Morte di Khémais Khayati, figura emblematica del cinema tunisino

-

La scena mediatica, cinematografica, culturale e artistica tunisina ha appena perso l’illustre critico cinematografico, giornalista, accademico e scrittore tunisino Khémais Khayati, morto martedì all’età di 78 anni, informa in un comunicato il Ministero degli Affari Culturali.

Khémais Khayati è nato il 10 dicembre 1946 a El-Ksour (governatorato di Kef). Laureato all’Ecole Normale d’Teachers di Tunisi, laurea in Sociologia (Parigi X Nanterre), certificato in Etnologia (Parigi), ha conseguito un Master in Sociologia della cultura a Parigi X Nanterre sul tema “Novità letterarie e il socialismo nella rivista al-Fikr” sotto la direzione di Albert Memmi.

Khémais Khayati è considerato uno dei più grandi critici nel campo del cinema e dell’audiovisivo in Tunisia. È stato inizialmente critico cinematografico per il quotidiano “L’Action”, editorialista del Panorama de France-Culture. È Fondatore della rivista bimestrale “CinemArabe”, critico cinematografico di “al-Yom Assabi”, responsabile dell’Ufficio Stampa dell’Institut du Monde Arabe. È stato membro del comitato di selezione della Settimana della Critica di Cannes e collaboratore abituale di FR3 (Mosaico), giornalista di RFI (Arabo), ha ricoperto la carica di vicepresidente del Consiglio Internazionale del Cinema e della Televisione (UNESCO ). È stato anche conduttore di programmi cinematografici della televisione tunisina e ha ricoperto l’incarico di redattore capo della sezione cultura del quotidiano al-Sabah.

Khémais Khayati ha pubblicato numerosi libri sia in francese che in arabo, tra cui “La Palestina nel cinema” (1976), “Salah Abu Seif. Regista egiziano” (1995), “Problemi del cinema palestinese” (1995), “Cinema arabo” (1996), “Queste stelle che ti guidano” (1998), “JCC 50+ Fertile memory” (2016) e molti altri ancora. .

Gli è stato reso omaggio durante la 32a edizione delle Giornate Cinematografiche di Cartagine (JCC 2021) assegnandogli un Tanit onorario insieme al critico senegalese Baba Diop.

-

NEXT Per abbassare i prezzi dell’elettricità, il prossimo governo dovrà cambiare le regole