In Cile, arresto di due uomini sospettati di essere responsabili dell’incendio che ha ucciso 137 persone a febbraio

-
>>

Veduta aerea dell’incendio che ha colpito le colline della cittadina di Viña del Mar, Cile, il 3 febbraio 2024. JAVIER TORRES/AFP

Le fiamme provocarono ufficialmente la morte di 137 persone, ne colpirono quasi altre 16.000 e devastarono interi quartieri. Il presidente cileno Gabriel Boric ha descritto l’incendio come “la più grande tragedia” del Paese da più di dieci anni. Venerdì 24 maggio, più di tre mesi dopo i fatti, sono stati arrestati un pompiere e un funzionario forestale, sospettati di essere all’origine di questo incendio mortale che ha colpito la città di Viña del Mar, nel Cile centrale.

Leggi anche | Incendi in Cile: immagini della distruzione nel centro del Paese

Aggiungi alle tue selezioni

“Oggi è stato emesso un mandato di arresto per l’autore degli incendi avvenuti a febbraio nella regione di Valparaiso”, dove si trova la città di Viña del Mar, ha dichiarato il direttore della polizia, Eduardo Cerna, durante una conferenza stampa organizzata al termine delle indagini, riferendosi ad un pompiere. Poco dopo, la procura regionale di Valparaiso ha confermato l’arresto di una seconda persona: un funzionario della Corporazione nazionale forestale (Conaf), l’organismo responsabile della lotta agli incendi boschivi e della gestione dei parchi nazionali. I due uomini saranno posti in custodia sabato per incendio doloso che ha causato la morte.

L’incendio è scoppiato il 2 febbraio attorno alla località di Viña del Mar, situata nella regione turistica di Valparaiso, a poco più di 100 chilometri a ovest di Santiago. Secondo la procura, l’incendio è partito da piccoli incendi scoppiati simultaneamente nei pressi del lago Peñuelas, situato vicino alle località turistiche di Viña del Mar e Valparaiso. Le fiamme si sono propagate rapidamente a causa del caldo e delle raffiche di vento.

Secondo Ivan Navarro, commissario del commissariato incaricato di indagare sui crimini commessi contro l’ambiente (Bidena), gli investigatori sono riusciti a ricostruire esattamente cosa ha fatto il pompiere arrestato prima, durante e dopo l’incendio. Secondo i media locali, quest’uomo di 22 anni si è unito ai vigili del fuoco, composti da volontari in Cile, un anno e mezzo fa. “Siamo stati in grado di determinare i luoghi esatti in cui sono scoppiati gli incendi e di trovare il dispositivo che ha causato gli incendi”ha aggiunto il signor Navarro.

“Un incidente completamente isolato”

E’ stata accertata anche la partecipazione di un secondo soggetto, accusato di essere l’ideatore della vicenda. “Gli ha fornito le conoscenze necessarie per creare questi dispositivi e gli ha anche spiegato i tempi esatti in cui avrebbe dovuto operare affinché l’incendio provocasse maggiori danni”ha spiegato il commissario.

Leggi anche | Articolo riservato ai nostri abbonati In Cile, incendi mortali responsabili della “più grande tragedia” degli ultimi dieci anni

Aggiungi alle tue selezioni

“Siamo completamente devastati da quanto accaduto, si tratta di un incidente completamente isolato (…) ci prendiamo cura di Valparaiso da oltre 170 anni e non possiamo permettere queste cose”ha dichiarato alla stampa Vicente Maggiolo, comandante della 13e Compagnia dei vigili del fuoco della città di Valparaiso.

Fin dall’inizio dell’incendio, le autorità locali hanno affermato che si è trattato di dolo. “Tutti gli abitanti di Viña del Mar sapevano che si trattava di un atto volontario (…) e oggi possiamo avere questo grado di certezza”ha dichiarato il sindaco di questa città, Macarena Ripamonti.

Elementi di accensione trovati a casa sua

I vigili del fuoco non sono riusciti a spegnere l’incendio a causa della mancanza di strade o perché si sono ritrovati bloccati negli stretti accessi alla città. “Ci sono stati circa quattro focolai, equidistanti tra loro”ha detto Osvaldo Ossandon, pubblico ministero specializzato in incendi.

Nella sua abitazione sono stati rinvenuti gli elementi con cui il sospettato arrestato ha appiccato l’incendio e sono in corso le indagini per stabilire se fosse coinvolto in altri incendi precedenti, ha aggiunto il pubblico ministero. Questo arresto costituisce “Un atto di giustizia (…) per coloro che hanno perso la vita nell’incendio, per le loro famiglie, per coloro che hanno perso tutti i loro averi, il lavoro e che ancora oggi lottano”ha dichiarato il ministro degli Interni, Carolina Toha.

Il mondo con l’AFP

Riutilizza questo contenuto

-

PREV Incendi del Pantanal legati all’espansione agricola e al cambiamento climatico
NEXT Rishi Sunak, il “becchino” dei conservatori