Alluvione Yonne: il livello si alza, comuni con i piedi nell’acqua e alcune strade bloccate

-

Dopo le forti piogge degli ultimi due giorni, diverse località del sud del dipartimento hanno di nuovo i piedi nell’acqua questo venerdì 21 giugno. Nel bacino a monte dell’Yonne, in allerta arancione per piene e inondazioni, il fiume ha lasciato il suo letto in alcuni punti tra Châtel-Censoir e Coulanges-sur-Yonne. Vengono tagliate anche le strade. Le prime conseguenze delle inondazioni osservate nel settore di Clamecy (Nièvre).

Un temporale accompagnato da forti precipitazioni ha colpito il dipartimento dell’Yonne nella notte tra mercoledì 19 giugno e giovedì 20 giugno 2024, provocando lo straripamento dei fiumi Yonne, Cure e Beuvron da giovedì nella Nièvre. Il bacino a monte dell’Yonne è stato messo in allerta arancione per inondazioni giovedì pomeriggio. Livello di allerta mantenuto questo venerdì. Le Serein è entrato in allerta gialla questo venerdì 21 giugno mattina.

Temporali nell’Yonne: il monte Yonne ancora in allerta arancione per “inondazioni e inondazioni” questo venerdì, il Serein si tinge di giallo

Danni alle aziende agricole e tagli alle strade

A Brosses, la fattoria Pechery è allagata da giovedì. L’alluvione si stava ritirando, ma una ventina di animali dovevano essere riparati. “Ieri mattina il cortile era allagato. L’acqua era alta più di 1,20 metri. Avevamo l’acqua fino alla vita. I nostri animali sono stati sistemati in un edificio alto, altrimenti sarebbero annegati. I danni sono molti, quasi tutti i nostri cereali hanno assorbito sia l’acqua che i motori elettrici”, spiega Robert-Axel, stagista presso l’azienda agricola.

Consumo di acqua del rubinetto sconsigliato a Vézelay a causa di un problema di torbidità legato al maltempo

A Merry-sur-Yonne, la RD100 è stata chiusa al traffico alla fine della mattinata di questo venerdì. Il canale del Nivernais e l’Yonne diventano in alcuni punti un tutt’uno.

Allagata anche la carreggiata della RD 321, nei pressi della fermata nautica di Châtel-Censoir. “È davvero impressionante, si è alzato molto velocemente dopo il temporale, nella notte tra mercoledì e giovedì. Vivo qui da cinque anni e non avevo mai visto una cosa del genere. Ci sono strade dove la gente ha i piedi nell’acqua,” ha confidato Anthony, un residente che non ha potuto proseguire il suo percorso in bicicletta a causa dell’acqua.

Inoltre, il fiume Yonne ha continuato a crescere questo giovedì mattina nei pressi del parco Arbre-Sec, ad Auxerre, dove il picco di piena è previsto nella notte tra venerdì e sabato.

“Il mio cortile sembrava una piscina”: una trentina di case colpite dall’alluvione a Clamecy

Scrivere

-

PREV euro e dollaro a livelli elevati sul mercato della valuta nera in Algeria
NEXT Intervista ad Arnaud Binard e Maya Rose, la coppia padre-figlia dell’ultima campagna Moncler