Elezioni legislative 2024. Violenza contro il candidato LR-RN Nicolas Conquer: cosa sappiamo

Elezioni legislative 2024. Violenza contro il candidato LR-RN Nicolas Conquer: cosa sappiamo
Elezioni legislative 2024. Violenza contro il candidato LR-RN Nicolas Conquer: cosa sappiamo
-

Par

Julien Muñoz

pubblicato su

2 luglio 2024 17:44

Vedi le mie notizie
Segui La Presse de la Manche

Lì, un tweet che indica che Cherbourg-en-Cotentin (Manche) è diventata una “ spietato ” nelle mani di sociologi» (sic).

Ecco, un messaggio che si interroga su cosa ne sarà della Francia se LFI “libera i prigionieri il 14 luglio”.

Un uomo pensa che sia ora “le armi parlano in Francia, visto che la guerra è qui”quando una donna lo assicura “La sinistra picchia i bambini”

Su X (ex Twitter), un risultato impressionante violenza verbaleveniva riversato attraverso schermi interposti. La stragrande maggioranza delle volte, da persone che non sono del territorio. Alcuni lo chiamano il destrasferaquando altri preferiscono chiamarlo “fascosfera”.

Innanzitutto ci sono fatti, la cui gravità valuterà la gravità, ma che in ogni caso non trovano posto al centro di un dibattito democratico. E questo, qualunque siano le idee e i valori politici trasmessi.

Convinzioni unanimi

Durante la serata di questoLunedì 1È Luglio 2024, al termine di una sequenza di campagna elettorale nel centro della città di Cherbourg-en-Cotentin, Nicolas Conquer, candidato LR-RN, e alcuni attivisti sono stati aggrediti in Place du Théâtre. Erano da poco passate le 19, era l’intervallo di Francia-Belgio in televisione.

Eravamo pronti a partire, finora era andato tutto molto bene. Poi un’orda di persone si è avvicinata a noi, senza motivo, per attaccarci fisicamente. Ci furono proiettili e insulti.

Nicolas Conquista

Due uova, lanciate, hanno colpito il candidato al braccio e alla testa. Sono state pronunciate anche invettive.

“Spero che i miei avversari condannino questi fatti”ha inveito Nicolas Conquer, puntando il dito contro quella che chiama l’estrema sinistra.

Fatti condannati all’unanimità dai politici locali, da sinistra a destra, da Anna Pic a Camille Margueritte, da Benoît Arrivé a David Margueritte.

Il sostegno di Éric Ciotti e Marion Maréchal

Da lunedì sera, il prefetto della Manica ha avuto uno scambio telefonico con il candidato.

Quest’ultimo ha ricevuto il sostegno di Éric Ciotti, il presidente dei repubblicani che lo ha investito nella Manica.

Lo Stato deve garantire l’ordine e consentire il libero esercizio della democrazia. Questi delinquenti devono essere puniti severamente!

Éric Ciotti, presidente dei repubblicani

La sinistra ha accusato… ingiustamente

Un argomento condiviso con Nicolas Conquer e i suoi sostenitori, minato alla luce dei fatti, secondo la polizia.

Il giovane arrestato non è in alcun modo legato ad un’organizzazione politica di sinistra, né ad un movimento di estrema sinistra. I fatti non sono legati ad una rivendicazione politica. Siamo qui per uno scherzo da scolaretti.

Laurent Damarin, commissario di polizia di Cherbourg-en-Cotentin

Secondo fonti della polizia, i giovani si trovavano al bar con gli amici e hanno visto una folla attorno ad un candidato che tirava. Sarebbero andati a comprare delle uova da lanciargli addosso.

Una versione confermata nel pomeriggio dalla Procura.

Sembra che l’imputato, posto in custodia di polizia dopo i fatti, avesse approfittato dell’intervallo della partita di calcio che stava seguendo per acquistare una scatola di 10 uova. Un secondo individuo presente viene ascoltato come imputato. Individui sconosciuti senza affiliazione nota. Va notato che le fotografie sarebbero state scattate poco prima o subito dopo gli eventi tra l’autore principale e il candidato.

Pierre-Yves Marot, pubblico ministero di Cherbourg-en-Cotentin

I due accusati sono perseguiti per violenza durante riunioni senza ITT.

Segui tutte le notizie dalle tue città e media preferiti iscrivendoti a Mon -.

-

PREV Inchiesta sulla morte sospetta di un sessantenne a Hanches
NEXT Per abbassare i prezzi dell’elettricità, il prossimo governo dovrà cambiare le regole