Livrodrome, un parco divertimenti letterario itinerante per provare il piacere della lettura

Livrodrome, un parco divertimenti letterario itinerante per provare il piacere della lettura
Livrodrome, un parco divertimenti letterario itinerante per provare il piacere della lettura
-

A prima vista Adam, 12 anni, è rimasto un po’ deluso. Quando il suo insegnante di francese gli promise una gita in un “parco di divertimenti letterario”, lo scolaro si aspettava di salire sulle montagne russe, non di scervellarsi. Ma, a metà pomeriggio, Adam ha ancora il sorriso sulle labbra. Con i suoi amici ha appena partecipato, sul prato soleggiato del Parco Beaulieu, nel pieno centro di Ermont, a un insolito laboratorio, che unisce sport e scrittura, organizzato con il supporto del locale club di tiro con l’arco.

A seconda dei bersagli colpiti dalle loro frecce, i ragazzi hanno raccolto un elenco di parole, a volte stravaganti, da inserire in una lettera di benvenuto indirizzata agli atleti americani che faranno base a due passi da qui per le Olimpiadi. Non è facile inserire nella missiva “soprannome” o “ornitorinco”! I tre ragazzi escono comunque con il massimo dei voti e un raccolto di Read Checks che vanno a spendere sul banco di una libreria indipendente: un manga per uno, un libro documentario sullo sport per l’altro, mentre quello dei loro compagni di classe ha scelto un romanzo di Arsène Lupin, perché lei “mi è piaciuta la serie su Netflix”.

Desacralizzare il libro

“Potrò rivenderlo? », si chiede, tra ingenuità e provocazione, un altro adolescente, con l’opera in mano. L’aneddoto è rivelatore: godersi la lettura non è facile per questi adolescenti, che trascorrono dieci volte più tempo davanti allo schermo che davanti a un libro (1). “Molti di loro non hanno libri a casa. E quando ce n’è uno, viene tramandato tra fratelli e sorelle come un oggetto raro”, precisa Léo Pailloux, insegnante di francese al collegio Saint-Exupéry. Anche se ammette di essere venuto con i suoi studenti più motivati, crede che questo evento festivo sia un “un buon modo per raggiungere tutti i giovani dissacrando il libro”.

Togli la lettura dalla scuola o dall’ingiunzione dei genitori, presentala come un’attività ricreativa. Ecco l’obiettivo di Gauthier Morax, creatore nel 2018 di questo Livrodrome: una ventina di dispositivi divertenti progettati in collaborazione con il linguista Julien Soulié, l’artista visiva Fabienne Yvert o l’autore di fumetti Étienne Lécroart. Qui creiamo una storia a partire dalle espressioni di lingua francese; lì, godiamo di un’esperienza di lettura immersiva o “redigiamo” una pagina di un romanzo per inventare un nuovo testo. Più avanti, in una “cabina di prescrizione letteraria”, un bibliotecario rilascia una ricetta per i libri secondo i gusti di ognuno.

Raggiungere i giovani lontani dai libri

Nel corso della giornata saranno stati distribuiti più di 800 Buoni di lettura e centinaia di libri gratuiti, come questa raccolta unica di racconti sullo sport, firmata da dieci autrici (Claire Castillon, Christelle Dabos, ecc.) . “Ogni adolescente deve partire con un suggerimento di lettura per le vacanze. Un titolo che ha scelto lui, non che qualcuno gli ha imposto! », precisa Régine Hatchondo, presidente del Centro nazionale del libro (CNL), che supervisiona l’operazione, nell’ambito di “Partir en livre”. Questo programma nazionale, che festeggia il suo decimo anniversario, trasmette quasi 5.800 eventi in tutta la Francia, di cui 200 sostenuti finanziariamente e certificati dal CNL.

In programma: passeggiate di racconto, laboratori di grafica, mostre, letture, ecc. organizzate in vari luoghi (biblioteche, musei, teatri, centri ricreativi, colonie estive, spiagge, ecc.). Tariffe Régine Hatchondo “Sono quasi 300.000 i giovani colpiti ogni anno, molti dei quali sono alienati dai libri perché vivono in quartieri svantaggiati o in aree rurali”. “Incontrare un autore, rendersi conto che è in reale contatto con il mondo in cui viviamo può rimuovere molti ostacoli”, assicura. Invitato a Ermont, l’autore americano Douglas Kennedy ha parlato liberamente con i giovani delle molestie subite in gioventù. Una discussione cuore a cuore e a libro aperto alla quale, spera, contribuirà “creare una nuova generazione di lettori”.

(1) Secondo l’ultimo studio del National Book Center.

—–

Dieci città tappa

Il Livrodromo, premiato l’anno scorso con il gran premio Sofia-Lire-Télérama come festival dell’anno, fa tappa in dieci città. Dopo Ermont (11 giugno) e Saint-Germain-en-Laye (14 giugno), sarà a Lille (18 e 19 giugno), Villers-Cotterêts (21 giugno), Florange (25 giugno), Belfort (27 giugno) , Lons-le-Saunier (28 giugno), Angers (4 luglio), Marsiglia (9 luglio) e Montélimar (11 luglio).

Costituisce l’evento di punta di “Partir en livre”, che si svolge fino al 21 luglio, da Concarneau a Montpellier. Programma completo e mappa interattiva su parti-en-livre.fr

Dopo “amicizia” e “libertà” negli anni precedenti,“sport e giochi” è il tema di questa nuova edizione di “Partir en livre”, che comprende 102 progetti itineranti. Partecipano circa 600 autori e illustratori e 608 biblioteche.

-

NEXT Mercoledì andrà in gita per leggere a Bertranges