Un aumento dei casi Covid osservato in Francia, con l’avvicinarsi delle vacanze e dei Giochi Olimpici

Un aumento dei casi Covid osservato in Francia, con l’avvicinarsi delle vacanze e dei Giochi Olimpici
Un aumento dei casi Covid osservato in Francia, con l’avvicinarsi delle vacanze e dei Giochi Olimpici
-

“È iniziato con sudori nel cuore della notte e gambe che tremavano. All’inizio lo attribuivo ai cambiamenti repentini del tempo finché un collega non mi ha detto: +stai attento, il Covid ritorna!+ I All’inizio sono rimasta sorpresa, ma sono andata a fare il test dopo il lavoro ed era assolutamente positiva”, dice Rita, una quarantenne dell’Ile-de-France. “Questo è il mio secondo Covid e tossisco molto, sapendo che ho l’asma”, aggiunge.

A più di quattro anni dall’inizio della pandemia, come in altri Paesi europei, convergono diversi segnali di diffusione in aumento.

Negli ospedali o nella medicina di comunità, “i ricorsi per sospetta Covid-19 continuano ad aumentare da otto settimane”, anche se rimangono ancora modesti, ha osservato mercoledì Sanità pubblica francese.

Un aumento “sempre più marcato”, sia per le visite ai pronto soccorso (+52% in una settimana) che a SOS Medici (+51%, con 1.507 procedure dal 3 al 10 giugno).

Profilo, sintomi, follow-up: a che punto siamo oggi con il Covid lungo che colpisce almeno 65 milioni di persone?

Anche le acque reflue, dove la presenza di Sars-CoV-2 viene monitorata in 12 stazioni, mostrano una chiara progressione della circolazione virale nell’ultimo mese.

I giovani sono stati i primi a illustrare il ritorno del Covid, sulla scia dei concerti della cantante americana Taylor Swift a Parigi a maggio. Sui social media, i fan hanno mostrato i loro test positivi o hanno incoraggiato altri “Swifties” a sottoporsi al test.

“Dopo un lungo periodo di bassa attività”, diversi paesi europei hanno registrato una ripresa dell’epidemia nelle ultime settimane, ha recentemente riferito il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC).

“L’aumento era prevedibile”, ha detto all’AFP Mircea Sofonea, epidemiologo dell’Università di Montpellier e dell’Ospedale universitario di Nîmes.

La causa: “un declino immunitario” della popolazione, ma anche “una fuga immunitaria” delle nuove sottovarianti del virus, tutte appartenenti alla linea Omicron JN.1, secondo questo esperto. La proteina Spike, che consente a SARS-CoV-2 di entrare nelle cellule ospiti, sembra presentare mutazioni chiave in queste varianti.

Attenzione al cocktail delle Olimpiadi

“Non ci sono prove, a nostra conoscenza, che questa nuova ondata causi un impatto sulla salute maggiore rispetto alle due precedenti”, secondo Mircea Sofonea.

Nulla suggerisce una maggiore gravità delle varianti attuali, incluso un nuovo derivato di Omicron, chiamato KP.2 e soprannominato “FLiRT”, rilevato in Europa e negli Stati Uniti.

Se, dal maggio 2023, l’Organizzazione Mondiale della Sanità non considera più la pandemia un’emergenza sanitaria globale, ricorda puntualmente che il SARS-CoV-2 “continua a circolare ed evolversi”. Resta il rischio di una variante più pericolosa.

È stato istituito un percorso assistenziale “post-Covid-19” per i pazienti delle cure primarie

“L’evoluzione di Omicron dalla fine del 2021 ci mostra fino a che punto l’evoluzione della SARS-CoV-2 sia tutt’altro che lineare: lignaggi più antichi riemergono grazie a un significativo salto evolutivo, poi si diversificano, si ricombinano”, ha osservato l’epidemiologo.

E se il SARS-CoV-2 ha il potenziale per diventare stagionale, secondo diversi esperti, ciò non è ancora una realtà.

Nel corso del tempo e delle ondate, l’impatto del Covid sui ricoveri e sui decessi è però molto diminuito, grazie all’elevato livello di immunità acquisito attraverso vaccinazioni e/o infezioni. Ma non è zero, e ad esso si aggiungono i Covid lunghi.

Se con il tempo i vaccini perdono la loro efficacia contro le infezioni, rimangono molto protettivi contro le forme gravi, insistono le autorità sanitarie.

“Rispetto ad esso il Covid-19 è un piccolo player”: la diffusione di un virus mette in allerta esperti e autorità sanitarie

Una nuova campagna, rivolta agli over 80 e ai più vulnerabili, è iniziata a metà aprile in Francia.

Per meglio abbinare le mutazioni del virus, alla fine di aprile l’OMS ha raccomandato formulazioni mirate al lignaggio JN.1 per i futuri vaccini anti-Covid.

La mascherina resta consigliata, soprattutto in caso di sintomi, nei luoghi trafficati e in presenza di persone vulnerabili.

E resta d’obbligo cautela per i Giochi Olimpici. Perché il cocktail di “mescolanza, promiscuità, contesto conviviale favorisce la trasmissione del Sars-CoV-2, come di altri virus respiratori”, ha ricordato Mircea Sofonea.

-

PREV Gli ex giovani volontari sono considerati una fonte di orgoglio nazionale
NEXT quando è previsto il discorso dell’ex presidente americano alla convention repubblicana e come posso seguirlo?