Neo-bibliotecari lucidi ma fiduciosi nel futuro

Neo-bibliotecari lucidi ma fiduciosi nel futuro
Neo-bibliotecari lucidi ma fiduciosi nel futuro
-

A due anni dallo studio dedicato ai “creatori e acquirenti di librerie”, il consulente della società Axiales Matilde Rimaud, ha presentato, lunedì 17 giugno, nel corso della seconda giornata degli Incontri Nazionali delle Librerie, una nuova parte del sondaggio dedicato a questi professionisti per scoprire “Dove sono i nuovi librai? », i cui dati completi sono disponibili sul sito web del Syndicat de la livre française (SLF).

Prima osservazione: si conferma l’attrattività della professione del libraio. Tra il 2019 e il 2023 la rete si è ampliata con 574 creazioni in libreria. Se il 2021 rappresenta un “ anno di cambiamento », il picco è stato raggiunto l’anno successivo con ben 189 aperture (il 33% del totale). Nonostante un leggero calo da allora, il numero rimane elevato con 169 creazioni nel 2023. E questo entusiasmo riguarda l’intero territorio francese con numerose creazioni ” abbastanza omogeneo e con una maglia ancora più fine », sottolinea Mathilde Rimaud.

Donne sulla quarantina

Chi indossa queste aperture? Per lo più donne (66,7%), di età pari o inferiore a 45 anni (54%). “ I creatori sono piuttosto giovani », osserva l’esperto, precisando che « Il 23% di loro ha meno di 35 anni “. Il 33,7% di queste persone ha avuto esperienza in una libreria e opta per una libreria generalista (75%). `

Quando si sceglie la specializzazione, i neo-librai sono coerenti con i risultati di mercato: crescono fumetti e manga (36,7% delle librerie specializzate), così come i giovani (26,5%). Fatto nuovo: l’emergere di marchi specializzati in letteratura immaginativa.

Le nuove librerie privilegiano l’apertura anche nei comuni con meno di 20.000 abitanti (53,3% del totale). Più di un marchio su cinque si trova addirittura in un comune con meno di 5.000 abitanti. Si tratta infatti di attività di modeste dimensioni (75 mq in media) ma con scaffali ben forniti (7.000 articoli in media). Si noti, tuttavia, che la metà degli intervistati offre meno di 6.500 referenze.

Precarietà

Per effetto di “ correlazione tra la loro ubicazione e la loro ridotta superficie economica », il fatturato medio si attesta sui 170.000 euro. Inoltre, più della metà (54%) dei brand poggia esclusivamente sulle spalle del manager. Questi ultimi si trovano in una situazione di “ grande precarietà “. Quasi la metà (43%) non può infatti essere retribuita e solo il 22% riceve una retribuzione superiore al salario minimo.

A questa precarietà si aggiungono un certo numero di difficoltà come la mancanza di redditività, il carico di lavoro o addirittura la mancanza di tempo. I librai si aspettano anche sconti migliori, un migliore servizio di distribuzione e trasporto o una migliore considerazione come librerie di livello 2.

Tuttavia, il pessimismo non è appropriato. Tra le buone notizie: soddisfazione legata, per l’87% di loro, alla scelta della location, dove spesso credono di colmare una lacuna, o alla presenza di una clientela locale (79,5%). Tanto che questi neo-librai non sperimentano” nessun rimpianto » aver scelto “ una professione di passione “. E soprattutto il 75% vuole essere ottimista per il futuro del proprio brand.

-

NEXT Mercoledì andrà in gita per leggere a Bertranges