I Laboratori Pierre Fabre ricevono il Premio Internazionale Galien per EBVALLO

I Laboratori Pierre Fabre ricevono il Premio Internazionale Galien per EBVALLO
I Laboratori Pierre Fabre ricevono il Premio Internazionale Galien per EBVALLO
-

I Laboratoires Pierre Fabre ottengono il premio Galien International nella categoria “Miglior prodotto per una malattia rara/orfana” per il trattamento con EBVALLO® (tabelecleucel), indicato in monoterapia per il trattamento di pazienti affetti da malattia linfoproliferativa post-trapianto e positiva all’Epstein- Virus Barr (LPT EBV+) che hanno ricevuto almeno un trattamento precedente.

Nella stessa cerimonia, EBVALLO® ha ricevuto il Prix Galien Italia nella categoria “Farmaci per terapie avanzate”. Questi due premi seguono quello del Prix Galien France ricevuto nel dicembre 2023.

EBV+ LPT è una neoplasia ematologica rara e potenzialmente fatale. Questo tipo di linfoma si sviluppa nei pazienti trapiantati con una risposta immunitaria compromessa a causa dell’immunosoppressione, consentendo al virus EBV di proliferare e formare linfoma. EBVALLO® è un trattamento citotossico composto da linfociti T diretti contro il virus Epstein Barr presente sulla superficie delle cellule tumorali. Il trattamento viene preparato utilizzando cellule di donatori sani immunizzati contro il virus EBV. Le cellule di diversi donatori vengono conservate in una banca di cellule, pronte per essere selezionate e inviate a un paziente.

Emblema di rigore scientifico, eccellenza e innovazione, il Prix Galien International premia le recenti innovazioni sanitarie straordinarie messe a disposizione del pubblico. Viene assegnato a seguito di una valutazione da parte di un comitato indipendente di esperti. Premiato oggi in una quindicina di paesi, la sua notorietà e influenza lo hanno reso il più grande riconoscimento nel settore. Attraverso questo premio, la giuria mette in risalto la terapia innovativa che EBVALLO® rappresenta, grazie al suo processo di fabbricazione e al suo meccanismo d’azione. Offre risultati clinici rapidi e duraturi in oltre il 50% dei casi, in una patologia rara con una prognosi particolarmente sfavorevole, causando significativa morbilità e mortalità.

Questo premio mette in risalto la capacità di innovazione dei Laboratori Pierre Fabre in ambito oncologico, una delle aree prioritarie del loro sviluppo, e la loro capacità di stabilire collaborazioni di successo, come quella con Atara Biotherapeutics, una biotecnologia americana. Nel dicembre 2023 è stato firmato un accordo globale che conferisce ai Laboratori Pierre Fabre il diritto di sviluppare, produrre e commercializzare EBVALLO® in tutto il mondo. EBVALLO® è stato approvato dall’Agenzia europea per i medicinali (EMA) nel dicembre 2022 e, ad oggi, questo nuovo promettente trattamento è commercializzato in Germania e Austria. In Europa, EBVALLO® è disponibile per i pazienti nell’ambito di un programma di accesso anticipato da luglio 2023.

“Siamo molto orgogliosi di ricevere questo premio che dedichiamo ai pazienti. Si tratta del riconoscimento del grande progresso terapeutico che EBVALLO® rappresenta per i pazienti affetti da un tumore raro e con una prognosi molto sfavorevole, che fino ad ora avevano importanti bisogni medici non soddisfatti. Questo cancro, che colpisce ogni anno alcune centinaia di persone in tutto il mondo, è in perfetta sintonia con il nostro scopo: ogni volta che ci prendiamo cura di una sola persona, rendiamo il mondo un posto migliore. » ha dichiarato Éric Ducournau, direttore generale del gruppo Pierre Fabre.

“Questo riconoscimento di EBVALLO®, la prima immunoterapia allogenica con cellule T da donatore sano, è un enorme incoraggiamento a continuare i nostri sforzi contro le malattie rare per fornire supporto e cura a ogni paziente che sopporta solo le difficoltà legate alla sua condizione, ma che si confronta, troppo spesso, anche con l’assenza di soluzioni terapeutiche. Desideriamo quindi dedicare questo premio ai pazienti che sono al centro della nostra missione, nonché ai team dedicati che hanno investito la loro esperienza nella nostra continua ricerca di ricerca e innovazione nel trattamento delle malattie rare. » ha dichiarato Núria Perez-Cullell, direttrice del dipartimento Medicina, Pazienti e Consumatori dei Laboratori Pierre Fabre.

Fonte: Laboratori Pierre Fabre

-

PREV Maurel et Prom si quota in borsa dopo un forte aumento del fatturato nel primo semestre
NEXT Per abbassare i prezzi dell’elettricità, il prossimo governo dovrà cambiare le regole