Lot-et-Garonne: madre accusata dell’omicidio delle figlie disabili condannata a 14 anni di carcere

Lot-et-Garonne: madre accusata dell’omicidio delle figlie disabili condannata a 14 anni di carcere
Lot-et-Garonne: madre accusata dell’omicidio delle figlie disabili condannata a 14 anni di carcere
-

Al bar, l’imputata ha assicurato mercoledì che le sue figlie, scomparso da sette anni, erano ancora vivi. “Tutti avrebbero voluto che le ragazze fossero vive, ma non lo sono”, ha detto il procuratore generale.


La madre accusata dell’omicidio delle sue figlie gravemente disabili, scomparse da sette anni, è stata condannata giovedì 20 giugno a 14 anni di reclusione penale dalla corte d’assise del Lot-et-Garonne.

Mercoledì, Naïma Bel Allam si è difesa martellando”alto e rumoroso“che le sue due figlie, di 12 e 13 anni al momento della scomparsa, erano”ancora vivo e che ne aveva notizie, anche se non le vedeva più”da marzo 2017“.

Naïma Bel Allam avrebbe potuto fornire una prova di vita che avrebbe fermato tutto, ma non lo ha fatto. Tutti vorrebbero che le ragazze fossero vive ma non lo sono.“, ha dichiarato il procuratore generale Corinne Chateigner, che aveva chiesto dai 12 ai 13 anni di reclusione. Non ammetterà mai quello che ha fatto perché è riuscita a convincersi che i suoi figli fossero ancora viviha aggiunto il magistrato che ha ricordato che “il ritrovamento di un cadavere o di elementi umani non costituisce omicidio“.

Per l’avvocato difensore Me Sophie Grolleau, “in questo caso tutti parlano di ipotesi, di diverse possibilità; ciò significa necessariamente che c’è un dubbio, e in diritto, il dubbio deve avvantaggiare l’imputato“.”Deluso“della sentenza, la difesa”si riserva il diritto di ricorrere“.

Modifiche alla versione

Naïma Bel Allam, risultata libera per “omicidio premeditato aggravato”, ha ammesso mercoledì di aver cambiato versione per sfiducia nei confronti delle autorità e per paura di essere accusata.sotto tutela“delle sue figlie. Questa ex commercialista di origini marocchine aveva inizialmente dichiarato di aver affidato le sue figlie a una coppia marocchina in un’area di sosta autostradale in Spagna, versione smentita dagli inquirenti.. In udienza, la cinquantenne ha raccontato di averli regalati a un “gruppo di amici” conosciuti nel 2015 in Marocco.

ALTRO DOPO QUESTA PUBBLICITÀ

Le due adolescenti, nato con malformazionisono stati visti l’ultima volta il 7 dicembre 2016 nell’istituto specializzato di Tonneins (Lot-et-Garonne), dove sono stati curati.

Perseguita per la prima volta per “abbandono di minori” e incarcerata da settembre 2017 a novembre 2021, Naïma Bel Allam ha visto la sua accusa riclassificata nel gennaio 2018, dopo la scoperta di una macchia “brunastra” a casa di Nérac che presenta il DNA di una delle sue figlie. Mercoledì, interrogata sulla sua accurata pulizia di questa macchia, l’imputata ha risposto confusamente: “Quando pulisco, lo faccio accuratamente“.

Oggi abbiamo una convinzione, ma non è un successo perché non abbiamo le risposte che ci aspettavamo“, ha reagito Me Sylvie Brussiau, l’avvocato del padre delle adolescenti, che era separato da Naïma Bel Allam e non vedeva le sue figlie da diversi anni quando sono scomparse.

(aggiornamento con AFP)

ALTRO DOPO QUESTA PUBBLICITÀ

-

PREV 14 luglio: dove vedere i fuochi d’artificio a Puy-de-Dôme?
NEXT Per abbassare i prezzi dell’elettricità, il prossimo governo dovrà cambiare le regole