“Non c’è passato. Esiste solo il presente, il futuro”

“Non c’è passato. Esiste solo il presente, il futuro”
“Non c’è passato. Esiste solo il presente, il futuro”
-

Giovedì mattina, giorno di mercato a Monsempron-Libos (47). Ai piedi del Massiccio Centrale, tra verdure, pollame, fiori e carri spinti da una grande maggioranza di teste bianche, un volto familiare. Si aggira con l’ombrello in mano, dopo essere scomparso dai radar per qualche tempo. Dieci anni. “Hey ciao!” Posso baciarti? » Jérôme Cahuzac ritrova i Fumélois e i suoi abitanti. “Come se fosse ieri”, ama ripetere ancora e ancora. “Finalmente sei tornato…” sussurra una passante con gli occhi scintillanti davanti alla candidata legislativa che opportunamente si rivolge ai giornalisti. “Hai sentito cosa ha detto quella signora?” »

L’ex ministro del Bilancio non ha dimenticato nulla del funzionamento di una campagna elettorale. Distribuisce sorrisi e strette di mano, quasi come se non se ne fosse mai andato… Quasi. “Non sono molto contenta”, dice Martine allo staff di eletti locali che l’accompagnano. “Mentiva ancora davanti a milioni di persone. Non abbiamo più fiducia nella politica a causa di questo tipo di comportamento. Ma ehi, voterò comunque per lui. » La sua vicina e tuttavia amica storce il naso: «Non credi che ci siano altri che hanno fatto di peggio? Ha pagato per tutti. » Atmosfera al mercato. Cahuzac divide.


A Blanquefort-sur-Briolance, roccaforte della sua vice Sophie Gargowitsch, l’accoglienza è più riservata.

Loïc Déquier/SO

“Complicità”

Per alcuni abitanti del terzo distretto di Lot-et-Garonne, Cahuzac non è l’ex ministro del Bilancio che ha frodato il fisco e ha mentito alla rappresentanza nazionale. È l’ex vicesindaco di Villeneuve, che ha lavorato per il suo collegio elettorale. “È certo che salverà il territorio”, dice Annie, membro del suo comitato di sostegno, senza moderazione. “Continuerà il lavoro che ha iniziato. Inoltre, guarda il suo programma. Tutto riguarda assolutamente il territorio. » Unica differenza: ai suoi tempi d’oro, Jérôme Cahuzac era membro della maggioranza, era presidente della commissione delle finanze e beneficiava quindi di un importante bilancio parlamentare…

“Penso che siano come me”, analizza il candidato. “La complicità e l’intesa sono le stesse che esistevano qualche anno fa… Perdonatemi, ma non c’è un passato. C’è solo il presente, il futuro. » Parlando proprio del passato, «è senza di me», insiste. Alla minima domanda sulla sua convinzione, si arrabbia molto. “Non risponderò. » Le domande restano nonostante tutto. “Un insegnante deve avere la fedina penale pulita per esercitare, ma non un deputato? Non capisco”, dice un commerciante.

” No comment “

Nel cuore di questo paesaggio collinare, segnato dalle vestigia di un passato industriale pesante, vivono molti ex metalmeccanici della fabbrica Fumel. Philippe, 70 anni, è tra questi. “Il piano amianto [ndlr, qui a indemnisé les travailleurs de l’usine exposés à ce produit], è grazie ai sindacati ma anche a Jérôme Cahuzac. Di sicuro voterò per lui”. Altri progetti si aggiungono al piano amianto della fabbrica. “Se c’è un ospedale a Villeneuve-sur-Lot è grazie a lui. Anche la RN 21 è lui”, dicono insieme Annie, Serge, Christine e Jean-Jacques.

“Non gli manca l’aria. Se manca fiducia nella politica è a causa di questo tipo di carattere. L’ascesa anche della Rn»

A qualche chilometro di distanza, a Blanquefort-sur-Briolance, roccaforte della sua vice Sophie Gargowitsch, l’accoglienza è un po’ meno calorosa… “Non commenterò… Ma ho fiducia in Sophie”, commenta un negoziante su il mercato di questo piccolo villaggio. Altri, che non hanno osato dire nulla davanti al settantenne, sono molto più taglienti una volta che lui volta i tacchi. “Non gli manca l’aria. Lui è parte del problema. Non è la soluzione. Se manca fiducia nella politica è a causa di questo tipo di carattere. Anche l’ascesa della RN», sussurra questo abitante di Blanquefort. “So già per chi voterò al primo turno. D’altra parte, se ci fosse un faccia a faccia RN-Cahuzac nel secondo turno, non viaggerò. »

“Reputazione pro-Macron”

Nella valle di Fumélois, il partito di Jordan Bardella ha avuto un buon successo alle elezioni europee. “In realtà ho un solo avversario: il RN”, ripete Jérôme Cahuzac che, come il suo vice, vuole riportare il collegio elettorale a sinistra. Infine il “centrosinistra”. “Se sarai eletto, a quale gruppo ti unirai nell’Assemblea? », domanda Martine, curiosa. “Non mi siederò con gli estremi”, risponde quello che già si vede al Palais Bourbon. “Spero che si creino gruppi tra questi due estremi, tra cui uno di centrosinistra. »


Le opinioni divergono sul mercato Monsempron.

Loïc Déquier/SO

E la sua vicinanza al Presidente della Repubblica? Anche qui Martine si interroga. “Molte persone ti danno la reputazione di pro-Macron…” “Non è un insulto. È un democratico, ne è la prova, dà voce al popolo, è repubblicano. Possiamo discutere senza metterci d’accordo… Macron invece non lo sa, ma per lui è finita», si burla il fantasma che assicura che in caso di triangolare si ritirerà se arriverà in terza posizione. “Al primo turno scegliamo. Nella seconda eliminiamo. »

-

PREV Contrazione delle azioni americane | I prezzi del petrolio stanno aumentando
NEXT È ancora possibile produrre cibo a basso costo in Francia?