“L’Atelier rouge”, di Matisse, il tesoro non amato è tornato a Parigi

“L’Atelier rouge”, di Matisse, il tesoro non amato è tornato a Parigi
“L’Atelier rouge”, di Matisse, il tesoro non amato è tornato a Parigi
-

Alla Fondazione Louis Vuitton, le opere che circondavano il dipinto di Matisse sono disposte su entrambi i lati del dipinto L’Atelier rouge.
François Bouchon/Le Figaro

RECENSIONE – La Fondazione Louis Vuitton invita il pubblico a visitare il venerato pittore dell’arte moderna. E regala, attraverso il confronto tra opera e soggetti, una lezione di pittura.

Matisse nel 1911, è il Matisse che ama Sergei Chtchoukine (1854-1936), questo leggendario collezionista per il quale aveva creato Danza nel 1909. La Fondazione Louis Vuitton ha riunito, a Parigi nel 2016-2017, poi a Mosca al Museo Pushkin nel 2019, le due parti della sua visionaria collezione di arte francese dell’inizio del XX secolo.e secolo, separati dalla Rivoluzione e dallo stalinismo. Un capitolo passato riguarda i rapporti tra Francia e Russia.

Matisse nel 1911 lo è L’Officina Rossa, il suo capolavoro assoluto la cui apparente semplicità, lo sguardo intimo del pittore sulla sua bottega di Issy-les-Moulineaux e sulle piccole persone delle sue creazioni, sconcertarono il suo tempo. A partire dal suo committente, lo stesso Sergei Shchukin, il suo primo mecenate, che non comprendeva la bellezza radicale del dipinto, nonostante il suo occhio avanguardista, preferì L’officina rosa e rifiutato L’Officina Rossa portato da Matisse a Mosca per lo sviluppo del Palazzo Trubetskoy, lasciandolo sconvolto…

Questo articolo è riservato agli abbonati. Ti resta il 90% da scoprire.

Vuoi leggere di più?

Sblocca immediatamente tutti gli oggetti.

Già iscritto? Login

-

PREV Jean-Claude Gandur sceglie Caen per il suo futuro museo d’arte
NEXT L’Italia confisca la statua greca di Lisippo dal Getty Museum di Los Angeles