I finalisti del premio letterario Scottish Meetings 2024

I finalisti del premio letterario Scottish Meetings 2024
I finalisti del premio letterario Scottish Meetings 2024
-

Creato nel 2022, in associazione con il sito letterario La Griffe, il premio letterario scozzese Rencontres riconosce un’opera pubblicata tra il 1ehm aprile dell’anno precedente e 31 marzo dell’anno in corso.

Queste opere possono essere romanzi, saggi, documenti o biografie il cui argomento è legato all’esoterismo, alla spiritualità, alla filosofia o alla Massoneria. Le opere vincitrici non possono essere opere digitali o autopubblicate. I primi due vincitori sono stati Frederic Lenoir (Jung, un viaggio verso se stessiAlbin Michel) nel 2022 e Françoise Schwab (Vladimir JankélévitchAlbin Michel) nel 2023.

La giuria è composta da leader di associazioni massoniche francesi e straniere, partner degli Scottish Meetings. È sponsorizzato quest’anno da Françoise Schwab, vincitrice dell’edizione 2023 per il suo lavoro a cui ha dedicato Vladimir Jankélévitch, il fascino irresistibile del je ne sais quoi (Albin Michel).

Gli Scottish Meetings riuniscono ogni anno un gruppo di relatori per due giorni su un tema legato alla spiritualità, all’esoterismo o alla Massoneria. Per l’edizione 2024 (5 e 6 ottobre ad Angers), il tema scelto è: “Dire e vivere l’Idea”. Ogni anno, quasi 700 delegati partecipano a questo evento sponsorizzato per quest’annata dall’astrofisico Trinh Xuan Thuan.

La selezione 2024:

Croce di cenere Di Antonio Senanque (Grasset)

Disertare Di Mattia Enard (Atti del Sud)

Da eroe a vittima Di François Azouvi (Gallimard, test NRF)

Elogio di ciò che ci lega Di Pasquale Lardellier (Alba)

Elogio spirituale della tenerezza DiOdile Haumonté (Artege)

L’uomo senza di me Di Pierre Guenancia (PUF)

L’insolenza dei miracoli Di Didier van Cauwelaert (Plon)

La fine dei fenomeni Di Michel Guerin (Inchiostro blu scuro)

La tradizione dei Massoni di Domenico Jardin (Dervy)

Il più bello resta l’inespresso Di Sophia Sherine Hutt (Unicità)

Perla Pescatore Di Alain Finkielkraut (Gallimard)

Sono il custode di mio fratello? Di Beatrice Surchat (Lavoro e Fides)

-

PREV I 5 libri essenziali per la primavera
NEXT Virginie Grimaldi: “Le persone usano i miei libri per mandare messaggi”