NATO: verso un’alleanza asiatica?

NATO: verso un’alleanza asiatica?
NATO: verso un’alleanza asiatica?
-

E se l’Alleanza Atlantica diventasse anche l’Alleanza del Pacifico? Dall’inizio del suo mandato, l’amministrazione Biden ha rafforzato le sue alleanze nella regione dell’Indo-Pacifico, sul modello di quanto già esiste in Europa con la NATO, l’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico, che comprende 32 paesi membri.

Fin dai primi mesi del mandato di Joe Biden, il dialogo quadrilatero tra Stati Uniti, Giappone, Australia e India, soprannominato “Quad”, ha dato luogo a vertici regolari. Nel settembre 2021 è entrato in vigore il patto Australia-Regno Unito-Stati Uniti (Aukus), con l’obiettivo di garantire sottomarini a propulsione nucleare per l’Australia e collaborare su tecnologie avanzate come le armi ipersoniche e l’informatica quantistica.

Nel giugno 2022, la NATO ha designato la Cina una “minaccia strategica”, invitando i leader di Australia, Giappone, Nuova Zelanda e Corea del Sud ai suoi vertici annuali. Il mese scorso, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha ospitato il primo ministro giapponese Fumio Kishida e il presidente sudcoreano Yoon Suk-yeol a Camp David per rafforzare le relazioni, comprese quelle militari, con il Giappone e la Corea del Sud.

Gli Stati Uniti hanno già 50.000 soldati schierati in Giappone, principalmente sull’isola di Okinawa, e quasi 30.000 soldati in Corea del Sud. Altre basi americane sono presenti in Tailandia, Singapore, Filippine e Pakistan. Un arco militare che circonda la Cina e costituisce una prima linea di difesa per contenere le truppe cinesi e nordcoreane in caso di conflitto aperto. Per rafforzare ulteriormente questo sistema, gli Stati Uniti potrebbero fare affidamento sulla NATO, creando una sorta di coalizione internazionale contro Cina, Corea del Nord e Russia. Questi ultimi due paesi si sono avvicinati ancora di più questa settimana firmando un accordo di mutua difesa.

A due settimane dal vertice dell’Alleanza Atlantica di Washington, che segnerà il 75esimo anniversario dell’organizzazione, sarà comunque sul tavolo il dossier per valutare inizialmente l’apertura di un ufficio permanente della NATO a Tokyo e per riaffermare l’opposizione dell’Alleanza a qualsiasi aiuto militare dalla Corea del Nord e dalla Cina alla Russia nella sua guerra contro l’Ucraina. Il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg non perde occasione per criticare Pechino, come questa settimana, quando ha dichiarato: “La Cina non può avere entrambe le cose. Non può continuare ad avere normali relazioni commerciali con i paesi europei e allo stesso tempo alimentare la più grande guerra che abbiamo visto in Europa dalla seconda guerra mondiale. »

Il resto dopo questo annuncio

Questo cambiamento dialettico e strategico nella NATO è nuovo. Dopo la seconda guerra mondiale, gli Stati Uniti stabilirono una rete di alleanze bilaterali nel Pacifico, firmando trattati di difesa con Giappone, Filippine, Tailandia, Corea del Sud e Taiwan. Questo sistema consisteva nella creazione di staffette militari nella regione, ma non includeva un’alleanza regionale formale.

Nel Pacifico, la Cina dispone già di 370 navi, rispetto alle 291 della Marina americana

A quel tempo, leader come Chiang Kai-shek di Taiwan e Rhee Syngman della Corea del Sud erano visti come piantagrane che potevano scatenare guerre regionali e trascinare il mondo in un nuovo conflitto globale. Bastò allora la potenza militare americana e lo spiegamento in Asia della 7a Flotta per calmare gli ardori di Pechino.

Ma oggi gli equilibri di potere stanno cambiando. La marina cinese è ora alla pari con quella degli Stati Uniti nel Pacifico. La flotta cinese conta già 370 navi, contro le 291 della marina americana, senza contare la presenza di truppe nordcoreane e russe nella zona. Nuova Zelanda e Australia, un tempo distanti in prima linea, sono ora in prima linea contro Pechino.

Ogni giorno si verificano scontri nel Mar Cinese tra la marina cinese e la guardia costiera filippina, per non parlare della questione di Taiwan, l’isola sotto protezione americana ma rivendicata dalla Cina comunista. Il Giappone ha rivisto la sua Costituzione pacifista per prepararsi alla guerra oltre i suoi confini e cooperare con gli Stati Uniti. Una prima volta dal 1945. È Tokyo che sta spingendo più forte per la creazione di un’alleanza militare di tipo NATO nella regione.

Ma gli ostacoli alla formalizzazione di questa alleanza asiatica restano notevoli, soprattutto perché attualmente nessun accordo formale prevede l’intervento dei paesi della NATO in caso di aggressione da parte di uno dei loro partner asiatici. Molti paesi si oppongono, a cominciare da Francia e Germania, preoccupate per le possibili conseguenze di un simile accordo sulle loro relazioni economiche con la Cina, la seconda potenza mondiale.

“La creazione di un’Alleanza per la sicurezza del Pacifico potrebbe essere una risposta necessaria alle ambizioni territoriali della Cina e alle crescenti tensioni nella regione, ma è anche una scommessa rischiosa”, sottolinea Ariel Cohen, ricercatore presso il centro Eurasia di Washington. Il 40% del commercio verso l’Europa passa attraverso il Mar Cinese e un conflitto assesterebbe un duro colpo all’economia mondiale, ben oltre quello che sta accadendo attualmente con la Russia.

-

NEXT Le Antille minacciate dall’uragano Béryl, classificato come “estremamente pericoloso”: notizie