“Con i traumi che ho vissuto… niente mi predestinava a questo ambiente”

“Con i traumi che ho vissuto… niente mi predestinava a questo ambiente”
“Con i traumi che ho vissuto… niente mi predestinava a questo ambiente”
-

Demi Moore è una donna ossimorica e spettacolarmente modesta. Quando l’attrice di “Ghost” arriva sulla spiaggia di Carlton dove deve consegnare i trofei Chopard a due giovani attori promettenti, si intrufola come la donna invisibile. Tuttavia, la guaina blu laguna di paillettes che lo fascia e la tormalina Paraïba turchese grande come una pallina da golf che lo adorna, ne ricordano lo status di star. In una frazione di secondo, il tempo necessario per lasciare che il suo parrucchiere sostituisca una lunga ciocca nera, l’americana offre un sorriso perfetto, con potente sicurezza, al gruppo di fotografi che la incitano.

Demi Moore, nata Demetria Gene Guynes l’11 novembre 1962 negli Stati Uniti, entra in scena. Sua madre gli ha dato un nome che ha trovato su una rivista, non importa se era una marca di shampoo. La sua infanzia è la stessa. Genitori devastati dalla loro follia distruttiva, dalla droga, dall’alcol. “Ero la ragazza la cui madre cercava sempre di uccidersi”, scrive Demi Moore nel suo libro di memorie, “Inside Out”, pubblicato nel 2019. Di questo passato pesante di cui non nasconde nulla nelle pagine di questa biografia catartica, Demi Moore laverà via le offese ottenendo un ruolo ricorrente da protagonista nella soap opera televisiva “General Hospital”. Il suo debutto al cinema è avvenuto nel 1990, interpretando la moglie di Patrick Swayze in “Ghost”.

Divenuta l’archetipo dell’attrice americana sexy, Demi Moore, che formò con Bruce Willis una delle prime “coppie di potere” pubblicizzate a Hollywood, ebbe una serie di riprese e successi: “Uomini d’onore”, “Proposta indecente” , “Molestie”, “Striptease”. In quegli anni divenne l’attrice più pagata di Hollywood, tanto da guadagnarle il soprannome di “Gimme Moore”. Al pari di Jack Nicholson o Tom Cruise, l’americana dimostra combattività nell’imporre le sue scelte. Posò nuda e incinta fino al collo, sulla copertina di “Vanity Fair” nel 1991. All’inizio del 2000, “GI Jane” lasciò Bruce Willis per sposare Ashton Kutcher, un attore di sedici anni più giovane di lei.

Nel 2024 interpreta il ruolo da protagonista in “The Substance”, di Coralie Fargeat, primo film horror selezionato nel concorso ufficiale. Demi Moore ingoia una sostanza che genera una versione migliore di se stessa, più giovane, più bella, più perfetta. Uno scenario che riecheggia la vita di una donna che non ha mai nascosto i suoi difetti, come le sue passate dipendenze da droga e alcol, né i suoi traumi – è stata vittima di stupro all’età di 15 anni. Eppure non c’è un briciolo di pathos nelle sue parole. Una delle sue tre figlie una volta disse: “Mia madre non è stata allevata, è stata creata. » In un’epoca che tende a trasformare le donne in eterne vittime, Demi Moore possiede uno straordinario senso di redenzione. Durante questa intervista, la parola che dice più spesso è “accettazione”. Come se accettare il suo destino gli avesse permesso di scongiurarlo.

Mi piace che il cinema mi sfidi, mi provochi, che mi faccia pormi delle domande, che il personaggio mi scuota

Demi Moore

Partita di Parigi. Questa è la seconda volta che vieni al Festival di Cannes, noto anche per il suo famoso tappeto rosso e i suoi fiumi di diamanti. Qual è la tua definizione di glamour?
Demi Moore. Non importa cosa indossi, essere glamour per me è sentirsi bene, essere in sintonia con te stesso. Ebbene, devo ancora ammettere che Cannes è l’unico posto al mondo dove ogni sera vengono consegnati a casa gioielli sontuosi! E i gioielli come quelli che ho indossato ieri al trofeo Chopard sono… wow.

