivolgendosi alla signora Thomas. Questa è la prima volta nella mia carriera quarantennale che qualcuno mi si rivolge in questo modo”.

La signora Tait ha affermato che non è stata ancora presa alcuna decisione sui bonus per l’anno finanziario 2023-24, ma la questione sarà discussa a metà giugno con il consiglio. Lei ha insistito sul fatto che si tratta comunque di una retribuzione di risultato che fa parte della retribuzione complessiva complessiva di alcuni dipendenti in base ai contratti esistenti.

A dicembre, CBC/Radio-Canada ha annunciato che avrebbe tagliato 600 posti ed eliminato altre 200 posizioni vacanti, insieme a 40 milioni di dollari di tagli alla produzione per far fronte a un deficit previsto di 125 milioni di dollari.

Ma le nuove entrate previste, compresa l’aggiunta di 42 milioni di dollari annunciata nel bilancio federale, consentiranno di superare l’anno senza nuovi licenziamenti, ha affermato la signora Tait.

In totale, da dicembre l’emittente pubblica ha eliminato 205 posti vacanti e licenziato 141 dipendenti.

– Con informazioni di Mickey Djuric, a Ottawa

-

PREV L’ex sindaco di Canteleu è stato processato per favoreggiamento del traffico di droga nella sua città
NEXT Riconoscimento del percorso del Tour de France a Bouriane