Tesori barocchi. La pittura nel Borbonese nel XVII secolo

Tesori barocchi. La pittura nel Borbonese nel XVII secolo
Tesori barocchi. La pittura nel Borbonese nel XVII secolo
-

Cosa possiamo fare quest’estate per sfuggire ai Giochi Olimpici, i cui effetti deleteri si fanno già sentire, un mese prima dell’inizio delle competizioni? Contrariamente a quanto si potrebbe credere dalla propaganda incessante scatenata dai media e dalle molteplici mostre nei musei requisiti per l’occasione, alcuni resistono ancora agli invasori. Vere e proprie mostre, con uno scopo, catalogate e che danno luogo a restauri fondamentali per il patrimonio sono infatti visibili quest’estate quasi ovunque in Francia.

Tra questi, abbiamo già parlato di quello del Mobilier National sulle opere di Notre-Dame e sui dipinti germanici a Digione, Besançon e Colmar…. Parleremo presto di Jean Daret ad Aix-en-Provence e dei disegni nordici a Orléans. E si svolgono altre mostre che, pur non essendo patrimoniali nel senso delle precedenti, sono comunque storia dell’arte, come Jean Hugo a Montpellier, Jean Lurçat a Perpignan, Berthe Morisot a Nizza, Whistler a Rouen, fotografia impressionista a Le Havre. .. Quelli che non abbiamo citato vi preghiamo di scusarci.

È quindi soprattutto in provincia che potremo sfuggire ai festeggiamenti obbligatori attorno alla “grande festa dello sport”. E per questo motivo vale la pena visitare Moulins per vedere in particolare la mostra dedicata alla pittura borbonese del XVII secolo. Questo lascia tempo, poiché è iniziato lo scorso febbraio e non finirà fino al 5 gennaio 2025.


1. Giovanni Gherardini (1655-1723)

L’Assunzione della Vergineintorno al 1680-1684

Affrescare

Mulini, Palazzo di Giustizia

Foto: Didier Rykner

Guarda l’immagine sulla sua pagina


Come spiega il catalogo (piccolo ma dove tutte le opere esposte beneficiano di una scheda completa), il termine “barocco” è qui usato in senso lato, quello dell’arte del XVII secolo, che formalmente può ancora essere manierista, classica o barocco nel senso più comunemente accettato. Tuttavia, siamo per…

Per accedere a questo contenuto è necessario abbonarsi a La Tribuna dell’Arte. I vantaggi e le condizioni di questo abbonamento, che ti permetterà anche di sostenere La Tribuna dell’Arte, sono descritti nella pagina di iscrizione. Se desideri testare l’abbonamento, puoi abbonarti per un mese (a 8€) e se non ti va bene, chiedici con una semplice email di disiscriverti (almeno dieci giorni prima del prossimo addebito).

Se sei già iscritto, accedi utilizzando questo modulo.

-

NEXT Arte in Lussemburgo: l’arte di strada è esposta su 200 metri