“Il SAAQ, ci aspetteranno”

-

“Una semplice formalità amministrativa, come si dice nei manicomi”, ha scherzato giovedì il sindaco Marchand, accompagnando un annuncio sulla mobilità.

Tecnicamente, la sua amministrazione ha tempo fino al 31 maggio per decidere se vuole – o meno – imporre una sovrattassa agli automobilisti della capitale per finanziare il trasporto pubblico a partire dal 2025. Dovrà farlo adottando formalmente una risoluzione in consiglio comunale.

Ma il sindaco Marchand vuole più tempo perché ritiene di non avere tutti i dati necessari per approfondire la questione.

“Non sappiamo nemmeno quali saranno i nostri budget, il contributo del governo, la visione del governo in termini di sviluppo dei trasporti”, ha osservato il sindaco.

Anche i decisori della regione del Quebec non sono a conoscenza delle conclusioni della Caisse de dépôt et Placement du Québec e dei suoi piani per la mobilità nella regione.

Senza queste informazioni “fondamentali” è impossibile pensare ad un eventuale sovrapprezzo di registrazione, secondo Marchand.

>>>>>>

Le città che hanno indicato il loro interesse al SAAQ per una sovrattassa di registrazione hanno tempo fino al 31 maggio per adottare una risoluzione che specifichi l’aumento che desiderano imporre. (Frédéric Matte)

Secondo lui, il governo Legault e il SAAQ devono mostrare “buona fede” accettando di posticipare la scadenza di “alcune settimane”, altrimenti le città rimarranno “intrappolate” in un processo troppo rapido.

“Ecco, le formalità amministrative… ci vogliono nove mesi per farle? C’è davvero qualcuno che muove le cifre sul pallottoliere e ci vorranno nove mesi per poter dire quale sarà l’importo che chiederemo se facciamo pagare?”, ha inveito Bruno Marchand.

“Serve una visione. Abbiamo bisogno di un po’ di tempo. Il SAAQ ci aspetterà”.

— Bruno Marchand, sindaco del Québec

Il sindaco del Quebec non è l’unico a denunciare le scadenze imposte alle città interessate dal Ministero dei Trasporti.

All’inizio della settimana, l’Unione dei Comuni ha sottolineato anche le questioni legate agli orari e ai costi imposti alle città che desiderano approfittare del nuovo strumento proposto dal Quebec.

In totale, una trentina di città o comuni regionali (MRC) hanno manifestato il loro interesse per un aumento dell’imposta di registro. Tuttavia, molti di loro potrebbero decidere di non portare avanti la misura, come nel caso Lévis.

La tassa su Jackie Smith “non verrà applicata”

Durante la sua conferenza stampa, il sindaco Marchand ha anche assicurato che è fuori questione imporre una tassa di immatricolazione di 1.167 dollari agli automobilisti del Quebec, come proposto mercoledì da Transition Québec.

La misura avrebbe offerto un finanziamento aggiuntivo di 350 milioni alla compagnia di trasporti del Quebec.

“Non chiederemo 1.100 dollari per macchina in un contesto finanziario difficile per molte persone”, ha deciso rapidamente Bruno Marchand. Non arriverà.”

E anche se lo facesse, la Capital Transport Network (RTC) non sarebbe in grado di spendere le somme raccolte in modo efficace, ha osservato il sindaco. “Se decidiamo di aumentare la tassa di registrazione, dobbiamo poter dire alla gente quali servizi aggiuntivi otterranno in cambio”, ha insistito Marchand.

>>>>>>

Mercoledì, il capo di Transition Quebec, Jackie Smith, ha chiesto l’imposizione di una sovrattassa di immatricolazione di 1.167 dollari per gli automobilisti del Quebec, l’equivalente di un abbonamento mensile di un anno. (Fototeca Le Soleil, Erick Labbé/Fototeca Le Soleil, Erick Labbé)

Per quanto riguarda la decisione della consigliera di Limoilou di dimettersi dal consiglio di amministrazione di RTC, il sindaco Marchand ha sottolineato che si è trattato di “una sua scelta”, senza commentare ulteriormente.

-

PREV In Senegal, undici feriti nell’incidente del Boeing: chiusura dell’aeroporto di Dakar
NEXT Grande Nancy. Uno dei panini più buoni del Grand Est lo potete gustare da Frouard