Arielle Dombasle ripensa alla sua decisione di non voler figli: “C’è una pressione sociale terribile”

Arielle Dombasle ripensa alla sua decisione di non voler figli: “C’è una pressione sociale terribile”
Arielle Dombasle ripensa alla sua decisione di non voler figli: “C’è una pressione sociale terribile”
-

Un argomento che aderisce alla pelle delle donne. Durante la sua incredibile carriera, Arielle Dombasle ha interpretato molti personaggi: attrice, cantante, regista, sceneggiatrice e perfino conduttrice di riviste. Un ruolo in particolare, quello di madretuttavia, non è mai stata eseguita e mai lo sarà dalla star 73enne.

Un tabù persistente

Presente questo sabato sul set di “Che tempo!” Per promuovere la sua nuova opera Iconics, uscita il 24 maggio, Arielle Dombasle ha parlato con Léa Salamé della sua scelta di non avere figli. “Pensavo che sarei morto a 32 anni, ho sempre avuto questa idea. Mia madre mi mancava così tanto, era una figura che conoscevo a malapena, ed era così infelice perché era in una angoscia“, ha sottolineato per prima.

Arielle Dombasle scandalizzata dalla messa in onda di un documentario su Netflix

Come molti rappresentanti del gentil sesso, l’abitante di Grosses Têtes purtroppo ha subito tutto il peso della pressione sociale che accompagna questa decisione: “Non avevo figli ed è stata una decisione che ho preso molto, molto giovane. Sono decisioni che prendiamo dal profondo del nostro essere, mi sono sempre detta: ‘Sarò una donna che non avrà figli’. E ci sono rimasto fedele. E c’è una pressione sociale terribile, a tutte le età della mia vita ho persone che mi dicono ‘ma Arielle sei pazza, perché?’ È un grande tabù”.

-

NEXT Sandrine Kiberlain traumatizzata da un attacco subito a 17 anni