il libro che racconta il giorno più mortale della storia israeliana

il libro che racconta il giorno più mortale della storia israeliana
il libro che racconta il giorno più mortale della storia israeliana
-

Nato nel 1994, Lee Yaron è giornalista presso Haaretz, quotidiano israeliano classificato a sinistra e bestia nera del governo Netanyahu. È diventata nota per i suoi reportage su casi di corruzione e crisi climatica, ma anche su questioni di discriminazione. Avendo dedicato numerosi articoli alle violenze subite dalle donne, dalle persone LGBTQ+ o dai richiedenti asilo, ha saputo descrivere tutti i volti della società israeliana (ebrei, arabi, beduini, etiopi, sudanesi, cinesi, ecc.).

Dopo gli attentati perpetrati da Hamas e dalla Jihad islamica in Israele il 7 ottobre 2023, attacchi durante i quali sono state uccise 1.140 persone, principalmente civili, e altre 250 rapite (secondo il bilancio israeliano), Lee Yaron ha voluto raccontare storie di donne e uomini su come questa società sia rimasta colpita nella sua diversità: “Kibbutznik di sinistra, frequentatori di festival, beduini, arabi israeliani, lavoratori tailandesi e nepalesi, attivisti, sopravvissuti all’Olocausto e persino rifugiati ucraini e russi”lei dice.

Dopo aver raccolto le parole dei sopravvissuti, dei lutti e dei soccorritori, ha firmato oggi il primo libro che ricostruisce “il giorno più mortale nella storia israeliana”. Intitolato 7 ottobre, questa storia appare il 24 aprile nelle edizioni Grasset. “Le Monde des livres” ne pubblica ampi estratti. Jean Birnbaum

Effetti personali lasciati durante l’attacco del 7 ottobre al sito del festival Tribe of Nova, 12 ottobre 2023. RONEN ZVULUN/REUTERS

Buone foglie.

Festa della Tribù di Nova

[Bien plus qu’une rave-party, ce festival s’inscrit dans un vaste mouvement international qu’on nomme parfois « néospiritualité occidentale ». Les femmes et les hommes qui l’animent prônent des valeurs de paix et de cohabitation non seulement entre les peuples mais aussi avec l’ensemble des êtres vivants, la dimension écologique étant très importante. Au total, 364 personnes ont été assassinées et 40 autres ont été kidnappées par le Hamas et le Jihad islamique sur les lieux de ce festival.]

“Quanto tempo impiega un cadavere a marcire?” »

Il telefono di Haïm Utmazgin squillò intorno alle 19:30.

Ortodosso e padre di sei figli, Haïm ha accolto nella sua casa di Petah Tikva una ventina di ospiti, tra cui generi e nuore. Era una vacanza, non il momento ideale per una chiamata.

La persona dall’altra parte del filo era un giovane rabbino che conosceva a malapena; si erano incrociati solo una o due volte.

“Non sono sicuro di aver capito, puoi ripetere?” rispose Haim.

— Quanto tempo, quante ore impiega un corpo a marcire?

Ti resta l’88,15% di questo articolo da leggere. Il resto è riservato agli abbonati.

-

NEXT Autore di due libri a 19 anni, Louis Lefèvre usa le parole per guarire