abbiamo visto Horizon, la folle scommessa di Kevin Costner che vuole reinventare il western

-

Ecran Large torna sulla Croisette per l’edizione 2024 del Festival di Cannes, in collaborazione con Métal Hurlant. Ed è ora di tornare a Orizzonte: una saga americanaprima parte dell’epopea sulla conquista dell’Occidente di Kevin Costner, presentata fuori concorso.

Métal Hurlant ci accompagna quest’anno a Cannes, nella nostra esplorazione delle diverse selezioni del festival. Attraverso racconti a fumetti e articoli sull’attualità culturale, Métal Hurlant sviluppa con eclettismo, in quattro numeri all’anno, un’immaginazione senza limiti. Una linea editoriale totalmente in linea con la sete di sperimentazione e scoperta del Festival di Cannes.

Dopo quasi un secolo di dominio sul cinema americano (e non solo), il western è diventato l’esempio massimo di un genere talmente esaurito da estinguersi da solo. Tuttavia, alcuni irriducibili credono ancora fermamente nel suo potere di fascino e nella potenza delle sue immagini. Questo è il caso di Kevin Costner (Balla coi lupi, Campo aperto), che ha beneficiato del successo della serie Yellowstone per iniziare con la tua Arlesienne: la saga epica Orizzonte.

Horizon: il ritorno del western?

Di cosa si tratta ? Nel West americano, per più di un decennio, si sono incrociati e scontrati tanti (troppi?) destini, indigeni e colonizzatori.

Come è stato ? Se c’è davvero una ricorrenza in questo Cannes 2024 è quella dei progetti folli e insensati, maturato da artisti tenaci nonostante i desideri dell’industria. Per tutti coloro che continuano a temere una standardizzazione algoritmica della settima arte, c’è qualcosa di galvanizzante nel vedere Francis Ford Coppola o Jacques Audiard non darsi limiti.

Tuttavia, Orizzonte si trova un po’ nello stesso paniere di Megalopoli, nel senso che il suo approccio creativo senza compromessi si rivela molto più entusiasmante del risultato finale. Da Ballando con i lupi E Campo aperto, Kevin Costner sognava di tornare dietro (e davanti) la macchina da presa per un grande affresco epico nella piena conquista del West, nonostante i successivi rifiuti di Hollywood. Non importa: l’uomo ha attinto alla propria fortuna (in particolare ipotecando la casa) per realizzare i primi due capitoli di una saga pensata come una trilogia (o anche di più, se il successo c’è).

Salve

Orizzonte ha ambizioni, non possiamo togliergliele. Visivamente, la scelta del formato 1,85 (e non 2,39 come ci si potrebbe aspettare) ancora i suoi paesaggi americani a una scala spettacolare, senza mai perdere di vista la connessione umana e una certa travolgente verticalità sui volti dei suoi personaggi.

Allo stesso tempo, l’orizzonte del titolo è fin dall’inizio parassitato da pali, poi da croci, piantati nei territori ancora vergini della valle di San Pedro. Il peccato originale americano è la proprietà privatae il suo modo di segnare la storia di questi luoghi attraverso il numero sempre crescente di cadaveri ivi sepolti.

Da un punto di vista puramente teorico, Costner affascina con questo pregiudizio, che trova tutta la sua potenza nella sua scena migliore: durante un attacco degli Apache a una giovane colonia, una madre (Sienna Miller, sempre brillante) e sua figlia (Georgia MacPhail) si nascondono in una cantina condannata non ha altro che la canna di una pistola per respirare in superficie.

Horizon: An American Saga - Capitolo 1: foto, Sienna MillerUna delle migliori trame

Ballando con la stella

Dal Montana al Wyoming passando per il Kansas, i vari panorami del cineasta sono intrisi dell’odore di morte e riflettono soprattutto l’inevitabile escalation di violenza. Iniziare con, ci piace vedere punti di vista alternativi di Costner e i campi, sia che filmi nativi americani determinati a difendere la loro terra o coloni in cerca di vendetta. Non è sempre bello, ma i parallelismi che tesse (tutti perdono i propri cari, devono scegliere con quale alleato partire, ecc.) tendono verso un’uguaglianza di forze per rendere giustizia a una grande saga che dura da troppo tempo i vincitori.

