Borsa: Wall Street finisce in rialzo grazie al calo dei tassi obbligazionari

-

(Foto: Getty Images)

REVISIONE DEL MERCATO. La Borsa di New York, che aveva iniziato la sessione in modo esitante, giovedì ha concluso in netto positivo, sostenuta da un calo dei tassi obbligazionari dopo che le richieste di lavoro settimanali negli Stati Uniti sono state più forti del previsto.

Il principale indice azionario canadese ha segnato un nuovo record, spinto dalla forza dei settori dell’energia, delle telecomunicazioni e dei metalli di base.

Per (ri)consultare le notizie di mercato

Indici di borsa in chiusura

A Toronto, il S&P/TSX è salito di +114,67 punti (+0,52%) a 22.373,83 punti.

A New York, il S&P500 ha guadagnato +26,45 punti (+0,51%) a 5214,12 punti.

IL Nasdaq ha raccolto +43,51 punti (+0,27%) arrivando a 16.346,26 punti.

IL DOW ha chiuso con +331,43 punti (+0,85%) a 39.387,82 punti.

IL pazzo ha raccolto +0,0024 USD (+0,3298%) arrivando a 0,7312 USD.

IL olio è aumentato di +0,59 USD (+0,75%) arrivando a 79,58 USD.

L’oro è aumentato di +27,40 USD (+1,18%) arrivando a 2.349,70 USD.

IL bitcoin ha chiuso in rialzo di +176,68 USD (+0,28%) a 62.415,87 USD.

Contesto

“Abbiamo avuto un bel recupero in questa sessione. Ciò è dovuto principalmente al fatto che sono aumentate le richieste settimanali di sussidi di disoccupazione, il che ha contribuito a far scendere i rendimenti obbligazionari”, ha spiegato Peter Cardillo di Spartan Capital.

Le richieste settimanali di sussidi di disoccupazione negli Stati Uniti sono balzate al livello più alto in nove mesi a 231.000, mentre gli analisti si aspettavano 214.000 nuove richieste di risarcimento.

Questi dati paradossalmente hanno dato un po’ di sollievo al cuore del mercato azionario, che era posizionato per iniziare a scendere dopo diversi risultati aziendali deludenti.

Un aumento delle richieste di disoccupazione “potrebbe essere un segnale che le condizioni del mercato del lavoro si stanno attenuando”, ha affermato Nancy Vanden Houten di Oxford Economics.

Il rallentamento del mercato del lavoro è uno degli obiettivi della Federal Reserve americana (Fed) nella lotta contro il surriscaldamento e l’inflazione. Ciò rassicura il mercato azionario che prevede almeno un taglio dei tassi entro la fine dell’anno.

I tassi obbligazionari sono scesi significativamente al 4,45% rispetto al 4,49% del tasso a dieci anni.

Un altro fattore che ha abbassato i tassi e ridato lustro alle azioni è stata l’emissione di buoni del Tesoro trentennali per 25 miliardi di dollari USA (US$G). “La domanda di questi titoli è stata leggermente superiore alla media, il che ha allentato la pressione sul mercato obbligazionario”, ha commentato Pietro Cardillo.

Dal lato del valore, i titoli di diverse aziende sono stati sanzionati dopo risultati o prospettive deludenti.

Questo è il caso della piattaforma di prenotazione degli alloggi Airbnb (ABNB), che è sceso del 6,87% a 147,05 dollari, mentre prevede vendite inferiori a quelle previste dagli analisti per il secondo trimestre, con un minimo di 2,68 miliardi di dollari.

Tuttavia, la società afferma di sperimentare una “forte domanda di viaggi”, in particolare con i Giochi Olimpici che si terranno quest’estate a Parigi.

Il gruppo britannico braccio (ARM), una filiale della giapponese SoftBank e paladina delle architetture di microprocessori, è scesa del 2,34% a 103,59 dollari.

Il risultato trimestrale ha superato le aspettative con un fatturato di 928 milioni di dollari (M$US) quando gli analisti scommettevano su 866 milioni. Ma le sue proiezioni per l’anno hanno deluso gli investitori.

La piattaforma di videogiochi Roblox è crollata del 22,06% a 30,42 dollari, mentre ha rivisto al ribasso le sue previsioni di attività per l’anno, sollevando dubbi sull’entusiasmo dei consumatori in generale.

Nel primo trimestre, l’azienda ha tuttavia visto diminuire le perdite e il fatturato è aumentato da 655 milioni di dollari di un anno fa a 801 milioni di dollari.

Titoli bancari conclusi in verde Banca d’America (BAC, +1,51% a 38,28 USD) o Citigroup (C, +0,91% a 63,32 dollari USA) mentre per la prima volta in cinque settimane, i tassi sui mutui ipotecari a 30 anni – lo standard negli Stati Uniti – sono diminuiti, il che potrebbe rilanciare la richiesta di prestito.

L’azione molto volatile di La società mediatica di Donald Trump (DJT), è balzata del 10,41% a 54,39 dollari, dopo aver annunciato di aver nominato un nuovo revisore dei conti. Il suo precedente revisore dei conti era stato inserito nella lista nera dall’organismo di vigilanza del mercato azionario, la SEC, per frode.

Il gigante spagnolo Costruzione ferroviaria ha avuto un inizio difficile nelle contrattazioni a New York, scendendo del 17,10% a 40 dollari.

Iscriviti alla nostra newsletter tematica:

Finanza personale: ogni venerdì

Lasciati ispirare dai consigli dei nostri esperti di pianificazione finanziaria e da tutte le novità che possono influenzare la gestione del tuo patrimonio.

-

PREV Voltalia si aggiudica un progetto solare da 130 MW
NEXT Una donna svizzera si ritrova tra lenzuola sporche, macchiate di sperma