La Salvetat-Belmontet. La lettura sotto i riflettori grazie alla nuova libreria

La Salvetat-Belmontet. La lettura sotto i riflettori grazie alla nuova libreria
La Salvetat-Belmontet. La lettura sotto i riflettori grazie alla nuova libreria
-

La biblioteca del comune di La Salvetat-Belmontet è stata creata per consentire alla popolazione locale un accesso rapido e senza vincoli alla lettura. La letteratura, infatti, costituisce una parte importante della nostra cultura. Nel quotidiano, la lettura resta un modo per trovare una certa evasione, inoltre dona alla mente creatività nell’immaginazione… Così, da quando gli esseri umani hanno saputo scrivere, si sono applicati alla lettura. La maestria e la passione data alle lettere è quindi un atto nobile in questi tempi in cui il mondo virtuale tende a cancellare la sensazione concreta che genera un libro e la sua capacità di comunicazione, istruzione e sensazione…

È quindi su queste basi che l’associazione “Savoir Etre” ha amplificato questa missione basata sul libro sostenendo l’iniziativa in tutto il comune. La struttura si trova all’interno del municipio di La Salvetat, è aperta al pubblico su base del tutto volontaria.

Anche le scatole dei libri! Altri tre punti consentono l’accesso al prestito dei libri: i box dislocati nelle tre frazioni del comune. Il primo si trova a La Salvetat, contro il muro del municipio davanti alla biblioteca, un’idea intelligente nata dal riciclaggio di una porta murata dall’interno… il secondo si trova a Belmontet, è stato creato dall’associazione “L’oeil sur le front” anch’esso molto attivo nelle attività culturali. Infine, Saint Caprais possiede sicuramente il più grande che si possa immaginare anche all’interno del dipartimento, si trova vicino al municipio, in fondo alla piazza del paese.

Attraverso questa azione, il comune contribuisce alla conservazione di questo patrimonio che ci è tanto caro e che, grazie al gran numero di scrittori famosi, preserva nella lingua di Molières la sua potente influenza con un giusto orgoglio che tutti riconosceranno!

-

PREV Laurent Gaudé, dal coro all’opera – Libération
NEXT “Frutta”: un ricettario che vi farà innamorare dei frutti del Quebec