Dominic finalmente ottiene il suo lavoro all’ospedale Granby

-

Basta osservare Dominic sul posto di lavoro per vedere che si sente come un pesce nell’acqua. Oltre all’ambiente conosce anche tutte le persone che vi gravitano. Almeno da quando ha iniziato il suo tirocinio quasi un anno fa. “La squadra è fantastica”, dice in un’intervista. Mi aiutano molto.”

Aveva alcune apprensioni prima di entrare nell’ambiente ospedaliero. Tuttavia, una volta entrato in azione, i suoi dubbi furono rapidamente dissipati. “Sono rimasto piacevolmente sorpreso”, confida, menzionando poi che intende “fare questo lavoro a lungo termine”.

(Catherine Trudeau, La voce dell’Oriente)

“Un grande passo avanti”

Il padre di Dominic, Stéphane Pollender, ha combattuto molte battaglie fin dall’infanzia per permettere a suo figlio di sviluppare tutto il suo potenziale. Non ha esitato a farlo di nuovo affinché la CIUSSS de l’Estrie riconosca il suo valore togliendosi i paraocchi, in particolare ignorando il fatto che non ha in tasca il suo quinto diploma secondario.

“È un grande passo avanti. Abbiamo aperto una porta a persone che vogliono lavorare, ma che hanno un percorso particolare”, sostiene.

Il signor Pollender ammette che la notizia dell’assunzione di Dominic toglie un peso enorme dalle sue spalle e da quelle del suo partner. “Per Dominic potrebbe essere un lavoro per tutta la vita. È uno stress in meno per il futuro. […] Il nostro ragazzo ha del potenziale e saprà sfruttarlo, ha detto. Potrà svilupparsi come tutti gli altri.

“Proprio nel cuore”

Élise Robidoux-Tétreault, collega di Dominic, è la madre di un bambino autistico. Il viaggio della giovane “la tocca direttamente al cuore”. “Sta arrivando per me. Loro [les autistes] hanno il diritto di avere il loro posto e di essere integrati. Ci vuole solo un po’ per abituarsi. E nonostante gli ostacoli, Dominic è sempre rimasto positivo. Teneva la testa alta. Con lui ci abbiamo creduto”.

>>>>>>

Élise Robidoux-Tétreault, collega di Domenico. (Catherine Trudeau/La Voix de l’Est)

Il suo contributo al dipartimento degli archivi è inequivocabile. “Dominic ci dà molto supporto. Svolge diversi compiti ed è molto coinvolto. È anche molto laborioso. È un ottimo giocatore nella nostra squadra. Ama quello che fa. Sembra. È felice di essere qui con noi e lo apprezziamo davvero”.

Apertura

Anche se non “controlla tutte le caselle” per quanto riguarda i prerequisiti legati al lavoro che ricopre, Dominic ha dimostrato durante i suoi stage di essere in grado di occupare questa posizione negli archivi. “Ha dimostrato la volontà di integrarsi in un ambiente accogliente, con un manager esemplare”, indica Jo-Annie Fontaine, vicedirettrice delle risorse umane del CIUSSS de l’Estrie. Sono questi gli elementi che fanno la differenza”.

>>>>>>

Jo-Annie Fontaine, vicedirettrice delle risorse umane del CIUSSS de l’Estrie. (Catherine Trudeau/La Voix de l’Est)

“Vogliamo che il suo viaggio sia un successo a lungo termine. Le procedure sono state lunghe, ammette il rappresentante della CIUSSS. Ma ci siamo incontrati con il sindacato, che ha dimostrato grande apertura”.

Inoltre, l’assunzione di Dominic si adatta perfettamente al desiderio del datore di lavoro di promuovere l’equità, la diversità e l’inclusione nei propri team. Nel 2022 è stata adottata anche una politica interna in questo senso. «Dobbiamo continuare a sensibilizzare le persone sulla differenza. Ma siamo molto contenti del risultato ottenuto aprendo la porta a Dominic. E possibilmente in futuro ad altre persone con un background atipico”.

-

PREV Trovate l’elenco delle 6 farmacie requisite nella Nièvre durante lo sciopero
NEXT sei persone arrestate a Seine-Saint-Denis