Il resto dopo questo annuncio

Cosa dicono di una donna i gioielli che indossa?
Cosa vuole mostrare di se stessa. Nella mia vita privata indosso capi molto semplici. Ma quando mi esibisco, le parure di alta gioielleria di incalcolabile preziosità e valore ti trasportano in un altro mondo, quello del divertimento e della fantasia. I gioielli come il cinema sono espressioni della creazione. Non solo sono un modo per riflettere i tuoi sentimenti ma, ognuno a modo suo, racconta una storia. A volte i due parlano con la stessa voce, come ieri sera al trofeo Chopard. Ho accettato di farne la madrina, perché questo premio sostiene i giovani attori da più di vent’anni. Per me è un impegno importante essere lì per loro e sostenerli.

Come ti senti quando sali le scale?
A volte posso essere sopraffatto dalle emozioni, ma prima di tutto apprezzo quanto sono fortunato ad essere lì.

Mi sento più libero oggi di quando avevo 20 anni. Questo fa parte del processo di autoaccettazione.

Demi Moore

Hai un film in concorso, “The Substance”, di Coralie Fargeat, puoi dircelo di più?
Questa è la prima volta che ho un film nella selezione ufficiale di Cannes. La storia è unica. Affronta il modo in cui le donne integrano le questioni della giovinezza, dell’invecchiamento e della bellezza mentre gli uomini le idealizzano. C’è anche un aspetto cruento che piacerà agli appassionati del genere. “La Sostanza” mette in discussione anche l’immagine che le donne hanno di se stesse.

A 61 anni sei eccezionalmente bella. Tuttavia, come ti avvicini all’invecchiamento? In positivo evocando i benefici della maturità o pensi come Charles de Gaulle che “la vecchiaia è un naufragio”?
[Demi Moore éclate de rire.] Un po ‘di entrambi ! Dipende dal giorno. Ci sono momenti in cui mi guardo allo specchio e mi dico che questo non è possibile. Gli esseri umani sono programmati per invecchiare, non è sempre molto divertente. Ma oggi mi sento più libero di quando avevo 20 anni. Questo fa parte del processo di autoaccettazione. Senza dubbio perché non dobbiamo solo accettarci, ma anche apprezzarci. Se sei infelice, l’infelicità si manifesta sul tuo volto, il dolore viene da dentro e si disperde all’esterno.

Come scegli i tuoi ruoli?
Preferisco chi mi spinge fuori dalla mia zona di comfort. Mi piace che il cinema mi sfidi, mi provochi, che mi faccia pormi delle domande, che il personaggio mi scuota. I ruoli che ho interpretato hanno spesso sfidato l’ordine stabilito. In “The Substance” mi sono sentito vulnerabile più volte, ma è da questa vulnerabilità che traggo i miei più grandi punti di forza.

I drammi mi hanno aiutato a crescere

Demi Moore

Ti piace essere vulnerabile?
Lo odio! Ma riconosco l’importanza della debolezza.

Se dovessi scegliere tre film emblematici della tua carriera?
“Ghost”, “On Equal Arms” e il terzo… quello in arrivo.

Se non avessi fatto l’attrice, che lavoro avresti fatto?
Psicologo o forse psichiatra.

Dici questo in relazione all’infanzia che hai vissuto al punto che alcuni parlano di un miracolo essere sopravvissuto a tante tragedie?
Se guardo l’ambiente da cui provengo e i traumi che ho vissuto… È vero, sulla carta niente mi predestinava a questo ambiente o a questa professione. Ma quando vedo dove sono oggi, mi dico che queste tragedie mi hanno aiutato a crescere. Credo che tutto ciò che ci accade ci arricchisce.

Non hai davvero il profilo di una vittima.
Sicuramente no!

hai qualche rimpianto?
Mai, è una perdita di tempo. Cerco di avere compassione per quelli che chiamiamo errori ma che potrebbero non essere errori.

-

NEXT Valady. Jean Couet-Guichot e Gaya Wisniewski, due artisti residenti nella regione