Il problema sono le troppe forze presenti. A partire dal 1853, Orizzonte racconta di volta in volta la storia di una madre braccata dalla banda dell’ex marito (Jena Malone), l’andirivieni dei sopravvissuti a un massacro dei nativi americani, l’arrivo dell’esercito che preannuncia la guerra di Secessione o addirittura il seguito di un convoglio in il deserto. In mezzo a tutto questo, Costner si offre il bellissimo ruolo, quello del vecchio cowboy sexy, muto ma dal cuore grande, presunta chiave di volta di queste narrazioni destinate a sovrapporsi.

Horizon: An American Saga - Capitolo 1: foto, Sam WorthingtonHorizon: An American Saga - Capitolo 1: foto, Sam WorthingtonAnche Sam Worthington va in giro

Diciamo “presunto”, perché questa prima parte diOrizzonte è solouna (molto) lunga introduzione di tre ore, che passa il suo tempo vagando di scena in scena, di personaggio in personaggio, senza mai collegare nulla. L’esercizio diventa tanto faticoso quanto vano, poiché la durata fastidiosa del film raramente è al servizio dello sviluppo dei protagonisti. Ci sono alcuni lampi di genialità sparsi (una discussione tesa tra Costner e un fuorilegge dal grilletto facile), ma l’investimento richiesto dal regista non mantiene mai le sue promesse.

Non soffermandosi su nulla, saltando da una situazione all’altra (spesso trascurando la nostra memoria o il nostro impegno emotivo), il tutto ha l’aria di un primo montaggio approssimativo, di manie di grandezza inghiottite dalla sua stessa megalomania. Come prova, vogliamo il suo finale del tutto arbitrario, che si conclude senza preavviso con un montaggio del suo futuro seguito. Chiaramente, Kevin Costner ama il genere e cerca tanto di modernizzare il suo approccio tematico quanto di riunire un secolo di storia cinematografica (un po’ John Ford qui, un po’ Eastwood là).

Horizon: An American Saga - Capitolo 1: foto, Kevin CostnerHorizon: An American Saga - Capitolo 1: foto, Kevin CostnerIpotecare la casa è stata una buona idea?

In linea di principio è esilarante, ma in realtà abbiamo l’impressione di vedere il lungometraggio alternarsi tra diverse missioni di Red Dead Redemption. Di fronte all’ambizione eccessiva diOrizzonte, è difficile non pensare ai capolavori di Rockstar Games, e al loro ricco dipinto di un territorio americano in piena trasformazione. Lì può succedere di tutto e, nell’enclave della sua gigantesca mappa, ogni giocatore può incontrare altre persone, aiutarle, ignorarle o ucciderle.

In questa natura ibrida risiede tutto il paradosso di questa versione cinematografica involontaria. Da un lato, Orizzonte è rivolto al passato, a un buon vecchio tempo dimenticato che Costner spera di attualizzare (anche se è difficile credere che il progetto sia fattibile al botteghino, tra la sua durata e il suo lato scadente a volte toccante). L’altro, il regista punta a una forma di completezza narrativa degna dei nuovi mediacome se avesse mescolato la scrittura di videogiochi con diverse stagioni di Yellowstone, il tutto con un’ampiezza estetica d’altri tempi riservata al grande schermo. Vogliamo chiaramente rendere omaggio allo sforzo e ai suoi eccessi. Detto questo, attenzione all’indigestione.

E quando esce? In Francia, Orizzonte uscirà nelle sale il 3 luglio. La sua seconda parte arriverà l’11 settembre.

-

PREV Un’intera notte di spettacoli all’Abbazia
NEXT Sport e cultura, binomio vincitore del festival Tant de Paroles