Per l’8 maggio, questo sindaco della Côtes-d’Armor si rifiuta di leggere il testo del governo

Per l’8 maggio, questo sindaco della Côtes-d’Armor si rifiuta di leggere il testo del governo
Per l’8 maggio, questo sindaco della Côtes-d’Armor si rifiuta di leggere il testo del governo
-

È piuttosto un simbolo. Poche ore prima del suo discorso per commemorare la fine della Seconda Guerra Mondiale, mercoledì 8 maggio, il sindaco di La Roche-Jaudy, Jean-Louis Even, ha voluto informare la stampa della sua intenzione. In un comunicato stampa, ha dichiarato di rifiutarsi di leggere, davanti al Monumento ai Caduti, il testo fornito ogni anno dal governo, firmato dal Ministro delle Forze Armate e dal Segretario di Stato per i Veterani.

La sua battaglia: l’accesso alle cure e la difesa delle case di cura pubbliche

Considerando che questi testi, “quasi identici ogni anno, rispettano e onorano la memoria di coloro che sono morti per la Francia”, non basta, secondo il consigliere, “vestirsi di scuro con volti tristi” […] per non aver tenuto conto dell’accesso alle cure e della dignità di chi è ancora in vita a casa o nelle case di cura. »

La sua lotta per l’accesso alle cure e la difesa delle case di cura non è nuova. Jean-Louis Even parla regolarmente a livello locale e nazionale su questo argomento. Fa anche parte del collettivo dei sindaci bretoni che si oppone alla difesa delle case di cura pubbliche. Il mese scorso, il primo consigliere si era detto pronto ad attaccare lo Stato se i finanziamenti concessi alle case di riposo pubbliche fossero rimasti insufficienti: “Se non si fa nulla, andiamo verso una catastrofe sanitaria e sociale”, aveva dichiarato.

Venerdì 3 maggio, il sindaco ha ricevuto il nuovo sottoprefetto di Lannion, Pauline Dubus. Al centro delle discussioni è stata anche la questione delle case di cura e dell’accesso alle cure.

Giovedì 16 maggio incontro con il ministro

Questo mercoledì, scegliendo di leggere il proprio discorso, Jean-Louis Even intende riprendere la sua battaglia. “È imperativo ricordare tutte queste donne e questi uomini che hanno lottato e resistito, che hanno lottato a rischio della propria vita, per noi, per i nostri genitori, per i nostri figli, i nostri nipoti, per le nostre generazioni future, per la pace e la libertà […] », ha detto, davanti al monumento ai morti del suo comune, circondato dalle bandiere con i colori della Francia.

“Ma cosa direbbero coloro i cui nomi sono iscritti su questi monumenti se sapessero che sono le loro sorelle, i loro fratelli […], che stanno invecchiando, non hanno accesso alle cure come dovrebbero? » Jean-Louis Even ha concluso il suo intervento annunciando un incontro, giovedì 16 maggio, con Fadila Khattabi, ministro degli Anziani, alla presenza degli eletti del settore.

#French

-

PREV Scomparsa di Lina nel Basso Reno: “rami spezzati”, “vestiti”… investigatori in allerta
NEXT Europei: Bardella lancia il conto alla rovescia per la vittoria annunciata a Perpignan: News